(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Iscrizioni nella città di Forli e suo territorio dall'Anno 1180 al 1800 con illustrazioni"

Ef8f> 



MB 

■n 



Ktw: 



55 

?55 




\ 



4^11 



ODD ^ 



Digitized by the Internet Archive 
in 2013 



http://archive.org/details/iscrizioninellacOOcava 

















FORU E SIO TERRITORIO 



*»U'ftnit* 1180 mi 18 



COIN ILLfSTKAZIOM 






▼ ueiico ▼ 

(BBHl 1 MM 1 WD MffilWl 



COM ILLUSTRAZIOM 



monumenla fatiscunt 

Mors etiam saccis, nominibusque venit. 
Auson. Epigr. xxxiv. 




DALLA TIPOGRAFIA CASALI 

1849. 



JV, jB» 4^ Jjctinoiu affc nuafi e cotitroppoito V aiicuAco , o 
ciauo Jtatc coffocate afttoi>e aCfotouaiido ^' iucouuucio fa 
dtampa , o piu non n tuwenucio. 



I 



z. 



A CIIl LEGGERA 



? « 



I 



J motivo precipuo che ni indusse a raccogli'ere le iscri- 
zioni sparse nella citta di Forli e sno Terrilorio ; gran parte 
delle quali piii presto per incuria degli uomini 3 che per eda- 
cita del tempo o si perdettero , o patirono guasti nel corso 
di pochi lustri; fu quello di corner vare ai poster i alcnni 
monumenli che servir polessero alia storia patria. Vediamo 
in fatto quanto vantaggio recassero le iscrizioni anliche , se 
poniam mente alle opere dottissime di Giusto Lipsio 3 di Isac- 
co Casaubono > di Guglielmo Enrico Nieupoort , di Giovanni 
Meursio e di lanti altri 3 che quasi sempre se ne giovaro- 
no per le loro senienze. Se dunque da queste venne tanto 
ajuto alia storia de' tempi lontani , perche trascurercmo quel- 
le del nostri? Ripetero col chiarissimo Scipione Maffei * pa- 
rermi error grande » il disprezzare 3 e il non far conserva 
» delle ( iscrizioni ) posteriori; quasiche per essere barbare di 
y> stile e deformi di carattere 3 preziose esser non possano per 
» notizie tanto piii utili talvolta e tan'o piii necessarie, quan- 
» to di cose piii vicine 3 e di tempi piii oscuri . » 

Dove poi fosse detto 3 che questo mio divisamento non si 
confa al genio predominante della moderna letter atxir a 3 e che 
io pigmeo non doveva sobbarcarmi a cotanto peso; risponderd, 
che non mancano del tutlo uomini i quali non dispregiano 
fatiche di questo genere ; e che se all' intendimento mio potra 
seguire quando che sia un qualche giovamenio 3 comportero di 
buon grado quanto saranno per oppormi i rigorosi Aristarchi. 

Notizie del nuovo 3Iuseo d"" Iscrizioni in Vevona — Yenezia, Coleti 17"20 
pag. 208. 



s 



BFELljia. CATTED RALE 



i. 

Di dietro all' altar maopre 



* 



VT ERGA SALVTIFERV LIGNVM 
IN QVO DEVS HOMO VICTOR MORTIS OCCVBVIT 

ET IN PR^ECLARA INVENTIONE 
PASSIONIS SViE MIRACVLA SYSCITAVIT 

F1DELIVM LATRIA FOVEATVR 
GEORGIVS VIV. NVS MA.RCHESIVS PAT. VS FOROL. IS 

ET EQVES ORD. IS S. STEPHANI 
ARA HANC MAXIMA MARMOR. BIJS CIRGVMSEPTA 

SVPPLEX EREX1T ANNO SALVTIS MDCCXX. 



II. 

NELLA CAPPELLA DEL S. PROTETTORE BELLA CITTA 

Di dietro all' altare 

VALERIANI • MARTYRIS 

SOCIORVM • Q • LXXX 

ET GRATI • ET • MARCELLI 

CONFESSORVM 

IN • PACE 



III. 

IV I. SOPRA LE PRIME PORTE LATERALI 

A destra * 

OSSA • SANCTORVM 

VALERIANI 

SOCIORVM • MARTYRVM 

ET GRATI • ET • MARCELLI 

CONFESSORVM 

EX SARCOPHAGO • AD • LEVAM ■ HVIVS • CELLAE 

ANTIQVITVS • LOCATO 

PER VRBEM • CVM • OMNI • CVLTV ■ DELATA 

POPVLO • VNDIQVE • CONFLVENTE 

MEKCVRIALIS • PRATVS • EPISCOPVS • ET • PATRICIVS 

SVB HAC • ARA _HONORIFICENTIVS 

IV NONAS MAI AS • AN • M • DCC • LXXXV 

P- 



IV. 

IVI, SuFKA LE PRIME FORTE LATEHALI 

A sinistra * 

DEO • AETERNO • SACRVM 

IN • IIONOREM 

S- VALERIAM • MARTYRIS 

HVIVS • VRBIS • TVTELARIS 

ALIORVMQVE • SAINCTORVM • MARTYRYM 

ET • CONFESSORVM 

QVORVM • SACRAS • RELIQVIAS 

MAIORES 

IN ■ HOC • LOCO • DEPOSVERVNT 

POPVLVS • FOROLIVIENSIS 

AERE • COLLATO 

NOYVM • MARMOREVM ; ALTARE 

ANNO • M • DCC • LXXXV- 

P- C- 



V. 

IVI 

Per terra * 

DOM- 

IOSEPHO • YIC.NOLIO 

CAWERTI 

OPTATISSIMO • SANCTISSMO • Q 

SEPTEMPEDAE • PR1MVM 

POST • CARPE!NCTORACTIS(j/c) 

TVM • FORI • L1VII 

EPISCOPO 

PACEM • ET • REQVIETEM 

SVPERVM 

VIX A LXXI • M • VII • D • XIII 

OB • IV • NON • APR • A • MDCCLXXXII- 



VI. 

VICIHO AM.A POnTA 1)11. 1.A SUillESTIA 

Sollo il buslo * 

CLAVDII > C1CCOLINI 

MACEKATENSIS • PATRITII 

LIYLE • PR^SVLIS 



EXACTVM • MONVMENTVM 

SI • VIDES 

ARCAM • PVTA 

NON • MAVSOLAEVM 

INDEMNE • AB • ELVVIONE ■ TEMPORVM 

GENTILIS • MONET • COLVMBA 

MDCLXXXI 



\1I. 



Nel muro * 

HONORI 

PII • VI • PONT MAX 

PATRIS • INDVLGENTISSIMI 

QVOD 

GERMANICAE • PROFECTIONIS • CAVSA 

SVMMA • OMNIVM ■ OBDINVM 

LAETITIA 

POROLIVIVM • INGRESSVS 

ET - IN • TEMPLVM - DEDYCTVS 

HANG • SACRAM • DEIPARAE • IMAGINEM 

DEYOTLSSIME • COLVERIT 

CLERO • SENATV • MATRONIS 

AD • OSCVLVM • PEDVM ■ ADMISSIS 

QVODQVE 

POPVLVM • VNDIQVE • CONFLVENTEM 

DE • SVGESTO 

IN • VICINIORI • FORO 

SALVTARI PRECATIONE - LVSTRAVERIT 

10SEPHO • VIGNOLIO * EPISCOPO 

ASSISTENTE 

L1VIVS • AB • HASTIS • BRANDOLINVS 

ARCHIDIACONVS 

ET • SACRARII • CVSTOS 

AD • AVSPICATISSIMVM ■ DIEM 

QVI • FVIT • NON • MARTII 

ANN M • DCC • LXXXII 

POSTERORVM • MEMORIAE • COMENDANDVM 

LP- 



8 

VIII. 

AVARTI L' ALTABE DELLA B. V. DEL FDOCO 

Per terra 

D . O . M. 

FABRITII . CARD . PAULUTII . EPISC . OSTIEN . ET . VELITERN 

SACRI . COL . DECANI . POENITENT . MAIORIS . ET . CLEMENTIS 

ET . BENEDICTI . XIII . PP . MM . A . SECRETIS 

ET . PRO . IPSIS . IN . URBE . YICARI .(jic)HIC . AD . ARAM 

A . SE . EXTRUCTAiM . CONDITA . SUNT . PRAECORDIA 

OBI1T . ROMAE . PRID . ID . JUN . CIOIDCCXXVI 

VIXIT . ANN . LXXV . M . II . D . VIII. 

COSMUS . MARCH . PAULUTIUS . AVUNCULO 

DE . SE . OPT . MER. 

M . P. 



IX. 

IVI, NELLA CAPPELLA DI S. ANTONIO 

Per terra 

PRO • ARA 

QVAM 

D • ANTONIO • PATAV- 

EXTRVXERAT • EXORNAVERAT 

SEPVLCRVM 

SIBI • SVIS • Q • POSTERIS • Q • EORVM 

VALERIANVS • MORATINVS 

MARCRIO ■ ET • SACRAE • HIEROSOL • MILITIAE 

EQYES • COMMEND- 

PARARI • IVSSIT • ANN • CIDIOCCLXXI- 



X. 

IVI 

Sotto la cupola nel fregio della cornice 

SVPERVM • REGINAE 

VRBLS • CVSTODI • TVTELAE 

POPVLVS • FOROL- 

DEVOTVS • NOMINI • NVMINIQ ■ EIVS 

MUM, CONLATA • EXTRVXIT 

MARMORATO • TECTORIO 

IMC l\ HIS ARGEP H) • AVRO 

CETERO Q • CVLTV • EXORNAVIT • D • D- 



XI. 

VICINO ALLA PORTA VERSO SETTENTRIOKE 

Monumento con busto ed altre sculture * 
10 . RASPONO . RAV . foroliviensi EPfs : ° genere, uteris, obitisqve 

MVNERIBVS CLARMO, DIVTVRNA PRjESERTIM ROMA IN CVRIA ADVOCA 

TIONE, TVM PRJiFECTVRA CARPEiNTORACENSI(.w) ; IN QVA, PRATER ALIA 

FORTITER AC SVAVITER GESTA, INVETERATAS INTER PASTO 

REM ET GREGEM DISC0RD1AS EXTINXIT^ OB EAMQ: REM AB 

INNOCENTIO XI p • o m • datvs ecclesIjE foro 

LIVIENSI PRjESVL EANDEM MORVM CANDORE, AT0: 

INGENII SVAVITATE OMiNIBVS APPRIME CARVS, RELI 

GIONE INSIGNI, SAPPIENTIA(.v/c)SI[NGVLARI, MAGNIFICENTIA 

INVSITATA ALVIT, INSTITVIT, DECORAVIT 

FRATRI, AC PATRVO BENEFI: MO PRI: RAL: SEP: AN: MDCCXIV 

ET SVjE 74 VITA FVNCTO IOSE: PH FRA:, ET EX IPSO NEPO: ES 

10: BATA:, ET HYPO: s FRA: CVS RASPONI P- MDCCXVIII 



XII. 

NELLA CAPPELLA DEL CROCEFISSO 

Per terra * 

HIC IACET 
DOMINA BARBARA 
DE SCANELL1S UXOR NOB- 
DOM ALMERIC1 DE ORSELLIS 
EXPECTANS BEATA RESUREC(jtc) 
ET SVB HOC LAPIDE DEVOT 
ERGO TUMVLARIVOLVIT 
OBJT ANINO DOM- 1700 
DIE XII- 
MENSIS OCTOBRIS 

XIII. 

NEL MURO DIRIMPETTO AL BATTISTERO 

Sotto il ritratto * 

FVLVTO • TEOPHILO • PATRITIO • RO 

FOROLIVIEN • ANTISTITI 
FVRISCOINSVLTISSO • A • SYXTO • V- 

POINT • MAX • AD • HANC • ECC AM 

PROMOTO • CVI • ANN • SEPTEM • ET 

AMPLIVS • INTEGERRIME PRjEFVIT 



10 

VIXIT • ANN • LXII • M • III D • il ■ OBIIT 
NON • FEBRVARII • M • D XCIIlI 

SERTORIVS • TEOPHILVS • ADVOCA 

TVS • CONSISTORIALIS • FRATRI AM AN 

T1SSIMO PC- 



XIV. 

SOPRA LA PORTA MAGOIORE 

Sotto il busto * 

STEPHANO DE AVGVSTINIS S. R. E. CARDINALI PRESBYTERO EX ANTI 

QVISS. SENATORIA FAMILIA FOROLIVIENSI 
IN ADOLESCENT1A PRIMORDIIS IN HAC PRINCIPE ECCLESIA CANONICO 
QVI AB EMIN. M0 AVVNCVLO FBANCISCO PAVLVTIO ACCERSITVS IN VRBEM 

VIRTVTIBVS VNIVERSIS VSQVE ADEO EXCELLVIT 
VT ALEX. VII. CLEMENS IX. ET X 

CVM SECRETI ELEMOSINARII(Wc) OFF.° FVNGERETVR 
IN GRAVIORIBVS CHRISTIANS REIPVB. NEGOTIIS PEBTRACTANDIS 
EIVS OPERA CONSILIOQ. ET PERPETVO ET FELICISSIME SEMPER VTE 

RENTVR 
NVNC DEMV INOCENTIO XL YUM CAETERIS CHAR.° STATIM DATARIS 

MVNERI DAT9 
MOX PVRPVRA ETIAM ORNATVS IN MAXIMA OMNIVM EXPECTATION E 

EXTINCTVS EST 
CAPITVLV ET CANONICI COLLEGJS GLORIOSI3S. HOC GRATI ANIMI MONVM 

PERENE POSVERE 
VI. ID. SEPTEMB. ANN. DOM. M . D . C . L . XXXIII 



XV. 

BELLA NAVATA A Dr.STIlA ENTIUNDO 

Sollo il busto * 

MVNIFICENTIjE 

IACOBI THEODOLI PATRICII ROMAN1 

ARCHIEPISCOPI OLIM AMALPHITANI 

EPI FOROLIVIE= SACELLI PONTIFICII 

ASSISTENTIS 

CAPITVLVM FOROL= s,i AiMPLV OB LKGATV 

GRATI ANIMI MONVMENTVM 

POSVIT 

ANNO DHI MDCLXVI1I 



11 



XVI. 

VICINO ALLA PORTA VERSO MEZZO GIORWO 

Monumento a van marmi con busto * 

D . O . M. 

THOMAS . TORELLIUS . FOROLIVIENSIS 

NOBILI . GENTE . NATUS 

SUAVITATE . LIBERALITATE . INTEGRITATE . MORUM 

HUMANI . DIVINI . Q . IURIS . SAPIENTIA 

MULTIPLICI . LITTERARUM . GENERE . NOBILIOR 

PRINCIPIBUS . VIRIS . ET . SUMMIS . PONTIFICIBUS 

MAXIME . VERO . CLEMENTI . XI . APPRIME . CARUS 

FOROLIVIENSEM . EPISCOPA/TUM 

QUA . SUSCEPIT . INNOCENTIA 

XLVI . ANNIS . RETINUIT 

AGERE . ET . DOCERE 

CORRIPERE . ET . CONTEGERE 

OMNES . IUVARE . NEMINEM . LAEDERE 

HABUIT . SOLEMNE 

MENTE • SANA . VIRIBUS . INTEGRIS 

VIXIT . ANNOS . LXXXVIIJ 

NATURAE . CONCESSIT . AN . V . AE . MDCCLX 

PATRUO . BENEMEREKTI . SYLVIUS . TORELLIUS 

FRATRIS . FILIUS . MOERENS 

P. 



XVII. 

SOTTO I-' ARCO Dl MEZZO ENTRANDO NELLA CAPPELLA DELLA B. V. DELLA FERITA 

Per terra * 

AN E 

PR T 

D I 



XVIII. 

IVI 

Nel pilastro a dritta dell' altare di mezzo 

HjEC . BEATJE . YIRGINIS . IMAGO 

IN . FACIE . VYLNERE . IMPIE . ACCEPTO 

MIRE . EMISIT . SANGVINEM 

ET . ADHVC . CRVENTA . CICATRIX . APPARET 

MCCCCLXXXX . XV . APRILIS 



12 

XIX. 

NELLA CAPPELLA DEL SS. SACRAMENTO 

Sotto il luogo ove del 1428 fu riposta la B. V. del Fuoco 

EX NIHIL M CELOS {sic) 

ET QVI ORBE EST 

QVI FEG H1C 

CONSPIC ADEST. 

HVC COLE NIBVS FLEXiS 

ET PEG RO SIC 

POTERIS V1SERE 

NAMQVE M . D . Villi. 



XX. 

rvi 

Nella stessa parete a deslra 

HEC(.nV) XPI GENITRIX VR 



* 



BI SVFFRAGIA NRE(jic) CON 
TRA IGNEDI ET PLVVIAS 
TRADERE SEPE SOLET 
M . D . X . X . X . V. 



XXI. 

1VI 

A sinistra * 

DIVjE AGATjE 

31 ARTY III SACRVM 

M D X X X V 

XXII. 

FtJOItl 

Nel lie, 10 dell" architrave della porta maggiore * 

MARINvS CiTbIHVs ...JTcTti COHSTHVXIT PFlf M^Al'WUs 

MHO 1 POHTIPICATV8 PATLI PP . 11 . UCCCC . i.xiiui EAdX; 



13 



XXIII. 

FUOHI 

Sopra la cupola della B. V, del Fuoco 

ADI 25 9MBRE 1631 

GIO. IACOMO 

LARDELLI 

DA MACERATA 

STAGNARO 

DI SAiSTA CASA F. 



ALL' EPIGRAFI DELLA CHIESA CATTEDRALE 



I. 

ARA HANC MAXIMA etc. II cavaliere Giorgio Yiviano Marchesi per una 
malattia che ebbe fece -voto a s. Nicola da Tolenlino, che ricuperando la salute a- 
vrebbe eretto maestoso allare ornato di marmi nella cappella dedicata a queslo santo 
nella chiesa de' pp. Agostiniani. Ottenula la guurigione voile adempiere alia proruessa} 
ma incontrati ostacoli insormontabili nei frati medesimi, ne fece oflerta ai canonici di s. 
Croce per 1' altar maggiore di queslo tempio, dai quali venne di buon grado accet- 
tata. Yenlun anno appresso, cioe del 1741, si pose in animo di aggiugnervi nuo\i 
ornamenli:, ed apri il suo divisamento a nions. Tommaso de' conti Torelli vescovo di 
questa citla, affinche ne richiedesse i ricordati canonici, i quali, opponendosi alia 
nuova offerta, lo ringraziarono di tanta generosila. (1) 

II. 

ET • GRATI ■ ET • MARCELLI ■ CONFESSORVM etc. Li corpi de' Ss. Gra- 
to e Marcello vennero seppelliti da s. Mercuriale III. vescovo di questo nome nella 
chiesa di s. Stefano extra muros , siccome ne fa prova P abbate Bruno Gnocchi nel- 
le erudilissime sue disseiiazioni (2). II cav. Sigismondo Marchesi nel Supplemenlo 
storico della cilia di Forli (3) produce un istiomento rogalo dal notaro Federico di 
Giovanni da Poggio P anno 1267, nelP occasione che il vescovo Ruhelmo consacrava 
P altare di s. Yaleriano, e ne apriva il sepolcro: in tale istromento e delto che ivi e- 
rano anche i corpi de' ricordati Ss. Confessori. Io peio sono d" 1 avviso, siccome lo e 
pure lo storico Bonoli (4), che la Cattedrale non possegga se non se una piccola por- 
zione di quelle ceneri, regalata da Gervasio abbate di s. Mercuriale al vescovo Ales- 
sandro (5) circa gli anni 1160. Perocche, se il notaro Giacomo Maria di Francesco 
Aspini nel suo rogito del 1506, compilato allora cbe furono visitate le reliquie tutte 

(1) Corbici Stefano, Cronaca m. s. all' anno in- (3) Forli, per Gioseffo Selva, 1678, pag. 197. 
dicato. (4) Storie di Forli lib. II. pag. 30, ediz. prima. 

(2) Sui tre St. Mercuriali vesnovi di Forli, (5) Marchesi Geoigii Viviani, vilaeviroruw.il- 
Disseriazione 111. m. s. nelt' archivio capitolare. lustr. forol. Forolivii, Sjlva, 1726 lib. I. pag. 10. 



14 
esistenti nella ricordata chiesa abbaziale (1), asseri che in due cofanetli di bronzo tro- 
vavansi riposti quei santi corpi:, siccome veune ripetuto nel catalogo redalto l 1 anno 
1737 (2), quando furono esse in migliore e piii decente maniera collocate sotto il qua- 
dro delP altare dedicato al b. Torello, pet la pie la e cuia di mons. Tommaso Torel- 
li e dell' abbate del monastero Gaspare Antonini, nel quale catalogo cosi sta scritto: 
corpus integrum s. Grati diaconi confessoris , et corpus integrum s. Marcelli sub- 
diaconi confessoris , quorum corpora ab ipso d. Mercuriale sepulla sunt} come 
niai si polra prestar fede al rogito del precitato Giovanni da Poggio? 

IV. 

QYORVM • SACRAS • RELIQVIAS • MAIORES etc. Se dobbiamo credere a 
quanto ci riferisce il cav. Sigismondo Marchesi nel citato suo Supplemento , i corpi 
de" Ss. Valeriano e Compagni rnaitiri sarebbero stati trasportali dalla Livia (3) nella 
cbiesa di s. Croce T anno 572. D' ultra parte Leone Cobelli, sincero investigatore 
delle cose forlivesi, nelle Cronache prime, da altre anlichissime da lui raccolte e tradotte, 

cosi ci lascio scritto » clie quelli signori capitani forlouesi insieme con lo populo 

*> con bella processione con tucta la cbiereria e s.° gralo e s.° marcello lo portor- 
s> uo a foiliuio e fo sepelito in la cbiesia calhedrale in uu sepulchro de preda ecc. 
y> circa F anno 45S (4). » 

V. 

IOSEPHO • VIGNOLIO . etc. Giuseppe Vignoli patrizio Camarinese fu da pri- 
ma voscovo amministratore della chiesa di s. Severino, poscia di quella di Carpenlras- 
so, cbe rinuncio poi con un assegno annuo di scudi mille. Nel concisloro da Pio "VI 
tenuto li 15 Luglio 1776 venne eletto pastore della cbiesa forlivese, dove per le sue 
doti particolari seppe acquislarsi P amore e il rispetto di tutti i suoi diocesani. E che 
dabbene ei fosse in falto, ne lo confermo il ricordato pontefice alia presenza di non 
poclii prelati, sacerdoti e nobili, quando li 9 Marzo 1782 passava di Forli per recar- 
si a Vienna, diccdogli: voi siete h speccliio de' vescovi. Con breve apostolico dei 22 
Gennajo 1777 aggiunse alia mensa vescovile la cbiesa di s. Pancrazio. Essendo le mo- 
nadic delle anlicamenle di s. Giuliano, ora di s. Calerina, senza regola parlicolare, 
luce ad esse eleggere quella delP istiluto di s. fienedetto, e rinnovare i solenni voti il 
giorno 12 Marzo 1779. Per li tremuoli dell' anno 17S1 la chiesa caltedrale aveva sof- 
ferto gravissimi danni, ai quali ogli riporo toslo, e vi spese ben qualtro mila scudi. 
In occasione della visila de' santi Sepolcri il giovedi santo delP anno 17S0 la sover- 
diia falica gli porto infermila grave, per cui, correndo il secondo giorno delle fesle 
di Pasqua, ad un' ora di notte volo al bacio del Signore, compianto da tulto il suo 
gregge, del quale fu amorevole e zelante pastore anni cinque, mesi sei, e giorni venlotlo. 

VI. 

CLAVDII • CICCOLINI etc. Claudio Ciccolini di Maccrala ebbe in governo per 
circa u-nlidue anni la chiesa forliyese. ('on decreto di erczione, il di 11 Maggio 
1067 aggiunse al capitolo della Caltedrale i quatlro canonicati Auguslini (!i)} e 



edl ii III. Dlstertazjone dot riconinto nii.-iic dc'nosiii siorii.i. Dallo rlcordate dliierlazlonl dcli'a- 

liruti'i (.nun hi. liiile Bruno GnoccM ll puo Irarre ni'Komcnlo prr6 

Qoel Catalogo Irovail pretentemenle nell'Ar- onde ttablllre un'epocaj se non precliai nlmcno po- 

cfahrlo prlmlceriale. to dlitante dalle precliate. 

i aotlea loiii, or. i eorollamente chlamalaa. (5) ai .'in oiugno dell' anno 1858 f sotto iipnnti- 

'""'"'. I akriano in Ltarla, rial nomedelri- flcatn d' Innocenzo x, Batllita « ■ i Agoilluo AugoitlDl 

eordslo ». Manin-. nablle rorllrefe f ed uno del ooniervatorl diqursioco- 

I i bo un altro loaoronlABO ripetuto da varj muiic, con suo noncupulivo tcslaiiiciilo ordlno, cho 



So 

nell'anno 1675 adund il suo prinio sioodo, siccome 1" allro nel 1686, nei quali con soggie 
disposizioni tolse non poclii abusi inlrotlotti nel clero. La donienica 3 Agosto 1670 pose 
in clausura Ie raonache cappuccine, e il di 15 Maggio del 1672 consacro la chiesa di s. 
Filippo. Pel tremuoto del di 11 Aprile 1688 (domenica delle Palme) fece voto col po- 
polo alia Vergine del Fuoco, il quale venne poi approvato dalla sacra Congregazione dei 
Riti, e tutt' ora se ue fa devota processione il IS Maggio, destinato dall' anzidetta Con- 
gregazione a tale pio divisamento. Represse la setta dei Quielisti, annientala poscia dal 
p. Mazza doraenicano. Spossato dagli anni, ma molto piii dalle dispiacenze e faliche, 
dopo breve malattia di tre giorni, manco ai vivi li 29 Aprile 1688. 11 suo coipo 
fu sotterrato nella cappella della Madonna del Fuoco dirimpetto all' altare della Tra- 
sfigurazione^ e nella vicina parete venne posto il monumento, cbe poscia per gli ab- 
bellimenti fatti alia ricordata cappella si colloco a destra della porta della sagrestia. 

in 

GENTILIS • MONET • COLVMBA. E riferibile questo moto alio stemma Cic- 
colini, composto di sei monticelli con sopravi una colomba avente fra i piedi un ra- 
nio di olivo (1). 

VII. 

LIVIVS • AB • ASTIS etc. Venne Livio alia luce il di 19 Maggio 1748 e fu- 
rongli genitori il Conte Angelo DalP Aste Brandolini, e la contessa Rosa Piazza. Se- 
guendo le traccie de' suoi maggiori, adorno delle piii nobili virtu, e fornito delle scien- 
ze in lispensabili al carattere di vero ecclesiastico, si aperse , sebben giovinetto, la 
strada a quegli ouori che soglionsi ad alto merito compartire. Nella verde eta di anni 
diciassette fu aggregato al corpo de' canonici, e dopo pochi lustri fiegialo della Iaurea 
in ambo i diritti. Divenuto arcidiacono del capitolo, si voile da suoi confratelli vica- 
rio dopo la niorte di m. Vignoli, il quale difficile ufficio esercito quasi due anni con 
somma vigilanza, attenzione ed integrila, onde nieritossi la coraune estimazione, e 
T onorevole titolo di prelato domestico. Attese con zelo indefesso all' istruzione dei 
giovanetti nei rudimenti di nostra fede. Fu liberale di consiglio e di ajuto a chiun- 
que il richiedesse. Costretto al letto per la sua ultima infermita, in mezzo ai piu fieri 
dolori, mostro quasi sempre mente tianquilla, gioviale aspetto, e somma rassegnazio- 
ne ai voleri del Cielo \ ma spossato pei replicati urli del crudo malore (2), cede 
la sera delli 13 Agosto 1811, lasciando la famiglia e quanti lo conobbero in amare 
lagrime. Fu la di liti salma mortale deposta nella chiesa di s. Filippo, ove poi gli 
vennero fatti pomposi funerali non solo dai pareuti, ma ben anche da vari concitta- 
dini memori delle sue rare virtu (3). 

VIII. 

FABR1TII • CARD • PAULUTI1 ltc Da Cosimo, e da Luciaca Albicini entram- 
bi di nobili prosapie forlivesi, trasse i uatali Fabrizio il di 3 Aprile dell' anno 1651. 
Menlre era ancora in fresca eta, il cardinale Francesco suo zio palerno lo cbianio a 
Roma, e scortolo di buona indole e volenteroso dello studio, affinche nol deviassero 



estinguendosi la linea tanto de' maschi che delle fem- 
inine di sua famiglia, co' suoi beni (vedi il testamcn- 
to rogato da Vincenzo Fabbri notaro forlivese)si do- 
vessero erigere qualtro canonicati, cioe, due ad o- 
nore della SS. Vergine del Fuoco, e gli altri due ad 
onore della SS. Vergine sotto il titolo della Ferita , 
coll' obbligo della celebrazione in ciascuna setlimana 
di una messa all' altare iu cui e eretto il rispettivo 
canonlcato, intervenirealcoro, e soddisfare a tutti gli 



onerispettanti agli altri canonici, senza percepire del- 
le distribuzioni, ecc. 

(1) Ughelli, Italia sacra vol. II, colon. 588. N. 
LVI1I. 

(2) Mori di cistite, o infiamraazione di vescica. 

(3) L' elogio di questo buon sacerdote fu scritto 
dall 'abb. dott. d. Domenico Bolzoni di Parma, ed 
inserito nel Redattore del Rubicone N.LXYll dell' an- 
no 181 1 ^ di dove trassi in parte questi cenni. 



16 

dal retto sentiero l' ozio e i piaceri, non poco comuni in quella capitale, lo colloco 
nella accademia ecclesiastica, ove con molto fervore si diede ad apprendere le uraane 
lettere. Sopraggiunto quel porporato dalla niorle, Fabrizio anziche ritoniare alia pa- 
tria. voile ivi dedicarsi alle scienze filosofiche, e ai diritti civile e canonico, piacendo- 
gli di pioseguire nella incomiuciala camera, nienando una vila esemplare e studiosa; 
di che Innocenzo XII prese meraviglia, e lo regalo della abbazia di Monte Sarcio. 
Poco dopo essere stalo ordinato sacerdote, lo elesse al vescovado delle cbiese di Ma- 
cerata e Tolentino} e inentre attendeva al governo dell' aflidatogli gregge, essendo 
mancato di vita il cardinale Giovanni Ginetli vescovo di Fermo, venue cola manda- 
fo amruinistrutore . Re qui ebber fine le beneficenze di quel pontetice: imperocche chia- 
matolo a Roma, lo destinava nunzio ai principi del Reno-, poscia lo inviava alia corte 
di Polonia, ove ricevetle nel grembo della fede cattolica 1' elettore Augusto di Sasso- 
nia, il quale, dopo la morte di Giovanni Subieski, chiamato dai Polaccbi a loro re, 
invito il Paulucci a porgli sul capo la corona (1). In premio delle onorate e lunghe 
fatiche, il pontefice lo voile vescovo di Ferrara, e quindi a' 22 Luglio del 1G97 lo 
preconizzo cardinale prete de' Ss. Giovanni e Paolo. Clemente XI successore d' In- 
nocenzo ben conoscendo le rare parti del cardinal Fabrizio, lo creo Segretario di Sta- 
to. nominandolo altresi prefetlo della sacra Consulta, a Penitenziere niaggiore. Nel 
conclave adunato dopo la morte di Clemente veniva egli elello a pontetice} ma per la 
esclusiva della casa d' Austria caddero poi i voli sul cardinal Conti, cbe si chiamo In- 
nocenzo XIII i il quale anunirando la sua molto costanza, lo elesse Yicario di Roma. 
Da Benedetto XIII fu voluto di nuovo nelP ulficio di Segretario di Stalo, gia eser- 
citato con tanla lode. Finaliuenle, essendo vescovo d' Ostia e decano del sacro Colle- 
gio, term i no il mortal suo corso 1' anno 1726 ed ebbe sepollura nella cbiesa di s. Mar- 
cello (2). La maggior parte delle sue opulenze le impiego nel ristauro della cbiesa della 
quale ebbe il titolo, nell 1 erezione di nugnitiche case pei signori della Missione a For- 
li, a 3Iacerata, a Ferrara, e in nioltc allre opere pie (3). 

X. 
SVPERVM • REGIME etc. Merce le largizioui dei fedeli, e del Comune di 
Forli, diedesi mano a coslruire quesla cappclla V anno 1019, i pilastri della quale fu- 
rono incrostati di marmo d* Istria, e la volla e le pareti vennero adornale di pitlure 
analogbe alle diverse grazie dalla SS. Vergine conccsse, e di stuccbi dorali (4). Nell" an- 
no 1GS1 si allogo al Conte Carlo Ciguani il dipioto della cupola, intorno al quale spese 
egli ben 25 anni, poiclie sollanlo il di 28 Maggio 1700 fu scoperla al pubblico (o). 
L' eilio cardinale Fabrizio Paulucci nel 1717 a proprie spese fece sostituire all' alta- 
re primiero il magnifico cbe oggi si vede, BggillDgendovi la tribuna di bronzo dorato 
col fondo di lapislazzuli, e l' iucrostalura di alabaslro e di altri marmi delle pareti la- 
tcrali sino ai primi pilastri. Quarantasettc anni dopo inons. Francesco Piazza vesco- 
vo allora di quesla citta, ideo, e con elcmosine gia raccolle e che si raccolsero le- 
ce eseguire in parte il ricco e splendido abbellimento cbe anuuirasi in lulto il 

<\) Federiro Auguito II. fiftlio i)i QlOVairnt Giorgio ed i vUccrl sottcrratl nella chicsa della Missione, ora 

iii. eleilore 'ii Baseonloi etieodogll dopo In morte dl oinnasio. 

nni Bubleikl eonlmtaiO da \ irj eoi))petltorl il (3) Notizic tratte in parte da G'lor'/io Viv. Mar- 

regno dl Polonia, en troalli leata dldleclmlla Miionl thtti, vuue ecc. pag. hh. q teg. 

In cneorla* ed M fu Ineoronato re II dl 5. Beltembre del W Btnl SiuMano, U Ptooo trionfunie— Por- 

fedete la Biografia Univtr$att ant. mod. ed. II, cimattl 1037. pag. i:t. e seg. 
WttiagUa Peoeila 1H22 vol. 3. pag. 'ihh. ool, 2. C>) lantlU i}i]><)iitn, Vita di Carlo CignaM — 

.- il more In poala s-aio il UM0 on fu loclia Bologna, Dalla Volpc 1722. pag. 33. 

iiella cappella della it. v. del fuoto. 



17 

reslante della cappella stessa (1). Sotto il governo di monsig. Niccolo Bizzarri furono inco- 
minciati, e prosseguiti sino a certo punto i due palchidegli organi^ e 1'arcidiaconoLivioDal- 
TAste Brandolini, custode del santuario, provvide al compimento dei medesimi, siccome il 
commendatore Yaleriano Moratini all' altare di s. Antonio, e Silvio de' marchesi Torelli a 
quello della Trastigurazioue (2). Altre piccole cose mancanti vennero compiute nel 1814:, 
e 1' anno appresso il sig. Giovanni Guarini fece costruire a proprie spese la mensa, e 
il dossale dell' altare di mezzo, ornato di statuette in marmo e bronzi dorati (3). 

XI. 

IOANM . RASPONO etc. Fu a monsignor Giovanni Rasponi conferito il vescovado 
di Forli il giorno 28 Febbrajo 1G89. Nel mese di Maggio dell' anno 1692 egli raduno il 
Sinodo diocesano, cui pubblic6 con la stampa. Ebbe pei poveri una particolare premura, 
alleviando le miserie loro con frequenti elemosine. E perche il sacerdote Ignazio Ossi 
aveva cura di raccogliere i fanciulli indigenti, che, abbandonati dai loro genitori, dormiva- 
no o per le pubbliche vie, o sotto le logge, diedegli trecento scudi perche facesse acquislo 
di una casa dove ricoverarli, la quale pia opera venue chiamata in seguito della misericor- 
dia (4). Abbelli internamente la cattedrale, ampliandone anche le tin est re onde niaggior 
lume si avesse. Adorno la cappella del protettore s. Yaleriano con nobile altare di marmo. 
Fe' costruire il pulpito e le due cantorie degli organi: cosi pure le due porte lalerali su 
buon disegno e con marmi d' Istria, sopra le quali vedevasi il suo stemma. Provvide alia 
tessitura di molte migliaja di braccia di damasco da addobbarne lutta la chiesa. Instilui 
un' accademia ecclesiastica^ gli alti della quale con molte dissertazioni lette in essa esi- 
stono presso di me. Mori d'idrope, con dispiacere generale de' suoi dioresani, il sabato 31 
Agosto del 1714, ed il suo corpo venne sotlerrato nella cappella della Madonna del Fuoco 
rimpetto all' altare di s. Antonio. Nella vicina parete, dal fratello e dai nipoti gli venne in- 
nalzato il monumento con busto, che pei motivi gia adotti fu trasportato vicino alia porta 
laterale che guardava a settentrione, ed ultimamente levato anch' esso con gli altri (5). 

XIII. 

FVLYIO • TEOPHILO • etc. Fulvio Teofili romano venne eletto vescovo di 
Forli 1'anno 1587 li 12 Gennaro (6). Per l'orribile carestia del 1591 promosse ed 
istitui un ospizio in cui dare ricovero, alimenlo e istruzione ai iniseri fanciulli abban- 
donati dai loro genitori nelle pubbliche vie (7). Dono la cattedrale di sacri arredi . 
Molto dilettavasi della musica, e fece percio costruire per quesla chiesa dal rinomatis- 
simo Colonna un organo (8). Di simile strumento, assai costoso a que' ^iorni, fece 



(1) Scanelli canonico Cesare, Relazione dei ri- 
corsi fatti in Forli alia SS. Vergine del Fuoco in 
occasione dei terremoti dei 4. Aprile e 17. Luglio 
1781. — Forli, parbiani, pag. 49. e seg. 

(2) Bolzoni d. Domenico, Storia della nuova 
chiesa dedicata in Forli a Maria SS. del Fuoco — 
Forli, Casali, 1833, sec. ediz. pag. 18. e 19. 

(3) Nella mensa dal canto dell' epistola leggesi la 
seguente epigrafe 

MAGNAE . DEI . MATRI 

ARAM . SIGNIS . AERE . MARMORE 

EXORNATAM 

IOANNES . GVARINVS . FOR : EQVES . PALATINVS 

IN . MAlORI . TEMPLO 

PECVNIA . SVA . F . C. 

ANNO . CIDI3CCGXV 

Intorno gli artisti poi che lavorarono I' altare, la tri- 
3 



buna, la mensa, ecc. ecc. vedi la mia Guida di For- 
li a pag. 7. 

(4) Sopra la porta di quella casa fu posta la se- 
guente iscrizione 

KALEND . MARTII . 1713 
ILLUSTRISSIMUS . ET . REVMl;S . IOANINES . RASPONI 

PATRITIUS . RAVENNAS . EPISCOPLS . FOROLIVII 
PACPERL'M , VERE . PATER . EREXIT . SOCIETATEM 
MISERICORDI.E . EMPTA . DOMO . SCVT . 300 . PRO 
UICTA.SOCIETATE.QLAM.Mt'NIFICENTIA. COADItVAT.SUA 

(5) Varie di quesle notizie furono trutte dal Zi- 
nanni, illuslri di Ravenna vol. II. rn. s. autografo 
esistente presso i fratelli Casali. 

(6) Marchesi supl. istor. cit. pag. 719. 

(7) Delto pag. 732. 

(8) Dall' Archivio Capitolare. 



18 

dono allresi alia chiesa di s. Girolamo dej Minori Osserranti (1). Usci di questa vi- 
ta li 5 Febbrajo 1594, ed ebbe sepoltura nel presbitero della Cattedrale. 

XIIII. 

STEPHANO DE AVGVSTINIS etc. Nacque nel 1613 da Bonamente Augusli- 
ni e da Lucrezia Paulucci de' Calboli, sorella del cardinal Francesco. Giovinetto an- 
cora fu ammesso fra i canouici in patria: poscia cbiaraato a Roma dallo zio materno, 
dedicossi alio sludio delle leggi, nel quale sentendo molto avanti, venne inviato a 
Bologna auditore di legazione. Ricercato in seguito dal cardinale Carlo Gualtiero per 
vicario della sua driest) di Fermo, seppe in tale uflicio tarsi amare da quelle genti, che 
lo ascrissero all* albo de 1 patrizj. Dopo la niorte del ricordato cardinale arcivescovo 
se ne torno a Roma, ed ivi nel 1661 fu nominato collaterale del Campidoglio (2)} 
poi nel 1666 essendo proposto catneriere segreto, elemosiniere di Alessandro VII e ca- 
uouico di s. Pietro, venne anche, per la saviezza de' consigli, impiegato in varie con- 
gregazioni. Sotto il pontiticato di Clemente IX ebbe il grado di prelato domestico, di 
segretario dei memoriali, di consultore del s. Uflizio e di arcivescovo di Eraclea; ed 
in quello d" Iunocenzo XI, relto conoscitore dei merili e delle virlu di lui, quello di 
datario. Finalmente nel 1681 fu aggregato al collegio de' cardinali col litolo di s. 
Giovanni avanti a Porta Latina:, della quale dignita non frui die pel breve spazio di 
niesi diciotlo, essendo passato a migiior vita il di 21 Marzo 1683 in eta di anni set- 
tanla. Per testamento voile essere tumulalo in s. Maria in Yallicella presso le cencri 
dello zio (3). I conciltadiui gli avevauo eretto in patria un monumento con busto 
sulla porta Gologni - , ma essendo slala demolita nel 1825, andarono perdute 1' epigia- 
fi di lui e del pontefice Iunocenzo XI, cbe era no incise in belle tavole di rnarino gre- 
co. le quali credesi da taluno essere state adoperale in uso privato (4). 

in 

IN HAC PRINCIPE ECCLESIA etc Mancbiamo di notizie precise del tempo 
in die la chiesa di s. Croce venne stabilita Cattedrale', sebbene dalle riportale parole 
del cronista Leone Cobelli (5) si puo congbietturare cbe tale si fosse tin da quando 
(urotio trasferite dalla Livia le ossa di s. Valeriano. Nei Monumenti ravennati del cbia- 
li-oimo cav. Funluzzi^ in epocbe diverse, la piu antica delle quali si e del 9S2 (6), 



(I) Il p. Fhiminio da Parma nella Stnria del- 
le ChtiM c Conventi dei MM. Osservanti vol. I. 
pag. 550. ii iii folio pervenlre la seguente iscrlzione, 
che leggevail oell'lmpoila dell'uicluolo rhe condu- 

n\,i iicILi c.uiloria — 101 i.ii nil I — Al spirits — ET 
I'll I v I K FCLVU THE — OI'UILI IIOM — EP1 FO- 

10)1." — ci'IUMK — F. IIIFIION. DE — nONOLIS DE — 
rOBOL. '.I Win. - PIOR. ELEEMO — S1NIS AN. II. — 
M. li. I.\\\ II'. PVSI II. 

1 CollateraU dti Campidoglio dicer anil, in 
quel tempo, due gtudlctcbarendevanoraglone inno- 
me del Beiiatore • i ■ Soma, a ic-mlgllauza del due 
i u di un 'ii ill 1 1 dllore della Camera Apostollca. 

lUareheii Giorg, Vio> V(tat, pag. B4 et ieq. 

Holte fan le compoiizloDl manofcrltte <|ui 

pubbllcale i»t i.i morte dl queilo noitro lUuiire 
llladlno. I'l'iMiiiii.iMii alle maul quolla dell' auto- 
re della Vtriia R$dlviva, <i- Bartolomm$o itkepu- 
ti uomo di molu letlere e cappellaoo raagglon dci- 
la Cattedrale, crede! bent di <pii Inierlrlai 

-II I'll \M HI. \l I.I SUMS 
■ I. i. i.AJiUIMLIS IOIlOU\ HUMS 



DE TOTA ECCLESI.E REPI'BLICA rsENEMERENTIS 
EI'ITAl'IUUM 

Livia me sennit, rcd'miivit Felsina lavro: 

AugUBtOI mures ars et origo dedit. 
Auyuslos mores sensere lfononia , Firmuni , 

Cum ilbl in alterutro Codlce jura daliam; 
Auguilum tandem mea Livia reddidit Urbl 

Cum me <le I.ivii limile Homa clot. 
it. un. i clat] milii iceptra parat, milii grandio credit 

Muneia, me l'alium coelitihus associal. 
Homulci Alt -ides toties cum visus Atlilantis, 

Me quotlei rlclbui mbdldlt iiic suis. 
Imperlo malurui cram: mors invidnrum[iit 

Stamina i ipei nrdeni Urius et orbis oiiit. 
Illuilrei anlmoi luperl super ailrn vocaruntj 

Vlrglneoi nrtus hie alabaitra legunt. 

' 5) $1 /<> lepilito nslla ehieiia cathedrale ccc. 

Veili r llluitrailone alia laplda iv. 

(c) vol. iv. pag. isa. B rlcordata ancbe la I'ie- 
ve ill t. Croat nel vol. V. pag. my. anno 1200, cnel 
roll VI. pag. 107. anno \2W. 



!9 

trovansi rammentate la chiesa di s. Croce e la Pieve foilivese, che sono una sola co- 
sa. Perocche, prima del secolo XI, nelle diverse citla ove erano i vescovadi non vi 
furono parrochi} ma la sola cattedrale somministrava i sacramenti: anzi la cattedrale 
chiamavasi phbs o matrix, i quali nomi passarono poi in progresso di tempo alle 
pievi fuori di eitta; siccome parrocchia . che voleva dire soltanto diocesi , venne po- 
scia a significare le attuali parrocchie (1). 

XV. 

MVNIFICENTIAE IACOBI THEODOLI etc. Vesti Giacomo 1' abito prelatizio 
mentre era pontefice Paolo V. Gregorio XV lo annovero fra i referendarj dell'' una e 
dell' altra segnatura, ed Urbano VIII creollo arcivescovo di Amalfi, e poscia lo eles- 
se alia chiesa forlivese:, nella quale citla a di 20 Ottobre del 1636 fece la solennissi- 
roa traslazione della Madonna del Fuoco (2). A tutte sue spese venne costruito il ma- 
gnifico altare dedicalo alia B. V. della Ferila, nell' imbasamenlo del quale scorgesi 
anche oggidi il di lui stemma. Aggiunse al tesoro della Vergine proleggi trice due can- 
delieri ed un bacolo pastorale d' argento:, siccome pure regalo il Capitolo di un tu- 
ribolo dello stesso metallo (3). Oppresso dagli anni e dalle cure pel suo gregge, voile 
vivere ritirato e tutto a se medesimo. Rinunciata quindi la caltedra episcopale, tor- 
nossene a Roma, ove fini di vivere nel 1666, e fu tumulato nella chiesa di s. Ma- 
ria del Popolo. 

XVI. 

THOMAS . TORELLIUS . FOROL. etc. Studio legge sotto il rinomatissimo 
Ansaldi con tale profitto, che nei tribunali di Roma si acquisto mollo credito, per 
cui venne mandato in Portogallo col grado di abbrevialore. Ivi incontro strelta ami- 
cizia con Michelangelo Conti, che divenuto poscia pontefice col nome d' Innocen- 
zo XIII, lo richiamo e nomino governatore di Assisi. Cola seppesi guadagnare la rive- 
renza e l 1 affelto di tutti i suoi soggetli tanto, che 1' anno 1714 lo vollero annove- 
rato fra i patricj di prima classe. Essendo vacante di pastore la nostra chiesa per la 
morte di monsignor Giovanni Rasponi, il pontefice Clemente XI consolo il dolore che 
ne provarono i forlivesi nominando il Torelli a loro vescovo. Convoco li 14 Novem- 
bre 1718 il Sinodo diocesano, al quale intervennero trecensessantaqualtro ecclesiasti- 
tici (4). Riparo alio scadimento tolale de 1 pii luoghi ove si ricettavano zitelle abban- 
donate, ed orfani derelitti, e diede opera a tornare i traviati nel retto sentiero del vi- 
vere. Ricevette i Signori della Missione, chiamo i padri del Buon Morire , e della 
Redenzione degli Schiavi (5). Fu assistenle al soglio pontificio. Scrisse 1' opera inti- 
tolata de Viis che rimase inedita: 1' altra sotto il litolo di Armamentarium histori- 
cutn legale fu pubblicata con la stampa (6), e gira anche oggigiorno per le mani de- 
gli eruditi. Fini sua vita li 24 Aprile 1760 sull' ave-maria in eta di anni 87, mesi 
2 e giorni 26. Resse la chiesa di Forli anni 45, mesi 5 giorni 1, e ne fu veramen- 
te padre, pastore e maestro. Ebbe sepoltura nella cappella della Madonna del Fuoco, 
vicino al luogo ove furono riposti i precordj dell' eminentissimo Fabrizio Pauluc- 
ci (7). 



(1) Vedi Nardi Luigi, dei Compiti ecc. Pesaro, d. Tommaso Belloni. Forli, Barbiani 1752, nella de- 
Nobili 1827, pag. 120 nota I , e la sua dottissima opera dicatoria. 

dei Parrochi, ivi pure impressa negli anni 1829 al 30. (6) Tre volumi in foglio impressi dal Barbiani 

(2) Bezzi Giuliano, Fuoco trionfante, pag. 18. negli anni 1751-53-58. 

(3) Dall' Arcbivio Capitolare. (7) Relazione della morte e dei funerali di mom. 

(4) Corbici Stefano, Cronaca all' anno indicato. Tommaso Torelli ecc. Forli, per Antonio Barbiani, 



(5) Orselli Ferrante, Ragguaglio della vita di 1761, pag. 10. 



20 

XYII. 

AN E etc. L' iscrizione che segue, la quale riempie perfetlamente le la- 

cuoe del frammento riportato, leggesi in fine della Cronica anonima esislente nella 
Biblioteca comunale, e nelle Slorie del Bonoli (1). 

ANTON1VS . SECVNDVS . LIVIAE 

PRINCEPS . GLORIA • ET 

DECVS . ORDELAF . M . D . IIII. 

S.P.I. 

>*on so poi donde il Marchesi abbia tolta 1' allra che riporla nel suo Supphmento 
slorico (2), e che vorrebbe far credere essere stata incisa sul sasso che cuopriva il 
sepolcro, la quale per la lunghezza del dellato e per lo stemma della famiglia, che 
ancora per meta si vedeva sculto, non vi poteva capire. II sasso fu tolto dal limitare 
>lel maggior arco della cappella della Vergine della Ferita sul iinire dell' anno 1841} 
nella quale occasione venue aperta anche la sepoltura, ove si trovo il cadavere di An- 
tonio ancora inlalto, vestito di un abilo di color bigio-cenerognolo, come pare indos- 
sassero a que 1 giorni i Canonici Regolari di s. Maria di Forn6 (3). Mori li 17 Feb- 
brajo delT anno sopra ripoiialo. 

XVIII. 
HJLC . BEAT.E . VIRGIIXIS . IMMAGO etc Intorno ai miracoli da questa 
s. Immagine operati , alia costruzione della cappella, e alle spese per essa inconlrate, 
scrisse dift'usamenle il Bernardi nella sua Cronaca (4):, e 1' abbate Antonio Burritl 
riporla il tutto nella Vita di Caterina Sforza Riario (5). E percio nel piu grande 
errore lo slorico pompiliese Malleo Vecchiazzani (G), che afferma essere stala la cap- 
pella istessa fabbricata da certo Pietro Giovanni Belli, producendo in testimonianza 
lo slemma di quella fatniglia che vedevasi nella tribuua. 

XX. 
HEC(j7c) XPf GENITRIX etc. E riferibile questa epigrafe, siccome 1' antece- 
denle frammento, alia B. V. venerata sotto il titolo del Fuoco. Accaduto nel 4 Feb- 
brajo 1428 il prodigio (7), la santa Immagine venne da m. Capranica, allora residente in 
Forli e legato delle citta di Romagna che obbedivano alia S. Sede, fatta trasportare in 
dnomo, e riporre nella cappella di s. Barlolommeo, poscia del SS. Sacramento*, la 
quale cappella del 11335 fu abbellita con pitture a fresco di Livio Agresti (8), con 
bassi rilievi ed altri ornali. 

XXII. 

H4URtS CiTnINVs....NETvsC01NSTRVXrT etc. Della costruzione di questa 

porta abbiamo conlezza dalle Slorie di Forli di Alessandro Padovani (9) nel modo 

che segue » L' anno 14G4 il Vescovo Giacomo Menghi (10) insieme con il suo Ca- 

- pitolo palluirono con M.° Marino Veneziano di fare la porta maggiore del Duomo, 

Del modo che oggidi si vcde per ducati 2G2, e lui metteria tutli li sassi et ogui 

Storta di I'urii, lib. X pag. 28C. pag. M. c scg. 

Pagtna '107. (8) Vcnncro alcunc dl qucstc trasportalc in Ida 

I II Mareh»H nil Citato tujipl. ittnr. pag. r,0C. nel Gcnnajo del 1841. dal sig. Giovanni Rizzoli della 

rhr« tnebi i funcrali. cbe hirooo dl ulun rilicvo. Plcvc di Cento, c tutt'ora aramiransi nella sala dl 

n< Hi MbUotaea eomuoale in. ». monslg. Vescovo. 

I liolugnn, slamperia di s. Tummaio d'Arqui- (it) M. Ss. nella Dlbliolca del Comunc, a carl. !8o. 

rol n I -.»i». 17. png. MO. (10) SigUmondo Marchesi nel suo Catalogo de' 

'■i IliUnrxn di Forlimpnpoli — Rlrnino — Sim- Ve.icnvi rlrnrda a quest' cpoca un (iiacomo l'aln- 

iM/i IM7. iMri. il. pag. 17*. 178. dini; ma dev' essere un soprannomo datoaqucl |>re- 

<-, lloTwli, nor. clt. pag. 2l, r , — Dolzoni, idem lato forllvcse. 



21 

:s altra materia con questo pero., che il delto Vesc. e Capitolo facessero a sue spese 
» condurre i marrai da Ravenna, e gli dassero una casa per poter lavorare li detti 
55 marmi, con una camera con un letto per dormirvi} e questo accordo fu fatto il 
55 primo di Gennaro 55 Abbiamo poi nelle Aggiunte alia Storia del Bonoli del P. 
M. Giannantonio Petrignani forlivese gia Provinciate dei Carmelitani Calzati, nel 
libro V. (i), che questo Marino Citrini era architetto della s. Casa di Lorelo, come 
leggevasi in una epigrafe, cho qui riproduco, la quale esisteva in un portico fatto co- 
struii'e da Giovanni Tosi vescovo di Fano avanti la caltedrale di detta citta 1' anno 
MCCCCLXXVI, e di poi demolito, perche toglieva il lume a quel tempio , chia- 
niato allora s. Maria Maggiore. 

IOAIVNES . TONSVS . PONTIFEX . FANI 

DIVjE . MARINE . POETICVM . DEDIT 

OPVS . MARIIVI 

CEDR1NI . VEHETI 

ARCHITECTI . «D1S . BEATjE . MART* 

DE . LAVRETO 

II chiarissimo Cicognara ricorda i lavori della nostra porta nella sua Storia del- 
la Scoltura (*£), e li dice di non cattivo stile, per cui sarebbe, a parer mio, ottimo 
divisamento levarla dal luogo ove ora mal conservata giace (3), e adattarla o in qual- 
che muro, o porta mancante di ornati, e cosi conservare un monumento agli amatori 
dell' arti belle, e delle cose anliche. 



(1) M. Ss. presso 1' amico Pietro Vallicelli della (2) Venezia, Picotti 1816, vol. II. pag. I7J. 

Mora, archivist* comunale. (3) E posta nel cortile del Ginnasio. 




24 

NELLA CRTESA ARCIPRETALE 



BEL£A SS. TBIHIT& 



v »". 



XXIV. 

Fcoai 

Sopra la porta maggiore 
Jt PIO . VI . PONTIF . MAX. 

QVI . NONTS . MARTII . VIENNAM . PROFICISCENS 
EX . PROXIMA . VIA . AEMILIA . RASILICAM . HANC 

AVGYSTISSIMAE . TRIADI 

PRIMIS . CHRISTI . SECVLIS . INSCRIPTAM 

ET . SVPERIORIBVS . MENSIRVS 

YNDIQVE . SPLENDIDIORE . CVLTV . EXORNATAM 

CLEMENTISSIME . INSPEXIT 

FRANCISCVS . ARCHIPRESBYTER . QVARTAROLI 

PROSPECTVM . EIYSDEM . AD . ORIENTEM . INVERSVM 

ET . IN . MELIOREM . FORMAM . RESTITVTVM 

PRINCIPI . ET . PATRONO 

BASILICAE . QVIN . ETIAM . BENEFICENTISSIMO 
ROMAM . IV . RAL . IVNII . AN . MDCCLXXXII . REPETENTI 

D jJM^ E 
D D 



XXV. 

KEL VEST1BOLO 

Accanto la porta maggiore 

MERCVRLALIS . PRATVS . EPISCOPVS 

ET . PATRICIVS . FOROLIVII 

RASILICAM . HANC 

IN NOV AM . FORMAM . RESTITVTAM 

SOLLEMNI (.ric) R1TV . CONSECRAVIT 
DIE XX . APRIL A.M. DCC . LXXXVII1 



Quart tutie te tpigrqfi esUtenti in questa Chiesa furono dettate dal rino- 
maUnim> ablate Gabricle Guastuzzi monaco camaldolese. 



23 



XXVI. 

HEL VESTIBOLO 

Sopra la cattedra di s. Mercuriale 

S . MERCVRIALIS 

PATRONI . TVI . CAELESTIS 

SEDEM . PONTIFICALEM 

PIE . OSCVLATOR 

XXVII. 

1YI 

Sopra la pila dell' acqua benedetta 

LAPIS . AEGYPTIACVS 

ARA . OLIM . ETHNIC A 

TIBI . INVERSA . FORMA 

VAS . BENEDICTVM . ESTO 



XXVIII. 

NELLA CAPPELLA DI S. GIUSEPPE 

A destra, dipinta 

CORPVS . S . MERCVRIALIS 

FOROLIVII . PONTIFICIS 

AD . ECCLESIAM . S . STEPHANI . PROTOMARTIRIS(.nc) 

A . SOLO . TVNC . AEDIFICATAM 

ALEXANDER . SVCCESSOR 

SVMMIS . ASSISTENTIBVS . VIRIS 

PRID . KAL . MAII .A.M. CLXXVI 

TRANSTVLIT 

ET . SVPPLICATIONEM . ANNVAM 

CVM . SACRO . CAPITE . EIVSDEM . PATRONI . CAELESTIS 

INDIXIT . ET . STATVIT 

XXIX. 

IVI 

A sinistra, dipinta 

NVMIKI . AETERNO . SACR. 

IOSEPHO 

DEI . PVERI . CVSTODI 

ET . ANTONIO . MAGNO 

DAEMONVM . POTENTIBVS 

EXTREMI . AGONIS . MEMOR 

FRANCISCVS . QVARTAROLVS . ARCRTPRESBITER (sic) 

CELLAM .JEX . VOTO . INSCRIPS1T 

AN . MDCCLXXXV 



£24 

XXX. 

BELLA CirPELLA DI S. GIUSEPPE 

A destra. dipinta 

IMAGO 

MARIAE . VIRG1NIS . EXORATAE 

OHM . EX . PORTICV . BASILICAE 

AD . OCCIDEINTEM . POS1TO 

ET . ANINO . M . D . CCLV 

EX . PILA . SACRI . TEMPLI 

VT . FREQYENTIAE . MVMCIPVM 

ANGVSTIVS . PATERET 

HVG . TRANSLATE 

EST 

XXXI. 

IVI 

A sinistra, dipinta 

PETRVS . FRANCISCVS . PLACEINTINYS 

HYIYS . ECCLESIAE . RECTOR 

YIRG1NIS . MARIAE . HOMINI . SMO 

IKSCRIPTAM . AEDEM . HANC 

YOLY1T 

ET . AD . MAIESTATEM . BASILICAE 

AYGENDAM 

COLLEGIYM . CAHOTttGORVM 

FAMILIARI . SYA . SVBSTAISTIA 

LOCVPEETATVM . ISSTITVIT 

EX . TESTAMENTO 

MAN . IGNATII . TAMM1 . DIE . XXV . AYG 

ANNO . MD . CCXXXXI 

XXXII. 

SELLA CAPPELLA DI S. UBALDO 

A destra, dipinta 

D • O . M. 

IT . HONOR] 

SANCT1 . VBALD1 

EPI9COP1 . EVGVBIHI 

MMVTOIUS . ET . TVTELARIS 
lllir.OMMVS(.f,V) PATER 

IKBOCRHTlYS . I ilivs ftE GGIAHI 
M/l'AIlK . DE . SYO . EXTRVENDVM 
CVHAHVINT 
Mff . M . D . CCLXXXY 



XXXIII. 

NELLA CAPPELLA DI S. UBALDO 

A sinistra, dipinta 

OSSA 

EPISCOPORVM 

S . LIVIENSIS . ECCLESIAE 

AB . ANTIQV10RIBVS . SAECVLIS 

IN . HAC . BASILICA . QVIESCENTIVM 

HINC . ET . ILLINC . REPERTA 

AD . ALTARE . MAIVS . HVMO . CONDIDIT 

F . Q . A. 

ANNO 

M . DCCLXXXV 

XXXIV. 

SELLA CAPPELLA DEL B. TORELLO 



A destra, dipinta 



SILVIVS . TORELLVS 

MARCHIO 

ANTIQVA . REMISSA . CELLA 

INDIDEM 

PROGENITORVM . CINERIBVS 

INLATIS 

HANG . SVIS . FIRMAVIT 

AN . M . DCC . LXXXV. 



XXXV. 

IVI 

A sinistra, dipinta 
DEO . OMNIPOTENT! 

SACRVM 

IN . HONOREM . BEATI . TORELLI 

SOLITARIAE . VITAE . SERVATORIS 

AGNATI . SVI 

SILVIVS . TORELLVS . MARCHIO 

PATRICIVS . AB . AVIS . ET . ItfAIORIBVS 

ALTARE 

PEREGRINO . MARMORE . EXORNATVM 

FIERI . IVSSIT . ANNO . M . DCC . LXXXV 



26 

XXXVI. 

.NELLA CAPPELLA DI S. MERCURIALE 



A destra. dipinta 



SANCTO . MERCVRIALI . EPISCOPO 

IN . HAC . BASILICA. 

PII . PAPAE . VI . PERMISSV 

V1RGINES . COLLEGII . S . DOMINICI 

X . RAL . MAII 

ANNO . M . DCG . LXXVIII 

PIA . VOTA 

NVNCVPARV1ST 



XXXVII. 

IYI 

A sinistra, dipinta 

SACRVM . CAPVT 

SANCTI . MERCVRIALIS 

FOROLIVIENSIVM . APOSTOLI 

EPISCOPI . ET . PATROINI 

POST . ARAM . MAXIM AM 

HVIVS . BASILICAE 

SPLENDIDE . SERVATVM 

COL1TO 



XXXVIII. 

NELLA CAPPELLA DEL CROCEFISSO 

A destra. dipinta 

IMAGINI . MIRIFICE 

IESV . CHRISTI . CBVCIFIXI 

SERVATORIS . OBBIS . TERRARYM 

ALTABE . MAHMOBKVM 

ET . \T . RELIQVIAE . SANCTORVM 

INVIOLATAK . PERPETVO . MANEANT 

LIPSANOTHECAS 

FRANCISCVS . QVARTAHOLVS . ABCHIPHESBYTEB 

SVA . LMPENSA . FECIT 

ANNO . M . DCC . LXXXV 



27 



XXXIX. 

KELLA CAPPELLA DEL CROCIPISSO 

A sinistra, dipinta 

H . S . E. 

BARTOLOMEVS(.nc) MORATINVS 

ANTIQVA . PATRICIA . NOBILITATE 

ET . VIRTVTE . SPECTABILIS 

BASILICAE . HVIVS . RECTOR 

ET . MAIORIS . TEMPLI . CANONICVS 

QVI 

IV . RAL . NOVEMB . A . M . D . XI. 

BRITINORII . PONTIFEX . ELECTVS 

PAVCOS . POST . MENSES . EPISCOPATVM . DIMISIT 

ET . OBIIT . IN . PACE 

XIII . RAL . DECEMB . A . M . D . XII. 



XL. 

NELLA CAPPELLA DI S. FRANCESCO 

A destra , in marmo 

D . O . M. 

ALTARIS . HUJUS 

PERPETUUM . PRIVILEGIUM 

LAURENTIUS^ . DE . TARTAGNIS 

IAM . EPUS . VERULANUS 

SIBI . SUISQUE 

CONSANGLTNEIS 

ET . AFFINIBUS 

DE . FAMILIA . TARTAGNI 

A' . SS . D . H . BENEDICTO^PP . XIV 

PER . BREVE . APLICUM 

IMPETRAVIT 

DIE . XVIII . IUNIJ . MDCCLIV 



XLI. 

IVI 

A sinistra, in marmo 

CAPPELLAM . HANC 
DEIPAR^ . DICATAM 

uwus . mssm 

QUALIBET . FERLE . II . IV . VI. 



28 



SINGULIS . OCTO . DIEBUS 

FEST1S . B . M . V. 

AC . MISSABUM . QUINQUE 

IN . EJUS . ASSUMPTIONE 

PEBPETUO . ONEBE . IMPOSITO 

IUBEQUE . PATBONATU 

SIBI . BESEBVATO 

FAMILIA . TABTAGNI . DOTAVIT 

PEB . ACTA . B . D . THADEI . TASSINABI 

CANC . EPALlS . FOBOL. 

DIE . XXII . SEPTEMB . M . D . CCXLI. 



XLII. 

NELLA CAPPELLA DELL' ADDOLORATA 



A destra, dipinta 



NVMINI . OMNIPOTENT! 

IN . HONOBEM 

MARIAE . VMGINIS 

DEI . GEMTBICIS . DES1GNATAE 

ET . PEBEGBINI . LAZIOSI 

PATBONI . CAELESTIS 

AEDEM . DICAVIT 

FBANCISCVS . QVABTABOLI . ABCHIPBESBYTEB 

ANNO . M . DCC . LXXXV 



XLI1I. 

1TI 



A sinistra, dipinta 



OSSA . ET . C1INEBES 
PBOGKNITOBVM 

S . PEREGRINI . LAZIOSI 

EX . PATBICIA 

FOBOLIVIENSI . GENTE 

ANTE . ADITVM 

IIVIVS . SACBABII 

IIVIVUTA 

CABNIS . RKSVKKECTIONEM 

EXPECTANT 



29 



XLIV. 

IN UN RIPOSTIGLIO PRESSO l' ALTARE Dl S. UBALDO 

Sul muro, dipinta 

HEVS . TV 

QVISQVIS . ES . CIVIS . VEL . HOSPES 

SISTE . GRADVM . ET . LEGE 

TEMPLVM.HOC 

QVOD 

ANTIQVA . CHRISTIANA. . PIETAS 

EVERSO . IDOLORVM . FANO 

SACRATISSIMAE . TUIADI 

EREXIT 

QVODQVE 

EPISCOPALI . SEDE . ET . FONTE . BAPTISMATIS 

OLIM . EXORNATVM . ERAT 

BENEDICTVS . XIV . PONT . MAX. 

ARCHIPRESBYTERALIS . BASILICAE . TITVLO 

HONESTAVIT . ANNO . M . DCG . XXXXII 

HAEC . TE . SCIRE . VOLEBAM 
VALE 



XLV. 

VICINO AL PRESB1TERO 

Per terra 

FRANCISCVS . QVARTAROLI 

SIBI 

ET . ARCHIPRESBYTERIS 

SVCCESSORIBVS 

M . DCC . LXXXV 

XL VI. 

IN MEZZO ALLA CHIESA 

Per terra 

PATRICIIS . ALLEOTIS 

POSTERISQ . EORVM 

REVICTVRIS 

DOMVS . MORTALITATIS 

M . H . E . N . R. 



30 

XLYII. 

IB MEZZO ALLA CHIESA 

Per terra 

FAMILIIS 

MENGANTI . ET . BENEDETTI 

AC . HAEBEDIBVS 

S. 
ESTO 



XLV1II. 

NELLA CAPPELLA DELL 1 ADDOLORATA 

Per terra 

BOTTARCHI 

S. 
1785. 



ALLE EPIGRAFI DELLA SANTISS1MA TUINITA 



XXV, 

MEBGYRIALIS . PRATVS . EPLSCOPVS etc. Mercuriale Prati; quarto fra 
li vescovi ili Forli di questo nome 1 , soiii i nalali in delta citla, e nei piu verdi an- 
ni vesli 1" abito benedellino della congregazione di Vallombrosa. Appena terminato il 
novizialo, gradatamenle con merilo e faticbe sostenne le caricbe tutle clie in quell' i- 
-lilnto fiuo al generalato potevansi conferire; e libcro ancbe di quest' ultimo grave 
peso, scelse ad ultimo suo riposo il goveruo dell' abbazia di s. Mercuriale in palria, 
love aveva divisato di finire i suoi giorui. Nella cla di quasi sessanlanove anni, al- 
lorcbe era imincrso ne' suoi piu dilcllcvoli studi, ebbe il vigliello di nomina a \e- 
SCOVO ili qaesta diocesi, per cui dovelle portarsi immedialamcnle a Roma, dove nel 
concistoro dei 25 Giugoo 1784 il ponleGce Pio VI lo proclamd in tale dignita, ed il 
'27 venue consacrato dal eiTio Andrea Corsini, dopo aver date prove non dubbic del 
iuo roolto lapere nel pubblico saggio soslenulo alia presenu del ricordalo Ponlefice, 
di molti canliiirili, prelali e rogolari cbe ne furono esaniinalori. Assunlo cb'egli cbbe 
il goverao <li qaesta diocesi fu aggregate co' suoi discendenti fra i pairi/j.Resse la sua 
rhiesa con molto zelo, pel cui essendo venule le annate francesi nel 1798 ebbe a sof- 
frire non pocbi dispiaceri. e a giustifioani col governo istesso della sua condotla. Nel 
1805 pubblico il decreto di riilabilimeulo ed installations del suo capitolo: quindi 



51 

ubbattulo dalle vicissUedibi e dalla eta ammald sul finire del Sellembre delP anno 
1S06, ed il giorno 18 Ottobre all' un' ora e raezza antimeridiana abbandono quesla 
terra nell' eta di anni 91 e giorni 9, dopo aver governato la cbiesa di Forli anni '22, 
mesi 3 e giorni 10} nel qual tempo amplio il seminario:, acquistd ad uso dell' epi- 
scopio il palazzo del n. u. conte Giuseppe Marchesi, minacciando ruina pei tremuoti 
T antico locale ; consacrd sette chiese e vari allari; e nei giorni 26, 27 e 28 Aprile 
del 1792 raduno il Sinodo diocesano, nel quale in piu punti si riporto a quello di 
raons. Piazza suo antecessore. Oltre le scienze ecclesiastiche e canonicbe coltivo le mate- 
matiche, e dilettossi moltissimo nell' ottica (1) e gnomonica:, anzi traccio nella chiesa 
del Suffragio una meridiana a foggia di quella gia eseguita dal Cassini in s. Pelronio 
di Bologna, che rimane tutt' ora imperfetta e nel desiderio de' suoi concittadini. 

XXVIII. 
CORPVS . S . MERCVRIALIS . FOROLIVII . PONTIFICIS etc. Sarebbe 
questi il terzo santo vescovo di questa citta portante il norae di Mercuriale (2). Sul- 
la invenzione e traslazione sua cosi ci lascio scritto Alessandro Padovani nelle Sto- 
rie di Forli (3). L' anno 1176 essendo V abbate Pietro abbate delV abbadia di s. 
Mercuriale come piaque all' omnipotente Iddio fu rivelato il corpo di s. t0 Mercuria- 
le; et essendo un homo Santo , el di buona dottrina chiamafo Tadeo Arc'wescovo 
d' Armenia maggiore con tie A rcivescovi , quattro Vescovi et Guglielmo Abbate , 
et Giacomo Abbate et Matteo Vescovo di Sebaste, Sues oggi delta dal Sabellico, 
con 12 compagni tutli questi insieme con gran devotione traslatarono il corpo di 
s. t0 Mercuriale dalla chiesa della Tnnitd alia chiesa della Pieve di s.'° Stefano, la 
quale al presente e delta sJ° Mercuriale presenle tutto il popolo Forlivese , et all' 
hora furono date molte indulgence . Hora perche il popolo Forliveso era divoto di 
s.'° Mercuriale per li mold miracoli che faceva quotidianamente , il popolo con tut- 
ti li Ss. ri fecero conseglio gene/ale sopra il fatlo di s. i0 Mercuriale, et fa ottenuto 
che ogni anno V ultimo giorno di Aprile si facesse una festa solenissima (4) et si 
corresse un palio grande di veluto , comintiando il corso dal Ronco sino alia piaz- 
za, poi si facesse una bella offerla in quel di, et venendo tutli li suditi, et raco- 
mandali di Forli ricevessero V homaggio , giurassero fedeltd, et pagassero il cen- 
so , et in quel giorno si facessero li Signori, Capitani, et Podestd, et tutti gV al- 
tri officiali , con dare li confaloni, et fare li confalonieri, et correre quel palio con 
li corsieri, e iron Barbareschi , et partirsi dal ponte del Ronco correndo per sino 
alia citta entrando per la porta Gottonia sino alia piazza. 

XXXI. 
PETRVS . FRANCISCVS . PIACENTINVS etc. Fu buon sacerdote. e mol- 
to dotto nelle scienze clie risguardavano il suo ministero. Resse per circa trenlaquat- 
tro anni questa cbiesa arcipretale, la di cui sagrestia forni di non pocbi arredi sacri. 



(1) Farini Domenico. Prose varie—VorW, Casa- 
li, 1824 nelle Memorie storiche sopra la vita e gli 
scritti del p. Cesare Mnjoli, pag. 35. 

(2) In prinripio della Cronaca Rosetti presso t'erede 
sig. conte Luigi, vien riportato questo anlicliissimo 
brano, lolto da altra smarrita, del fu conte Or** da 
S. Filippo — Anno a nativilate D. N. Jesu Christi 
422 creatus fuit bealus Mercurialis nalus Albania 
episcopus livien. et vixit in episcopatu liviensi an- 
nis 27. et sepultus fuit in eccla S.'« Trinitatis de 
Forolivio quw tunc erat cathedralis eccla, el extra, 



et supra rivitatem prope flumen et stratam flami- 
neam, qui et invenit., cum liberasset populum li- 
vien. a captivitale et de manu regis Hispanice , et 
miraculis multiplicibus cum Grato et Marcello co- 
ruscavit et dietim continuerat , et est patronus et 
defensor populi forolivii — 

(3) A carte 23. m. s. nella Biblioteca comunale. 

(4) Il cronista Cobclli, che riporta anch' egli que- 
sta invenzione> ci descrive piu particolarmenic le al- 
legrezze che solevano farsi in lal giorno, cioc la pro- 
cessione, i convilti, i balli, c molte altrc cose. 



52 

Iustitui in essa con suo testamento un collegio di canonici. Fece costruire V altar e 
di rnarmo che ancora si vede nella cappella al norae di M. V. dedicata. Manco in 
eta di anni 69 li 19 Agosto 1741, ed ivi ebbe sepoltura (1). 

XXXIX. 

BARTOLOMAEVS . MORATINVS etc. Dal pontefice Giulio II. venne tolto 
nel 1511 al collegio de' canonici in patria ed eletto vescovo di Bertinoro} ma essen- 
do egli amante di quiete, dopo un anno rinuncio il peso di quella carica al cardina- 
le Alfonso Petrucci. Ritiratosi nella casa paterna, ivi fini in pace la vita, ed ebbe 
sepoltura nell 1 avello de' suoi maggiori esistente in questa cappella ('2). 

XL. 

ALTARIS . HVIVS LAVRENTIVS . DE . TARTAGNIS etc. Esercito la 

carica di vicar io apostolico delle cbiese di Fossombrone e Ferentino con molto zelo 
ed integrila, per cui 1' anno 1715 da Benedetto XIV venne in benemerenza delle 
passate faticbe nominato vescovo di Veroli, il quale vescovado rinuncid poi, senza 
percepire alcana pensione, con istupore ancbe del ponlelice stesso. Fu assistente al 
solio, ed intervenne al concilio romano da quel dotto uomo raunato onde correggere 
i rilassati costumi del clero. A proprie spese fe ampliare il seminario della sua chie- 
sa # , eresse allari dotandoli de' necessari fondi per la celebrazione delle messe. Col suo 
denaro riparo ai danni di varie cbiese della diocesi, e regalo alia catledrale nonche 
alia cbiesa del vescovado molti arredi sacri . Si parti da questa vita in Forli li 7 Giu- 
gno del 1762 in eta di anni 90, un mese e giorni 7. Ebbe sepoltura in questa istessa 
cappella (da lui medesimo gia latta ornare con istuccbi dorati e pavimento di marrno) 
Ira V altare e il muro dal lato del Vangelo, veslito degli abiti pontilicali (3). 

XLIV. 

EVERSO . IDOLORVM . FANO etc Nei profondi scavi eseguiti per la costru- 
zione delle fondamenta di questo nuovo tempio, si rinvennero i frantumi di un* am 
di pietra del paragone, ed altre vestigia e monumenti di romana anlichita (4), i qua- 
li danno a divedere che ivi sorgesse un tempio elnico, cangiato poi dai cristiani a 
proprio uso, ma non certamente da s. Wercuriale I. siccome vuole il Marcbesi (5), 
che sarebbe vissulo nel CLVI dell 1 era nostra. Noi sappiamo di fatto cbe solamente nel 
IV secolo dopo cbe Costantino ebbe dato a quelli la liberta di esercitare il loro culto, 
lurono in prima i lempli per ordine suo spogliati, di poi cbiusi, ed in fine atterra- 
ti ((>)•, ma non porbi pero sfu^girono al guasto, o molto meglio alia barbarie, sicco- 
me ne abbiamo esempli da) Panteon, dal tempio di Vesta, da s. Stefano rollondo di 
Roma e da molti altrij e forse successe ancbe lo stesso di questo nostro della SS. Trinila. 

XLV. 

FRAUCISCV9 . QVARTAROLI . SIBI etc. Fu egli dabben uomo, e fornito 
delle qualify che a ua vero parroco si addicono. Successore all" arciprete dall' Aste, 
voile rifabbricare dai fondamenti la sua cbiesa, ornandola come oggidi si vede. Ri- 
stauro pore ed abbell) la caoonica, per le quali spese esaur) il proprio patrimonio e 
le prebende cbe ^li si competevano, contentandosi del solo vitto. Oppresso dalle faticbe 
dalle Bfversita manco a 1 vi vi il di lii Aprile 1 80^' di anni 77. 

Dall 1 irchtvlo Mi quella chleia. inento <ii quella ebleaa noi Lugiio del nes. — Forli, 

VghtlU, opera clt. vol. ix lo epltc. iscr. co- Mnrozzl. 
Iod. . . Shtppl. Utor, citato pag f os. 

D ll'arcblvlo Hi qoeUa arelpretale, [t Warongonl Qiovarml, dtlle oo$$ g«nM«teh» 

1 '■ u »nd»e i Ora Umtdell'ab, Giouffb Tra- t pro/tint tratportatt ad uso della Cliiesa — Roma 

In lode dl i Uercurlele II terzo gtor- 1744. cap. 40. 

I one iriduo (alto li a lone di I rlaprl- 



NELLA CHIESA PRIMICERIALE 

BI SMS BSSR€VR1&£S 



IL. 

ruoai 

Nel campanile 

MITXXX XP NATiVITaTe 
ANNO HOC AMAGISTRO 
ALIOTTo OPVS 

CV M SALSVR 

EST COMPOS 

TEMPORr QVOAN 
TiSTABAT DOMNUS 
QVI DICTV S EST 
ABBAS PETRUS 



L. 

ENTRO LA CHIESA 

Sopra la porta maggiore 

DEO • OMNIPOTENTI • SACRUM 

IN • HONOREM 

S • MERCURIALIS • FOROLIVII • PONTIFICIS 

ET • PATRONI • COELESTIS 

TEMPLUM 

SAECULO • XII • A • SOLO • RESTITUTUM_ 

LUMIMBUS • AMPLIATIS • ET • ARA • MAXIA 

PEREGRINO • MARMORE • CIRCUMSEPTA 

ALIISQUE • OPERIBUS 

LOCI • MAIESTATE • FIRMATA 

D • BRUNO • GNOCHIUS • ABB • ET ■ MONACHI 

REFICIUNDU • EXORNANDUMQ • CURARUT 

ANNO • MDCCLXXXVI 



34 



LI. 

WEL BATTISTERO 

Nella faccia anlerlore 

LEGE NOVA A SV 
PERIS NI SINT HOC 
FONTE LAVATI 
SANCITVM EST 
NVLLOS 1NCOLV 
ISSE POLVM «^.<s 
A . D . 31 . D . Ill 

LII. 

rvi 

Nella retro facciata 

ID LAVO QVOD PRI 

MI DEFOEDAVERE 

PARENTES: 

ET SINE ME NVL 

LVS COELiCA RE 

GNA COLIT <^<3 

. A . D . M . D . ni: 

LHI. 

KEL PItASTRO VICINO AL BATTISTERO 

PIN . Ill . PRIN 
An . ORDEL. 
Fi . N1C0LAVS 
BAR . AB . MO 
NASTERIVM 
DOMI . Q . FO 
RIS . REsTiTviT 



55 
LIV. 

HELLA CAPPELLA DEL B. TOB.ELLO 

A destra 

ILLMUM ET RMUM D. D. THOMAM TORELLUM 

PATRICIUM ET ANTISTITEM FOROLIVII 

AC SOLIO PONT. ASSISTENT. 

REATI TORELLI AGNATI SUI 

ELEVATA AD YIVUM IMAGINE ANNUOQUE CENSU DITATA 

AC PONTIFICIIS GRATHS 

OFFICII ET PRIVILEGIATI ALTARIS 

IN PERPETUUM CONDECORATA CULTUM EXTENDISSE 

IN PERENNEM MEMORIAM ET GRATI ANIMI TITULUM 

RMUS P. D. GERVASIUS ALBERGANTI 

CONGREG. VALLISUMBROSAE ABBAS GENERALIS 

PALAM HIC FIERI MARMOREIS IUSSIT MONUMENTIS 

D. IGNATIUS BURLINI ABBAS 

ET MONACHI HUIUS MONASTERII ALACRES POSUERE 

ANNO MDCCL 



LV. 

IVI 

A sinistra 

D. O. M. 

BEATUS TORELLUS PAULI TORELLI FILIUS 

PUPPIENSIS EREMITA CONGREG. VALLISUMBROS.E 

CLUSENTINA IN EREMO AVELLANETI PER ANNOS LX 

FAMILLE SU^ TORELLI NOBILITATE 

MUND1QUE SPRETIS DELICIIS 

INTER ASSIDUOS CORPORIS CRUCIATUS 

ET ANIMI CONTEMPLATIONES 

NON SIBI SED CHRISTO ET POPULIS VIXIT 

DITATUS A DEO COELESTIS CHARISMATIBUS 

LUPORUM FERITATEM PERPETUO FR^NAVIT 

D^MONUM FRAUDES DETEXIT ET YICIT 

PLENUS AWNIS AC MERITIS XVI. MARTII MCCLXXXI 

AD COELUM MIGRAVIT 

PERPETUUM TORELLI SU^ GENTIS DECUS 

INVOCANT1BUS PRAESIDIUM 



36 



LVI. 

FELLA CAPPELLA DI S. MERCURIALS 

Dal lato dell" epistola 

D. O. M. 
lOANNI MERCVRIALI 
IVVENI OB PLACIDISSIMOS 
MORES VITjE Q LNNOCENTIAM 
CVNCTIS GRATISSIMO QVI 
BUM J[NCELEBERRIMA(.nc) HISPA- 
NIARV SALMANTICENSI ACADE 
MIA DISCIPLINARVM STVDIIS 
OPERAM STRENVE D^RET ET PES 
TILEim FEBRE ^PEMPTVS EST 
HlERONIMVS ET FRANCISCA 
PARENTES MOESTISSIMI FILIO 
CARISSIMO POSVERVNT 
VIXIT ANNIS XXV MENSES IIII 
OBIIT CIDIOXCVII 

IDIBVS 

MART1I 



LVII. 

NELLA CAPPELLA DI S. LUCIA 

A deslra 

FAMILIA . MERENDA 

AEDICVLAM . HANG . OLIM . PRAETIO . QVAESITAM 

COELITIBVS . LVCIAE . SYRAGVSANAE 

ET . NICOLAO . PATARAEO . DICAVIT 

ET . SVO . SIBI . GENTILITIO . IYRI • ADDIX1T 

EFFOSSIS . AD . SEPOLTVRAM . CAVEIS 

QVARVM . ALTERAM . HERIS . DESIGNAVIT 

ALTERAM . SERVITI1S . SEQVESTRO . DEPONENDIS. 

LVIII. 

IVI 

A sinistra 

LVDOVICVS . ET IVLIANVS 

COMITIS . PAVLI . MERENDA . SALECCniI 

FILII 

MAIORVM . SVVM . PIETATEM 

DIGNITATEMQVE . REVOCANTES 

PRO . AVITvE . RELIGIONIS . STVDIO 



57 

IN . POSTEROS . PROPAGANDO 

VETVSTATE . PENE . DILAPSAM 

IN . MELIOREM . FORMAM 

OPERE . ET . CVLTV . RESTITVERVNT 

A . Iff . D . CC . X . C . V 



L1X. 

KELLA CAPPELLA DEL SACRAMEKTO 

Nel muro 

D . O . M. 

FRANCISCO . CASTELLINIO 

EPISCOPO . A . BENEDICTO . XIV. 

ANN . MDCCLVIII. 

TIBVRTIB . PRAEPOSITO 

INDE . Q . A . CLEMENTE . XIII. 

ANN . MDCCLXI1I. 

AD . ARIMINENSES . TRADVCTO 

NICOLAVS . COM . ET . EQ. 

ET . THOMAS . FOROLIV . ECCLESIAE 

CANONICVS . THEOLOGVS 

OPTIMO . ET . B . M . PATRVO 

AETERNVM . MOERENTES 

L . H . M . C . P . CC. 

VIXIT . ANN . LXX . M . I . D . XX 

DECESSIT . IN . PATRIA 

MAIORVM . Q . SEPVLCRO 

INLATVS . EST . VI . ID . MAII 

ANN . MDCCLXXVII 



LX. 

ITI 

Ma Sagrestia 

D. O. M. 
ANTONIO BONDI DA FORLI ASSEGNO 
ET EFFETTIVAMENTE SBORSO 
ALLA V. COMP. DEL SS. M0 SAGRAM. 
POSTA NELLA CHIESA ABB. E DI 
S. MERCURIALE DI D. CITTA SCUDI 
NOVE CENTO, COLL' OBLIGO^/c) ALLA 
SUD: DI FARE TUTTI LI VENERDI 
DELL' ANNO IN PERPETUO L' ESP 
OSIZIONE DEL VENERABILE IN D. 
CHIESA. ED IN CASO DI CONTRA V 



VENZIONE SOSTITVI LA COMP. DEL 
SUFFRAGGIO(j/e) CON OBLIGO^/t) DI FAR 
CELEBRARE TANTE MESSE IN SUF 
FRAGIO DELL' ANIME DEL PURGA 
TORIO CON I FRUTTI CHE ANNUALM. 
SI RITRAERANNO DA DETTO CAP 
PITALE(«c). DEL TUTTO SE NE ROGO' 
IL SIG: COSIMO PETTINI NOT: DI D: 
CITTA SOTTO LI XXX GIUGNIO(jZc) 
MDCCXI 



LXI, 

NELLA QOARTA COLOKNA DELLA MAGGIORE NAVATA 

A sinistra 

D . O . M. 

FABRICIO . CASTELLINO . PATR . FOROL. 

LIBERIANJi . BASILICA . DE . VRBE 

CANONICO . DECANO 

HISPANIARVM . REGIS . PENSIONARIO 

IN . P ATRIA . DEFVNCTO 

ANNO . CIOIOCCXLI. 

COM . BARTHOLOMEVS(jjc) CASTELLINVS 

COM . IOSEPHI . FILIVS 

AVI . FRATRI . BENEMERITO 

P . ANN . CIOIDCCLXV. 



ft' f TtW 
\LL' EPIGRAFI DELLA CIIIESA PRIMICERIALE DI S. MERCURIALE 



IL. 
MI1XXX XP NATIVITATE etc. Pfesso i greci la lettera II pi segna il nu- 
mero SO. Non so come questo unilo alia M mille ed ai Ire X possa Jormare 1180 
( V. V illnstrazione seguente). Suppongo die lo scultore abbia errato nelP incisione di 
qaella lettera (sa i greci di qae , glorni non gli davaao diverse* valore) intendendo di 
tegnare CL. Hon era isfuggita questa iscrizione al celebre abbate Pieiro Zanni, die la 
riproduise Delia lua Enciclopedia Metodica delle Italic Arti (1). Egli perd la lesse in 
juesto modO) e forte per Don aver potato osservarla da vicino: 

MI.I.XXXX A NATIVITATE 
^Mi HOC A UAOISTEO AKTIO ACCOTIO OPUS ETC. 

i ioterpreto il milesimo per il 1040. 

iniiji, Ttpegrafla Ducaic, i8i9. part, i. vol. ii. p«g. ioo c 3i3. 



39 



in 



MAGISTRO ALIOTTO OPVS etc. Anche nei secoli di meizo il buon reggi- 
mento delle cose pubbliche, e 1' incoraggiamento alle arti, allora nella massima deca- 
denza, produssero di trallo in tratto uomini che incominciarono a dissipare le tene- 
bre iu cui si ritrovavano involte. Mentre la nostra citta reggevasi in repubblica, fio- 
rente e ricca siccome la descrivono i storici patrii (1), del 1178 ordinava la fabbrica 
di questa torre, e pel disegno e costruzione chiamava due suoi ciltadini Aliotto Pi- 
pini (2) cioe, e Francesco Daldi (3). Venne essa ultimata nel breve spazio di due 
anni, e riusc'i (come oggigiorno si vede) cosi eccellente, da potersi riporre, senza tac- 
cia di presunzione, fra le belle d' Italia tanto per la sua semplicita quanlo per la 
solidezza e spinta nelle volte. 

in 

DOMNUS QVI DICTVS EST ABBAS PETRUS. Fu questo il quattordicesimo 
abbate di s. Mercuriale e primo di tal nome. Nel ricordato libro Blscia cosi scrive- 
va di suo puguo (4): Alia turris sancti Mercurialis forolivii est constructa a 
Francisco Daldi archilectore de Forolivio. Ego domnus Petrus abbas monasterii 
sancti Mercurialis manu propria. 

L. 

D . BRUNO . GNOCHIUS . ABB . ET . MONACHI etc. II conte Cesare An- 
tonio Gnocchi ebbe 1' anno 1732 da Cassandra de 1 conli DalP Aste sua moglie un fi- 
glio, che al battesimo lo chiamo Carlo } il quale essendo stato posto in fresca eta 
presso i monaci di Vallombrosa in patria ad apprendere i primi rudimenti, si affezion6 
di tale guisa a quell' istituto, che fatto adulto, e recatosi in Toscana, i vi rinuncio 
il mondo, e ne professo la regola, cambiando il nome di Carlo in quello di Bruno. 
Compito il corso degli sludi fu adoperato in diverse cariche, nelle quali essendosi con 
generale soddisfacimento disimpegnato, venne per ultimo destinato abbate di governo 
in questo monastero di s. Mercuriale:, nel qual tempo, oltre avere ridotta la chiesa 
come ora si vede,e fatto costruire 1' altar maggiore con finissimi niarmi. ordin6 e fece 
condurre col disegno del nostro architetto Matteo Masotti (5) quasi a compimento la 
fabbrica attigua in oggi destinata agli uffici delle finanze. IVIa sopraggiunto il governo 
francese, in mezzo ai molli sconvolgimenti fu abbolito anche quell 1 ordine. Siccome 
per6 i suoi conciltadini gli portavano amore, per mezzo di alcuni di essi venne pre- 
scelto parroco della menzionata chiesa} nel quale ufficio ebbe poi a soffrire non lievi 
vessazioni per sostenerne i diritti. Oppresso dalle dispiacenze, manc6 di subitaneo ma- 
lore il 14 Marzo 1805 in eta di anni 73, e compianlo da' suoi parrocchiani e dagli 
amici, ebbe sepoltura nell' avello dei monaci. Oltre le erudite dissertazioni sui tre 
santi Mercuriali, lascio altri opuscoli assetici inediti, che rimangono presso i di lui ni- 
poti (6). 



(!) Cobelli Leone, Cronache prime; Padovani 
Aletsandro; Bonoli Stone di Forli; Marchesi Si- 
gismondo, Supplemento istorico ec. ec. 

(2) La famiglia Peppini, Pepponi o Peppi e ri- 
■omata fra le illustri di Forli non solo per la sua an- 
tichiia, quanto per gli uomini cheprodusse nelle car- 
riere leiterarie e marziali. 

(3) Anche la famiglia Daldi, ora Dadi, e anti- 
chissima, ritrovandosi ricordata moke volte dai nostri 
itorici. 



(4) Esiste ora questo libro, col reslduo del vecchio 
archivio nella segretaria del Comune. Su questo abba- 
te Pietro pud vedersi la Cronologia degli abbati d* 
s. Mercuriale dell' abb. Domenico Felice Ifalestra: 
opuscolo assai raro qui slampatodaGio. SlefanoRon- 
coni sent' anno; e il Fantuzzi, Monument i raven* 
nati nel vol. VI. pag. 234, anno 1179. 

(5) Del Masotti ho parlato nella Guiia di Fori* 
pag. S4, nota (3). 

(6) Uemorie avutt da quella famiglia. 



40 



LIII. 



MCOLAVS BAR. AB. MONASTEBIVM etc. Fu Nicold Bartoliui P ultimo de- 
gli abbati cotumendatarj di s. Mercuriale. Parlando egli con molta facondia non disgiunta 
a milanteria, entrd di leggieri in grazia di Girolamo Biario signore di Fori! , e gene- 
rale allora della Cbiesa, cbe per la guerra tra Sislo IV. suo zio, ed Ercole duca di 
Ferrara, lo elesse castellano della rocca di Benevento. Ma i fatti non corrisposero poi 
alle ciarle: perocche cedutala quasi senza ostacolo ad Alfonso duca di Calabria, cadde 
talrueute in disgraaia del papa e del conle, cbe 1' anno 1482 fu costretlo a rinunciare 
la badia ai monaci di Vallombrosa. Ma siccome i tristi uei loro infortunj trovano qua- 
si sempre uu porto di salvezza^ cosi il nostro abbate caslellano ebbe appena ricorso al 
tardinale Ascanio Sforza dei ducbi di Milano, che lo inviava ambasciadore al re Lo- 
dovico XI. di Francia, ed in Parigi poi finiva sua vita nel 1493 (1). 

LVI. 

IOAN3I MEBCVBIA.LI HIERONIMVS PATEB etc Di queslo giovine 

parla abbastanza la epigrufe, cioe, cbe dava le piii consolanti speranze a' suoi genitori. 
lnlonio a Gerclimo suo padre poi vi avrebbe molto cbe dire, ed io mi contentero di 
riportare un brano della vita di lui, che trovasi impresso nel principio della Belazio- 
ne de' suoi funerali, magnincamente celebrati in s. Mercuriale, deltala da Girolarno 
Zauli suo affezionatissimo (2) = // Sig. Girolamo Mercuriale (di gloriosa me- 
rnoria) s' aJJ'aticb men t re egli visse ne gli esercizi delle scienze con tanto fervore^ 
che avanzate V espettazioni , che di acuto , et hello ingegno si sogliono avere , ec- 
cellentissimo divenne , cosi nella lettura di Medicina, nel consul/are, e nel medi- 
care : come ancora ne gli studi di belle lettere ,• laonde il suo valore non solo nel- 
V Accademie di Padova, di Bologna, e di Pisa, dove egli e slato sopraordinario 
prqfessore di Medicina chiarissimo risplende : ma in tutte le piii famose Cittd d' 1- 
talia ancora, anzi d' Europa ,* come ne fanno ampia fede le doitiss'ime opere , che 
per benejicio degli ingegni in Medicina, et in altre scienze ha posle in luce (3), 
et anco si ri trovano scritte a pennaj la servitit , ch' egli ha sempre avuta co' 
maggiori Principi d' Italia, e fuori d' Italia; la benevolenza con la quale era a- 
mato , non solo da chi conosceva la grandezza dell' animo suo , e la sua bonta(k), 
o leggeva i gloriosi suoi scritti (5): ma da chiunque udiva nominare V infinite ope- 
re sue virtuose. A questa gloria terrena aggiungevasi una bontd di vita cosi 



(1) Marcheti G. V. Vilac etc., pag. 152. 

(2) Fircnzc, nclla sUmperla <ic' Giunii 1607. fig. 
( rara assai) pag. 5 e 6. (litre la Vila da laoi dal Mar- 
rheti G. V., un arlirolo piii esleso si legge nella llio- 
grufia Universale aniira e moderna vol. XXXVII, 

pag. 2(ji c teg.; e anil il sig. RenaulcUn estensorc di 
es»o, asscrisrc, che i suoi eoncittadlnl gl" innalzaro- 
no una itotua suiiu pubbliea piasxa. Kgli lien la 
merltava; ma ne anctic sul scpolcro gli fu polio una 
meinoria. 

Nella blognfli detiata dal mentoi ato Giorgio 

\ I film Marrlini pag. i 'j I e scg. sc ne pud vedere 
I' clenco. 

d) AMhl Tunjiiaio TotfO rlcorreva per la sua In- 
frriinta al Mcrcuriali, c gl inviova lettera da Ferrara 
la rtgllia di s. I'ietro negli anni IS8*j ed u la CCXCI 
delle iiir<]:'e puhlilu ate per eura del prof. Giovanni 

koala) — iii.i, Capurro 11127, vol. v. pag. 260. 

'., Giorgio Viviano Marcheti prodime nclla 



menlovata Biografia rnoltc teslimcnianze, cd io vi ag- 
giiingo le segucnli, per sempre piii far couoseerc 
quanta slima egli godessc prcsso gl' italiani e gli stra- 
nieri — Thou ( Thuanus I. II. Ilistoria sui, tem- 
poris) parlando del Mcrcuriali all' anno 1804 Collide 
il suo diseorso con quesli delti : Fuit egregia cor- 
poris forma, et sanrtissirnis, suavissimisquc mori- 
bus, ad hwc doclrina prastanti quod multa ejus 
scripta tettatltW a discipulis fere publirala, ut si 
quid in iis peccatum essel, ea citra fanur, et exi- 
stimationis jarturam ernendandi, summa pruden- 
tia,ar modeslia libertatem sibi servaret. — E Gual- 
do I'aolo nclla vila di Vinrenzo I'innlli ( vedi lla- 
tesii, Vita; pag. 3.12) llieronymus Mercurialii ma- 
gnus ille sine rontrovcrsia Jatronlres cut mrdira 
ars ornatum debet seleetum ilium et prculiarcm quo 
pristinam dignitatem nunc dtmum aliunde testa- 

fur . — I'othier net it blogradci degli aulori, 

prcmcMialvol. V. (kllc l'oiidclle: Androat lachinous 



41 

religiosa, che si poteva dubitarc , qual fosse in lui maggiore , o la grandezza, o 
la bonld dell' animo , in quella stessa guisa, che difticilmente ancora si poteva co- 
noscere quali fossero di numero maggiore, o V aziuni virtuose, o V opere pie, e 
sante ch' egli faceva. Tlsse egli dunque sempre virtuoso, e piamenlej onde bun 
merilo , che N. S. lddio all' infinite grazie , con le quali volse in vita consolare co- 
st buon' anima, aggiungesse anco quest' ultima veramente singolare- che dopo 
molti viaggi da lui felicemente fatti negli anni della vecchiezza in diverse parti d : 
Italia per salute degV infermi, e per comandatnenlo de' suoi padroni, si conduces- 
se pros per amenle nella cittd di Forli sua Patria , in mezzo dei suoi Jigliuoli, ni- 
poii, e parenti, e di tutte le sue amate creature , et ivi a non rnolto tempo in far- 
inas se per render V anima al suo fattore (1). ISella quale infermila , che piii di 
trenta giorni V afflisse , ben corrispose alia passata vita: poiche, oltre il sopportar 
con animo forte , e con estrema pazienza dolori eccessivi di slomaco , e de'fan- 
chi , che da Medici col nome di Nifritici sogliono esser chiamati, i quali giornal- 
menle sentiva, si confessb , e prese il Santissimo corpo del nostro Salvalore quat- 
tro volte, con tanta contrizione de' suoi peccati, e con tanto conoscimento di se 
stesso , che faceva dirottamente piangere tutti coloro,che lo miravano . Oltre a cid 
egli volse ogni mattina. udir Messa , facendola celebrate nell' oratorio che nella sua 
casa fece gid fabbricare (2) , et il resto del giorno si compiacque udir leggere ora- 
zioni, e vile de' Santi. Nell' estremo della sua vita, che ftni con buonissitno sen- 
limento , avendo rivolto il pensiero solo alia salute dell' anima sua. commesse al 
Signor Massimiliano suo figliuolo , che senza pompa alcuna sul far del gionio lo 
facesse portare nella bellissima Cappella, pur da lui nella Chiesa di Santo Mer- 
curiale fabbricata , e di pitture, e statue bellissime riccamente adornata (3). E que- 
sta gid eresse egli per onorare , quanto piii da lui si poteva, il Glorioso corpo di 
Santo Mercuriale, che fu Vescovo , e Protettore di Forli, il quale con intervento 
di Monsig. Vescovo, di Monsignor Governalore , dell' uno e dell' altro Magistrato. 



foroliviensis celeberimi Mercuriali doctoris medici 
gener etc. — Lo stesso ivi: Mercurialis (Uieronymus) 
medicinam in acadcmiis I'aduand, Bononiense et 
Piscina publice docuit etc. ob singularem doctrinam 
equitis el comitis a Maximiliano Il.insignitus etc. 
prater ilia qua de medicina scripsit, edidit, et va- 
riorum Lcctionum libros inquibus circa alias quo- 
que arles, scientias plurima ulilissima deprehen- 
dunlur.—ta sacra Rota coram Oliver, dec. S4I Uie- 
ronymus Mercurialis civis foroliviensis, insignisque 
philosophus. — Fahroni nel tessergli l'elogio cosV 
si esprime: Quare minimum est mirandum si non 
modo inter Ualos, sed eliam in'er alienigenas plu- 
res non minus grati quam docti existere, quideil- 
tius vita et scriptis multa litteris mandarunt , e 
quibus prase, tim. memorabimus Nicesoninm homi- 
nem Galium, qui et de viris aliisillustribus sic de 
Mercuriali comenlariolum Parisiis emisit anno 
1734 , et Fridericum liohemerum germanum qui an- 
no 1751 Brunsviga edidit singularem commentatio- 
nem de vita, moribus, merilis, et scriptis Ilierony- 
mi Mercurialis foroliviensis — E sc costoro trascura- 
rono elcune cose in riguardo a' suoi merili, riparo a 
cid il Morgagni nella sua 27 letlera Emiliana. 01- 
irc il Marchesi G. V. citato, una biograiia raolto piu 
Mlesa fu dcttala dall' egregio coacittadiuo dolt. Dido 
6 



Valenlini, ed e la tcrza del secoudo volume degli 
Vomini illttstri Romagnuoli, slampato dal Casali net 
1835 per cura di Antonio Herclani. 

(1) Si vede la di lui efligie non in piena sanila 
come la fece a noi pervenire Santi di Tito in figura di 
suddiacono nel quadro a cornu epistola della mcde- 
sima cappella, ma si bene pallida e smunta nella terza 
lunetta ove e segnato sotto 1' anno 1606 del corridojo 
che conduce alia sagrestia, la quale per avventura fu 
da lui fatla dipingere in quello stesso anno cbe manco 
ai viventi. Induce poi a sdegno il vedere que' belli a 
fresco, creduti del cay. Roncalli, guasti e malconei di 
recente; e sarebbe a desiderarsi, che la Commissione 
di Belle Arti di questa cilta ponesse finalmente un ar- 
gine a simili rozzezze, acciocche le poche cose rima- 
nenti non veuissero portate a tolale dcperimento, o 
fatte guastare da malpraiici ristauratori . 

(2) AlUmlmenle viene chiamalo quel locale la 
Finanza, fatto ricostruire, siccotue dissi, dall'ab- 
bate Bruno Gnocchi. 

(3) Il Mercuriali aveva moltoamore alle arti bel- 
le, e quindi non tenne inoperosi (come oggidi si suole) 
i piii valenti uomini cbe avcsse 1' Italia, e la Toseana 
massimamenle, a que" giorui ; di che ci fa fedeaoeo- 
ra la raenziouala cappella, ridotla ora in dud buouy 
suio. ' 



42 

di tutte le Religioni . e compagnie della Cittd, e finahnente di numeroso popolo 
circonvicino ivi a questo effetto concorso, avea falto il giorno ventotto d' otlobre 
1604. pomposamente a sue spese trasporlare. Terminb la notte delli nove di No- 
i'embre a ore nove (1), con le sue gloriose faliche la vita, in mezzo a' Religiosi 
Padri, a' suoi figliuoli, et a tutli i suoi piii can, quali amaramente si dolsero del- 
la gran perdita loro . Ne a pena la mattina seguente si divolgb cost tristo annun- 
zio per la Cittd, che tulta piena di mestizia, videsi con lagrime accompagnare il 
pianto de' piii cari del defunto, mostrando con tal dolore conoscer molto bene la 
gran perdita, che di tanf uomo faceva , il quale in vita V era stalo come protet- 
tore, ed il cumulo degli onori, e commodi accresciuto le aveva. La stessa mattina 
di buon' ora , senza alcana pompa, conforme a quanta aveva commesso , Jit por- 
tato nella gia detta Cappella, et ivi posto sopra picciolo catafalco, ove stette,Jin 
che furono celebrati tutti i divini uftici; nel qual tempo concorse tutto il popolo a 
vederlo, et a pregargli requie, mostrando cosi gran dolore, che pareva appunlo 
esser morto il Padre , et il protettore universale . 

Finiti i sacii uffici, e da' periti Medici aperto il cadavero per imbalsamarlo , e 
per vedere (come egli in vita avea pregato i Medici, et imposto al figliuolo si fa- 
cesse) quale fosse stata la cagione, che V aveva condolto a morte , ritrovarono al- 
tro non essere stato , che due pietre nelle reni grosse come due gran noci (cose 
da lui medesimo gia pronosticate ) et un cumulo d' un certo umore , del quale era 
ripiena buona parte dello slomaco , da' Medici, per il color fosco , che tiene , Atra- 
bile conmnemente chiamata . Jmbalsamato il Cadavero fu messo dentro una cassa, 
p posto nella sepoltura , che sotto il corpo di Santo Mercuriale , nella sua Cappel- 
la di sua commessione fu gia fatta fare ec. 

LIX. 

FRANCISCO . CASTELLINIO etc. Furono genitori a Francesco i nobili si- 
unori Bartolommeo Castellini, e Teresa Fosobini. Inviato da giovine a Roma si dedi- 
co alia giurisprudenza, nella quale sommamenle si dislinse. Benedetto XIV, al quale 
fu carissimo pel molto suo sapere, lo creo vescovo di Rimini, avendo anche in ani- 
mo di farlo cardinale} ma essendogli mancato troppo presto quel mecenate, Clemen- 
te XIII (Rezzonico) die gli successe, lo preteri ati'alto, senza conoscersene il rnoti- 
vo} anzi el)be a soffrire alcune dispiacenze, per cui fnil col ritirarsi in patria, col- 
r animo forse di rinunciare al vescovado . Per un imbarazzo di stomaco, creduto e 
curafo dai medici qual sintomo di apoplesia, termino sua \ita il 10 Maggio 1777 nel- 
T eta di anni 70 mesi uno e giorni 20. 

LXI. 

FABRICIO . CASTELLINO etc. Ebbe il canonico Fabrizio Castellini rinoman- 
7.1 di eccelso teologo, per cui venue adoperato in moltissime consultazioni di grave 
niomt'iilii t;i n to per la Miblimita della materia, quauto per la diflicolta degli argomen- 
ti. Ce>>6 di vivire il giorno 19. Ottobre dell' anno 1741. in eta di anni OS, e il 
riorno lUSMgaenti fu trasportato di nolle nella cbiesa di s. Mercuriale, ed ivi poslo 
ml sepokro di sua famiglia. 



(0 Cine a trc arc c rucizo lutiineridlanc iccon- do il sistcma littonomlCO aituale. 



NELLA CRTESA PARROCCIIIALE 

M S. BIAGIO m S. GIHOWMEO 



LXII. 

SOPRA IL PORTICO CHE CONDUCE ALLA CHIESA 

QYESTO PORTI 
CO NON GODE 
PIV IMMYNITA 
PER DECRETO DI 
MONSIGNOR ILL. 
YESCOYO COME DE 
LEGATO APOSTOLICO 

LXII1. 

NEL VESTIBOLO 

•A sinistra entranJo 

D. O. M. R. M. V. 

Albertys Q. IACINTI ET NEPOS FARII 
DE 1VOBILIBVS YICARII GEN. S S. ROPHIL 
LI ARCHlPRESBITER^/c) MELDOLJL PROTO 
NOT. s APOST. s CVM IAM INDE AB ADOLES 
CENTIA PATRONVM SIBI DELEGISSET D. 

HIER.^ FRATRESQ. ORD. IS MINOlf DE ORS. 
FRJSCIPVE VENERATYS SIT NVINC DEGENS 
FOROLIYII CADAVER SYYM IVRET IN EC 
CLESIA EIDE S. TO DEDICATASEPYLTVR.E DEMAN 

SEMEL TAJiTV 

DARI. LEGATIS ILLI X SCYTIS QVINQYAGINTA 
YT PRO SE INFERLE OFFER^NTVR ORHT DIE 
X> AYGYSTI MDCXXIII AN. NAT. LXIII 



LXIV. 

NELLE BASI DELL' ALTARE DI S. PASQUALE 

A destra A sinistra 

OR EXIMIAM UNUS 

IN SANCTUM EX HIS PATRITIJS 
PASCHALEM HANC ARAM 

RAYLON EXORNARI 

DEYOTIONEM CURAYIT 

ANNO 1754 



44 

LXV. 

NELLA MENSA DELL* ALTARE DI S. PASQUALE 

A destra 

MERCURIALIS . EPISCOPVS . FOROLIVIEN . ARAM HANC 

IN . HONOREM . SS . FRANCISCI . ASSIS . IOANNIS . ACAPIST. (sic) 

ET . PASCHALIS . RAYLON . SOLEMNI . RITV . CONSECRAVIT 

XXIX . SEPTEMBRIS . ANNO MDCCLXXXVIII. 



LXVI. 

IVI 

A sinistra 

MONLALES . SS . CORPORIS . £ . ORD . D . CLARjE . FOROLIV. 

SERAPHICO . PATRI . D . FRANCISCO . ASSISIN. 

FILLE . AMANTISSIM^ . PP . ANNO . MDCCLXXXVIII 



LXVII. 

NELLA CAPPELLA DI S. STEFANO 

Per terra * 

HIC STIRPS BEDOLINA 



IACET MDII 
LXVI1I. 

M.I. CORO 

Sopra le sedie. incisa in legno * 

HOC SPECTATOR OPUS QUOD SACRA CONSPICIS AEDE 

CONSTRUXIT PIETAS SOLLICITAVIT AMOR 

R. P. 10. PASQ. ZAMPIGA GUARD. FOROL. FIERI JVSSIT. 

SCULP. F. RIDULPHUS . M. A SAVIGLIAN. IS 

ANNO MDCLXXIIX 

LX1X. 

NEL PRESDITERO 

Per terra 

ADM. RP. PR. ANGEL 
A I VGNA. THEOL. 
TOTIVS ORD. MIN 
OBS. PP. BT I'ROV. 
BIS MINI. HIC 
QVIKS. 
1019 



45 



LXX. 

NEL PRESB1TER0 

Sotto il quadro del Crocefisso. per terra 

MARGARITA ALBICINI MONSIGNANA 

OB DEVOTIONEM 

IMAGINI PROXIMO MVRO AFFIXjE 

HIC SVVM FECIT SEPVLCRVM 

ANNO SAL. MCI3CCVIII 

jETATIS SViE LXXX 

LXXI. 

NELLA CAPPELLA DI S. BONAVENTURA 

Nel muro vicino all' altare 

HIC IACET CORP BTI PRIS 

FRIS IACOBI VNGARELLI 

ff PADVA OR IS MI* RLlS OB 

*fa (sic) PR^EDICATORIS EXIMII 

OBIIT . M . D . X . V . II w^ 



LXXII. 

ivi 

Nel muro di facciata , sotto il ritratto 

D. O. M. 
CESARI(^ic) HERCOLANO FOROLIVIEN. GENERE 
NOBILI SED PROPRIIS YIRTVTIBVS NOBILIO 

RI . QVI SVB FELICISSIMI ROMANO^ IMPER 
ATORIS CAROLI .V. AVSPICIIS AB ADOLESC 
ENTIA INVICTISSIMO DVCE FERDINANDO 
ARCONO MVLTA PRECLARA(jZc) REI 
MILITARIS OPERA NAVAVIT OBQVE 
EQVESTRI ORDINE ORNATVS. PEDITV 
EQTV Q DVCTOR CREATVS . D\Ob OPPI s 
ARAGNA . ET . CAMARDA . IN AMITERN A 
GRO HONESTATVS POT .V. ET XX AN 
TANDE IN PRfOS REVERSVS LARES DV FLV 
CTVATIS PRI.E DVBIIS IN REBVS P VBLICE (.wc) SA 

LVTI OIVM CIVIV SVO$ Q. INCOLVMITATI 

COSVLIT OPITVLAT Q. HEV IMPIETAS PLVS 

Q BARBARA POT TOT BELLO$ DISCRIMINA 

POT TOT FORIS PARTOS HONORES . DOMI . ASC(jfc) 

ELERATIS SICARIIS . NEFARIIS QE GRASSATORI 



BVS TANQ AGVS IMOGENS COFODIT TEH 

CVLENTISSIME . GRAVI OlVM BONOP) MERO(.«c) 
RE . RELICTA COIVNX OBBATI FBATRES M 
ESTI GE~TILES POSVERE . VIXIT . ANN XXX 
V. RAPITYR. ANN. SAL. DOM. M . D . X . X . X . IIII. 



LXXUI. 

AVA1VTI LA CAPPELLA Dl. 1,1. A CONCEZIONE 

Per terra 

D. T. V. 
BARTHOLOMAEO PORTIO ALEXANDRI 

FILIO NOB. FOROL. 

OB PLVRIMA IMMACVLATJE V. MYNERA 

HIC TVMVLATO 

FRANCISCVS ET IOSEPII M. FILII MESTISS. (fie) 

PERPETVI AMORIS SIGNO 

HVNG LAPIDEM POSVERE 

ANNO DNI M . D . C . CXVIII 



LXXIV. 

IVI 

In un monumento con figure 

D. O. M. 

Aloysio Paylytio Patritio Foroliviensi 

Ex comitibvs Calbvli, marchioni Fabiani 

Viro Generis nobilitate, militia Gloria, 

atq. in devm pietate clarissimo 

In Pannonico, et ad Alpes Bello, 

In Picenatis bei militari Administrations, 

AC GENERALI S. 11. E. COPIARVM PRjEFECTVRA 

in dltione ferrariensi 

sms mvneribvs egbegie perfvncto, 

Et ne qvid ad eivs nominis Lavdem deesset 

Stvdiis litebabvm Excvlto 

Fabritivs S. II. E. Cabdinalis, AC MABcmo IOANES 

GEBMANO FrATIU CARISSIMO P. (He) 

Obiit Decimo Sexto Kal. deccmbris (sic) 
a no Sal. M:i)ccv 
jETATIS SVJi XXXXVII 



47 



LXXV. 

AVAKTI LA CAPPELLA DELLA C0NCEZ1011E 

Monumento a van marmi e colF effigie 

D. O. M. 

IOANNI . BAPTISTAE . MORGAGNIO 

FOROLIVIENSI . ANATOMICORVM 

PRINCIPI . AVGVSTINVS . PARENTI 

OPTIMO . ANTONIVS . VALER1ANVS 

ET . IOANNES . BAPT1STA . AVO 

CHARISSIMO . M . M . P . P 

OBIJT . PATAVIJ . RON . DECEMB. 

MDCCLXXI . ANN . NATVS . XC. 

LXXYI. 

NELLA CAPPELLA DI S. BERNARDINO 

Sotto magmlico monumento con statua giacente 

BARBARA . ASTORGlI . MANF . F. 

PINVS . ORDEL . AN . F . VX . DILECTIS. 

OB . DIVINA . VIRTVTVM . MERITA 

PONENDVM . IVSSIT 

VIX . ANN . XXII . M . YI . D . V. 

B. M. 

ANN . SAL . M . CCCC . LXTI. 

LXXVII. 

FRA LA DETTA CAPPELLA E QUELLA Dl S. M1CHELE 

Nel pilastro 

ELEGANTISSIMI PHYSICI 
BALTHASSARIS GADDI CVIVS 
AEDES OB MAGNAM APOLLINEE(.fic) 
ARTIS SCIENTIAM INGENTI MOR 
TALIVM CONCVRSV PRO RED 
IMENDA A MORB. s VITA PETE 
BANTUR. CINERES HIC ET OSSA 
QVIESCVNT AT SPIRITVS CAELE 
STI FRVITVR PATRIA ANNOS 
NATVS 49 AD SVPEROS EMI 
GRAVIT 1544 QVIS 
QVIS ES VIATOR 

BONI CONSVLE 



48 

LXXVIII. 

A DRITTA DELLA PORTA MAGGIORE 

Sotto il ritratto dipinto 

D. OPT. MAX. 

SEBASTIANO coltrario ivrisconsvlto forolivien. 1 cla. mo plvrimis 

VIRTVTV." SVARV. M MONVMETIS PRE 
CLARO AVDITVS MVNERE SVB IOANES MEDICEI CARDINALIS MEDICO LA- 

NENTIS LEGATI PERVSIJ FVNCTO PIO DE 
INDE EIVS NOMIMS QVARTO PONTIFICI CREATO PERQVAM GRATO AQVjE 
PENDENTI BO; ME; PAVLI III. AVSPICII REGIMINE HONESTATO. ARIMINI 

GVBER; 1S ASSESSORIS VERVC 
VLI ET SCORTICAT^ LEONELLI PII INTVITV COMISARIO. PRO LEGATI 

VITERBVS GENERARI AVDITOR CORNET 
SANCTI LVPOIDIJ ET SECCIAE TERRARV GVBER, IS BVRGI NOVI ROMjE PRO 

GVBER, RI si\DICIJ IVLIJ A RVERE 
PAVCV TENENTI CIVITATIS NEPESINE SYBIECTE CARDINALI FARNESIJ 

CVBR; 1 DEMVM A GREGORIO XIII 
POX. CE MAX. PRO SEDANDIS REBELIOIS TVRBVLETIIS PRO HOOYO SABELLO 

IN EIVS TENIS COMISSARIO DEPV= 
TATO IO. E BAT. A FILIVS, FRAN. S FRATER ET ISARELLA SOROR BENEME- 

RENTI POSVERE VIXIT AMOS LX1J. 
OBIIT DIE XXI1II ANO DOMINI M . D . LII DIE XVII JANVARIJ 



J.XXIX. 

IN MEZZO ALLA CHIESA 

Per terra 



TERTIVS ARMORVM PACIS QVOQVE GLORIA PINVS 
ORDELAPIIVS PER QVEM NOMINA SANGVIS HABET. 

POSTQVAM ARCEM MVROSQ. DEDIT TIBI L1VIA SEDEM 
HANC SIBI DELEGIT LVSTRA NOVENA SIBI. 



LXXX. 

NEU.A SAEA OVE ESISTEVA LA BIBLIOTECA 

Sopra la porla d' ingresso « 

ANNO CID . ID . C . LV. 

QVO. REGINA SVECOR — CHRISTINA ROMA 

PETENTE IlOMANA IIDK I VRATVRA , INGE= 

NTI ONfV APPAHATV, AC RECK) OCCVRSV, 

civi i as exckimt— OfiC o lvsthas anb 

VLACRA NOBILIOB) HAC FORMA DONARV— 

NT, IMOlJ LIBERALITAS, ET OPERA A . B . P . AN 

GEM DE SYBKIANIS FOROLIVIEN— 






49 






AD ALCUNE EPIGRAFI DELLA CHIESA PARROCGHIALE 
DI SAN BIAGIO IN SAN GIROLAMO 



LXII. 

QUESTO PORTICO NON GODE etc La noncuranza del cardinale Domenico 
Rivarola legato della provincia di Ravenna, nel lasciare impuniti i masnadieri che la 
infestavano negli anni 1617 al 1619 (1), costrinse la corte di Roma a nominate de- 
legate apostolico mons. Cesare Rartolelli vescovo allora di Forli, onde ponesse ripa- 
ro ai ladronecci ed estorsioni che anche qui si commettevano. A toglier pertanto tali 
scandali, prima sua cura fu quella di levare la immunita a quel portico e a vari al- 
tri luoghi dove ricoveravansi i malfattori*, ii quale ottimo divisamento non dur6 poi 
lungo tempo, secondo che riferisce il p. Eossi da Forli (2). Anzi sul principio sol- 
tanto del regno italico venne abbolita di nuovo la franchigia a quel silo, come ricor- 
dano ancora persone viventi. 

LXVII. 

HIC STIRPS BEDOLINA etc. Francesco di Antonio Redolini (omesso dal cav. 
Giorgio V'wiano Marchesi nelle sue Vitae) fu eccellenlissimo filosofo e capo del Con- 
siglio nel 1482. II popolo di Forli l 1 ebbe in molta stima ed amore, come nana il 
Bernardi (3). Si estinse questa antichissima famiglia poco dopo il 1730 con Barbara e 

Maria, la prima sposa a Ludovico Tartagni, e la seconda a Stiiati di Cesena (4). 

LXVIII. 

HOC SPECTATOR OPUS etc II ricordato p. Flamio da Parma (5) magnifica 
come segue questi lavori del coro, che furono levati in parte con 1' iscrizione istessa 
nell' anno 1823. Lavoro certamente assai vago e maestoso sono gli armarj nella 
sagrestia e li sedili nel coro, fatti nel 167S>- e nella iscrizione seguenfe (cioe la ri- 
portata ) scolpita in noce, nel mezzo del coro, scorgesi chi fosse il promolore di 
quest' opera certamente di mollo valore. 

LXXI. 

BTI PRIS FRIS IACOBI VNGARELLI etc. Di questo insigne predicatore, 
che fece anche le addizioni alia Somma Angelica, parlano difl'usamente Angela 
Portenari (6), e Luca Wadingo (7). 

LXXII. 

CESARI(jf'c) HERCOLANO etc. In una Leltera anonima (che io ho fondamen- 
to di crederla scritta dal ex gesuita Giandomenico Coleti) (8), e indirizzata, per 

(1) Marcheii Sigismondo, Suppl. istor. citato Rosetti. 

pag. 764, 765. (5) Opera citata vol. I. pag. 55 1. 

(2) Memorie del convenlo di s. Girolamo di (G) Felicitd di Padova — Padova 1623 lib. IX. 
Forli, m. s. (7) Annates Minorum et trium Ordinvm a S. 

(3) Storie di Forli m. s. nella libreria del Co- Francisco inslitulorum — Roraae 1731 — All' anno 
raune, all' anno indicato. 1517. vol. XVI n. 40. 

(4) Campagnoli d. Simone, proseguimento alle (8) Memorie istoriche intorno al cavaliere Ce- 
Notizie di famiglie nobili forlivesi estinte sino al- sare Hercolani, Lettera dell' AB"* — In Vinegia 
I anno 1790 m. s. presso il n. u. sig. conle Luigi MlfCCLXXVl, opuscolo in-4. piccolo di 23 pagiai 

1 



50 

quanto sembra, ad un signore forlivese, viene provalo con molta rritica e documenti 
autentici, che Cesare Hercolani non sorti i natali altrimenti in Forll, ne i genitori 
suoi furono quelli assegnaligli dal Padovani, del Bonoli, dal Marchesi cav. Giorgio 
Viviano, e dall' altro Marchesi Giorgio nelle rispettive loro opere*, ma sibbene ch' ei 
nacque nella villa di Traversara, del territorio di Bagnacavallo, da Sante q. Billino 
Hercolani, e da donna Pasquina Mengazzi. E bastandomi di avere accennata la fonle 
a cui ricorrer possa chi fosse nel desidetio di maggiori schiarimenli inlorno alia contro- 
versa origine di Cesare, diio solo cbe fu egli valente soldato, e si rese illuslre, par- 
ticolarmente nella famosa giornata di Pavia, militando per V imperatore Carlo V. in 
qualita di capitano di una compagnia. Ritrovossi fia coloro die fecero prigioniero 
Francesco I. re di Francia, a cui pel primo feri il cavallo^ onde m. Mambrino hn- 
seo da Fabriano (1), e non Giovanni Tarcagnotla, come dice il Bonoli (2), parlau- 
do di questo fatto cosi si esprime: quel che si attribuirono V onore di haver fat to 

prigioniero il re furono molti ma piii degli allri vi prendeva ragione Cesar*-. 

Ercolano nobil Forlivese, creato dello Alarcone, che fa il primo che gli feri il ca- 
vallo (3). Mostrava di pin uno sperone, ed una falda staccata dal giuppone del re 
in quel frangente. Ma queste sue glorie non dovetlero certamente andare troppo a 
grado, ne all' illustre prigioniero, ne a' suoi aderenti, per cui si pud conghiellu- 
rare d' onde poi derivasse la violenta morte delf Hercolani. 

LXXV. 

IOA.NNI . BABPTISTAK . MORGANIO AKTOKIVS etc. Antonio Morga- 

gni nacque da Fabrizio figlio del celeberimo Giambattista Morgagni, e da Margberita 
di Antonio Serughi nobile forlivese. Studi6 medicina in Padova, ma dalla natura fu 
destinato alia poesia, che coltivo con trasporto, e ne lascio parecchi manoscritti ine- 
diti. Si distinse col rimare air improvviso sopra temi risguardanti argomenti scientib- 
ci. Cess6 di vivere li "2 Novembre del 1794, e fu in questa chiesa sotterrato. La di 
lui perdita venne compianta dai Filergiti in una accademia che si lenne nella sala del 
palazzo Merlini, alia quale concorsero anche eslranei soggelti per lodarne le virlii. 

LXXVI. 

BARBARiE . ASTORGlI . MANF . F. etc. Costei, novella Arsinoe (4), fece pu- 
gnalare il di lei cognato Cecco Ordelafii (non avendo potuto torlo di vita col veleno) 
sposo a sua sorella Elisabelta, onde poi il proprio marito Pino avesse il totale co- 
mando della citta e castelli soggetti. Ma non ando guari, che quest' ultimo pentito forse 
di avere acconsentito all' eccidio del fralello, le fece dare il veleno^ pel quale (ser- 
vendomi delle parole dello storico Marchesi) nella veemenza del flusso , le uscirono 
quasi le budella, e mori (5). 



di stampa con una morta, ritratto dell' Hercolani in 
principio, ed in One l'albero geneologico compendiato 
della faraiglia dello stesso; impresso certamente nel- 
la tipografia del padre del Coleti, intorno alia qua- 
le, e al ricordato Giandomenico pud osservarsi il 
vol. XII pag. 575 della Biograpa universale antica 
a moderna — Venezia, Missiaglia 1823. 

(1) Delle His tone del Mondo, parte tersa ag- 
giunta alle Uistorie di M. Giovanni Tarcagnotta. 
In Venetia MDXCVIII appresso i Giunti lib. II pag. 00. 

(2) Bonoli 1st. pag. 31 1 -12. 

(3) Anche Aurelio Bernieri (Poesie — Parma, 



Bodoni I8i I vol. II pag. 83) cosi cantava dell' Her- 
colani: 

« Ti prese obblio di Cesare 

« Ercolan, che primiero 

o il feroce destriero 

« Del Franco Re d'un'asta trapassd;.... 

(4) Arsinoe moglie di Lisimaco re di Macedonia, 
fece uccidere il marito di sua sorella per infernale 
brama di regno — Veggasi Buret de Longchamps , 
Les Fastes Universelles , etc. Bruielles, ches Aug. 
Wahlen 1822. 

(5) Suppl. Stor. cit. pag. 494. 



M 
LXXVIII. 

SEBASTIANO COLTRARIO etc. II p. Rossi nel mandare Ie epigrafi di que- 
sta cliiesa al p. Flaminio da Parma la ommise ail'alto, perche plena di spropositi. Io 
pero ho creduto opportuno, a seconda di quanto mi proposi, d' inserirla quale anco- 
ra si legge nell' indicato luogo. Inlorno al Coltvari poi ne parla G. Viv. Marchesi 
nelle sue Fitae etc. 

LXXIX. 

TERTIVS ARMORVM PACIS etc. La Cronica anonima ( m. s. in questa Bi- 
blioteca comunale) ci descrive Pino Ordelaffi come uomo deynissimo , amatore del 
ben pubblico , che conserve* per tutta la sua vita Forh senza guerra , perche era 
stitnato per tutta Italia, era liberale e vafenle nelle armi; aveva adurnata la cittd 
cingendola di mura dalla parte degli arbori (verso seltentrione ), et aveva fatto fa- 
re la cittadella delta rocca, et niolte a/tre fabbriche entro la cittd. Occulta pero 
i crudeli eccessi commessi con la propria madre Cattarina Rangoni, con la ricordata 
Barbara Manfredi, con la seconda moglie Zallira tiglia di Tadeo Manfredi, e con altri 
suoi consiglieri e famigliari. Ma veriticossi in lui 1' adagio a noi comunissimo, e che 
Tibullo detlo nel quarto verso della sua elegia IX del primo libro, cioe, che 

Sera tamen tacitis poena venit pedibus ,• 
e cosi anch' esso mori non senza sospetto di veleno preparatogli in certe pillole, e 
forse per ordine della terza sua moglie Lucrezia de' conli Pichi della Mirandola, in 
vendetta di aver fatto barbaramente mori re Giacomo Suardo da Bergamo di lei conti- 
dente, ed ajo del bastardo Sinibaldo, tiglio del medesimo Pino (l). Vedesi anche og- 
gidi il suo busto sculto in manno dall' insigne Donalello in casa degli eredi del te- 
ste defunto n. u. sig. Francesco Aleotti, ultimo di questa famiglia, con sotto un* i- 
scrizione, che riporteremo a suo luogo. 

LXXX. 

ILEC Q LVSTRAS ANBVLACRA(^/c;....OPERA ANGELI DE SYRIAMS tic. 
Questa iscrizione fu posta nella libreria circa il 1655, dopo 1' iunalzamento della nuo- 
va fabbrica, ora canonica de' parrochi (2), fatta eseguire dal p. Angelo Suriani, che' 
accrebbe anche la libreria medesima di molti volumi . Fu il Suriani qran teologo ed 
oratore insigne, come riferisce il Garuffi nell' Italia Accademica (3), annoverandolo 
fra i piu illustri soggetti dell' Accademia de'Filergiti. Mori in questo convento di s. Giro- 
lamo il 1.° Novembre del 1666 mentre teneva la carica di provinciale di Romagna (4). 
La sua effigie in gesso, tratta dalla rnaschera, esiste presso Io scrivenle. 



(I) Le virtu e crudelta di costui possono leggersi (2) P. Flaminio da Parma, opera tiiata vol. I. 

in fine delle Cronache prime di Leone Cobetli, m. s.; pag. 550. 

nel'e Siorie di Forl'i di Alessandro Padovani; nel (3) Parte prima — Rimino 1638, pag. 132. 

Supplemento Istorico dell' antica Cittd di Forl't di (4) Marchesi cav. Giorgio. I Lustri forliveti , 

Sigismondo Marchesi; e nelle Vita;, Virorum, ecc. pag. 155. 
di Giorgio Viviano Marchesi. 



LlORAfTV 
UNIVERSITY OF ILLINOIS 



Si 



NELLA CHIESA PARROCCKIALE 

BI S. MARIA IKT l£LTl'BLM3iQ 

VOLGARMENTE SCHIAVONIA 



LXXXI. 

SOPRA LA PORTA DELLA DEMOL1TA SAGRESTIA * 

VT SVORVM ALTARIVM DECORI 

AC SVPELLECTILIVM COMMODO 

VENERAB1LES 

EVCHARISTICI SACRAMENTI 

ET SANCTI MARINI 

CONFRATERKITATES CONSVLERENT 

ISTVD iERE PROPRIO 

SACRARIVM EXTRVI VOLVERVNT 

ANNO MDCCXXIV 

LXXXII. 

ENTRO LA M1.UI.S1MA 

Per terra * 

SEPULCRUM . HOC . STATUIT . SIBI . ANDREAS . SIBONIUS 

GRAVIS . DOCTUS . PIUS . SACERDOS 

PRjEFUIT . HUIC . TEMPLO . ANN . XXXVIII. 

VIXIT . ANN .P.M. LXXIII. 

DECESSIT . XV . KAL . SEPT . ANN . CHR1STI . MDCCLXIII. 

S . T . T . L. 



LXXXI1I. 

NELLA CHIESA 

Per terra 



10 . RIDVLPniO 

OPT . BENEMERENTISS . PAROCHO 

QVEM . VOTI . EXPETITVM 

GAVDIO . EXCEPTVM 

POST. ANNOS.IX. 

n\C . POPVLVS . PROSEQVVTVS 

EST . LACItYMIS PRID . KAL . MAII 

AN . CI31DCCLXXIII. 



53 
LXXXIV. 

NELLA CH1ESA 

Per terra * 

HYACINTO SANDRONI 

HUIUS ECCLESIAE RECTORI 

DOCTRINA VIRTUTE SPECTATO 

ZELO DEI ABSUMPTO 

PRAEREPTOQ. 

ANNO MDCCXCVII. 

II. PACEM PRAECANTUR 



AD UN'EPIGRAFE DELLA CHIESA PARROCCHIALE 
DI S. MARIA IN LATERANO VOLGARMENTE SCIIIAVONIA 



■ssSHaf-ess 



LXXXII 

ANDREAS . SIBONIVS etc. Prima che venisse eletto parroco di s. Maria in 
Laterano o Schiavonia, cuopri il posto di professore di umane lettere nel Ven. Se- 
minario di questa citta, e fu suo allievo il rinomatissimo d. Tommaso Belloni (1). 
Resse la sua chiesa con zelo per ben trentatre anni, e settuagenario mancd li 19 A- 
goslo 1763 (1). 



(I) Orselli Ferrante, Raggwglio della vita e biani 1752 pag. 12. 

preziosa morte di d. Tommaso Belloni, Forli,Bar- (2) Dall' arctiivio di quella Chiesa. 



54 

NELLA CHIESA PARROCCHIALE 



BI S. GI&COMO MAd. APOSTOKO 

DETTA SANTA LUCIA 



LXXXV. 

DI DIETRO l' ALTAR MAGGIORE 

A destra 



DVM TVA LINGVA CANIT MENS ALTA AD SIDERA SENDAT. 
ANGELICOS INTER SIC ERIT ILLA CHOROS: 

A sinistra 

NVMEN ADEST NVMENQVE VIDIT SVB IVDICE TANTO 
PARYVLA SVNT QVAMVIS CROHN A CVNCTA NOCENT. 



LXXXVI. 

A DRlTTA, VIC1NO AL FRESB1TERO 

Nel pilaslro 

TEMPLUM HOC 

OMNIPOTENT! DEO 

DIVOQUE FRANCISCO 

PAULAE THAUMATURGO 

A FOROLIVIENSIUM MUNIFICENTIA 

NMPER EXCITATIJM 
lLL. M,s ET ReVER. m, ' s DOM1NUS 

D. Joannes Rasponus 
forolfviiEpiscopi s 

SOLEMN! RITU CONSECRAV1T 

TERTIO KAL. APRILIS MDCCII 

DIEM VEEO XIX OCTOBRIS 

EJUSDEM DEDICATIONIS 

AWNIVERSARIUM PRAESCRIPSIT 

EX TAIL I). Til ADDA I I TASSINARI CANCELL 1 

HllJi s ITAQUE COENOBI1 PATRES 

EEGA JAM BENEFICUM ANTISTITEM 

ETGENEROSAM CIVIUM PIETATEM 

HOC PERENNE GRAT1 ANIMI lYINEMOSYNON 

POSUERUHT 

ANNO SALUTIS CIDIJCCX 



55 
LXXXYII. 

KEL PILASTRO A DR1TTA DE1.L 1 ALTAEE DI S. FRANCESCO 

Sotto il busto 

D. O. M. 

ANTONIO COM1TI SAXIO PATRICIO FOROLFVIENSI. 

QUI INSIGNI DIVI FRANCISCI PAULENSIS. DONO 

PARENT1BUS ENIXE IMPLORANTIBUS 

IN LUCEM EDITUS. 

PATERNAE PIETATIS IIS EXC1TANDA DIVO EIDEM ARA 

AEMULATOR EXIMIUS. 

QUEM VIVENS PATRONUM OPTIME MERITUM 

PERPETUO COLU1T. 

AB EO MORTUUS APUD HANC IPSAM ARAM QUIESCENS 

ABESSE NOLUIT. 

FRANCISCA COMIT. MERENDIA UXOR. 

ET FRANCISCUS MAXIMUS NATU FILIUS. 

MOEBENTES POSUERE 

VIXIT ANNOS XLIX DIES XIX. 

OBIIT XIII KAL< MAI ANNO CIOIOCGXXXIX. 



LXXXYIII. 

NELLA CHIESA 

Per terra 



D. O. M. 
AVXILIARI D. FRAN. co DE PAVLA 

DICATO CORDE 

PROFYSIS PIETATIS MVNIFICETLE 

MONIMENTIS 

TEMPLO MAGNIFICE MAIORI 

ARA EXORNATO 

<)VI TANTJE IMORTALITATI VOVERAT 

SVjE TANDEM MORTALITATI 

HVNC TVMVLVM VOLVIT 

ILL. MVS CHECVS VRSIVS PATRITIVS 

FOROLIVIENSIS 

ANNO 

MDCCI 



56 

NELLA CHIESA 



BI S. 6I&C0U0 MAG. APOSTOj&O 

DE' RR. PP. DOMENICAM 



LXXXIX. 



D . O . M. 

ET . TIBI . DIVO . IACOBO . APOSTOLO . TITVLARI 

TEMPLYM . HOC . S^CLO . BIS . SENO . PRIDEM . EXACTO 

PRJ3DICATORYM . ORDO . A . FYNDAMENTIS 

EXCITAVIT 

TEMPORVM . DEINDE . INIVRIA . SQVALIDYM 

MALE . MATERIATVM 

IN . MYLTO . ELEC ANTISSIMAM . MAGNIFICISSIMAMQ . FORMAM 

DVODEYICESIMO . INEVNTE . SjECVLO 

EXEDIFICAVIT 

DEMVM . TERR^MOTIBVS . MAXIMIS . QVASSATVM 

ET . LABEFACTATYM . FAEDA . CLADE 

ANNO . LXXXI . SYPRA . CIDI3CC 

PARIETIBVS . ET . APSIDE . RESTITVTIS 

RVDERIBYS . Q . DETERSIS . INSTAYRANDVM 

ET . ORNAMENTIS . VARUS . MYLTIPLICABI . Q . CYLTV 

ET . DIGNITE . EXCOLENDVM 

POSTERO . ANNO . CVRAYIT 



xc. 

VICINO LA CAPPF.I.LA DI S. TOMMASO 

Nel rnuro 

D. O. W. 
I KLIX MALDEINTIA 
-CILIANI COMITISSA 

KOUOLOl'J S. VlTI MARCH. MATES 
SACELLO A. S. DOM. FRATRIB: 
ACCEPTO P&EDIVM SVA 
PECVHIA EMPTVM ATTRIBVI. 
QVOD MSI OVOTIDIE 
SACRIFICIVM MlSSii AD DEI 



57 

MISERICORDIAM SIBI SVIS 
POSTERISQ. IMPETRANDAM 
•BIDEM IN PERPETVVM FIAT 
CESSATVMVE VNQVAM 
PER OCTO DIES FVERIT 
TRANSIRE AD S. FRAN. MONAS. 
CVM EODEM ONERE YOLVIT. 
DE IIS OMNIBVS 
INSTRVMENTA COMPONERE 

rvssi Ceccvs Aspinvs 

NONIS DECEMB, MDXGV 
ET DOM. s MVSSONVS XVI KaL. IVN. 
. M . DXCVII 1 



XCI. 

SELLA CAPPELLA DEL CfiOCEFISSO 

A sinistra 

D. O. HI. 

IMMORTALI . MEMORLE 

IOANNIS . PAULUTII 

EX . COMITIBUS . CALBULI 

ET . S . R . IMPER. 

QUI . SUB . FERDINANDO . Ill . IMP. 

CONTRA . H^RETICOS . CATHOLICAM 

RELIGIONE3I . IPSUMQUE . C^SAREM 

IN . COMITIJS . RATISBONENSIBUS\ OPPRIMENTIS 

COMMISSO . AD . NEOBURGUM 

IN . GERMANIA . PRJ-XIO 

SALUTARI . PERICLITANTIBUS 

REBUS . PARTA . VICTORIA 

PRO . DEO . PRO . REPUBLICA . FORTITER . OCUBUIT 

ANNOS . NATUS . XXI. 

ANNO . CHRISTI . MDCXXXXI 

XVIII . MARTII 



CXII. 

A dritta 

D. O. M. 

IOSEPHO . PA.ULUTIO . 10 AN . FIL. 

EX . COMITIBUS . CALBVLI . ET 



58 

LUCLE . MEDICEAE . FIL . CONIUG. 

PARENTIBUS . OPTIMIS 

CAROLUS . PAPJL . REFERENDAR. 

IN . REDITU . EX . LEGATIONE 

GERMANICA . PRO . UNIVERSALI . PACE 

AB . URBANO . VIII . 1NSTITUTA 

DATARII . ET . SECRETAR . FONTIFIC. 

IN . EA . FUNCTUS . MUNERIBUS 

HUC . TRANS1ENS . PAREINTAVIT 

AN . €11 . MDCXL. 

XCIII. 

NELLA CAPPELLA DEL B. MAECOL1NO 

Sul saiGoIa^o 
B . MARCOLINO . S. 

NICOLAVS . DE . ASTIS . REG AH. 

EPIS . FACIVNDYM . CVRAVIT 

M . CCCCLVIII. 

XC1V. 

rvi 

Nel muro, a dritta 

I). O. M. 

MARIA ROSA PIAZZA EX COM; BXJS RICETTI 

NOB: FOROL: ET FARM : SIS IULIJ S. R. E. CARDINALIS 

PIAZZA GERMANA SOROR 

GENERIS, ET ANIMI DOTIBUS, PRECIPVE VERO 

PIETATE IN BEATUM MARCOLINUM COSPICVA 

^TATIS S\M ANNO XLII OBIJT XX MARTIJ 

MDCCXXI. 

PETRUCCIUS FLORENUS PETRELL^ COMES 

NOB: PATRITIUS FOROL: 

CONIUGI ET FILIJ COMITES FABRITIUS IN URBE 

CAN: VS S.* MARLE IN VIA TATA IOSEPH AC 

MARCOLINUS EQUITES STl STEPHANI 

MATRI P. 

ANNO MDCCXXIU 



59 

xcv. 

BELLA CAPPELLA DEL B. MAUC0L1N0 

A sinistra 

D. O. M. 

MARIA. LUCREZIA MERLINA 

EX COMITIBUS VALLIS NUC1S NOBILIS FOROL. 

CAMILLI . S. R. E. CARDINAL1S PAULUTIJ IAM MERLINI 

A MIT A. 

OMNI VIRTVTVM GENERE CLARA 

PARI RELIGIOSE IN BEATVM MARCOLINVM 

IN SACELLO EIIDEM DICATO 

UIRO SUO IULIO ANT: MARCOLINO DE COM: BUS FLOREN: IS 

PROPRIA OSSA CONIVNXIT 

PETRVCCIVS FLORENVS PETRELE^ COMES NOB: FOROL. 

PARENTIBVS OPTIMIS P. 

ANNO MDCCXLIV DIE XX IANUARII 



XCVI. 

XVI 

Nel muro . a drttta 

D. O. M. 

BEATO MARCOLINO LIVIENSI 

DE AMANNIS 

VT HIC 3IAGMFICENTIVS 

DEPONERETVR 

IVLIVS ANTONIVS 

ET FILII FRANCISCVS 

AC IVLIVS ANT: MARCOLINVS 

DE FLORENIS 

NOB: FOROLIVIEN: 

MOLE HANC EREXERVNT 

DEDICARVNT 

ANNO CIO . ID . C . LXIV. 



XCVHU 

rvi 

A sinistra 

D. O. M. 

PETRUCCIO, ET FRANCISCO , 

GENTE FLORENA, LIVIENSI PATRICIA, 



t>0 

REI PUBLIC AE, AC PRIVATE 
BENEMERITA 
IULIUS ANTONIUS FILIUS ET PRA- 
TER 
FRANCISCUS AC IULIUS ANTO- 
NIUS MARCOLINUS 
NEPOTES 
HUNC AUREAE VIRTVTIS INDICEM 
POSUERE 
QUOD PROXIMIOR LUDOVICUS AB HASTIS 
ITEM PATRICIUS CURAYIT 
AN. SAL. CIOIOCLXIV 



XCVIII. 

VICINO ALLA PORTA CHE CONDUCE AL CONVENTO 

A destra, entrando 

D. O. M. 

ILLMUS . ET . RMUS . D . D . THOMAS . TORELLUS 

EX . COMIT1BUS i CASTRI . FALCINI 

PATRITIUS , FOROL1VIENSIS 

DEI . ET . APLIC^. . SEDIS . GRATIA 

EIUSDEM . CIVITATIS . EPUS 

SOL1I . PONTIF . ASS1STENS 

ARAM . ILVNC . MAXIMAM 

RITU . SOLEMN! . CONSECRAVIT 

DIE . XXIII . MARTII 

MDCCXXXXIX. 

IC- 

A sinistra 

XVI. SET. MDCCXXIV 

La Santita di nostro Signo.™ 

PAPA iJEiNEDI STTO XNI. CON SVO 

Breve com \hm\ nvo, ed am 

PLIATIVO I) 1 ALTKO 1)1 GREGORIO 
XIII. DICHIARA PRiyiLEGIATI IN 
PERPKTVO IV II I GL1 \l/l\ltl 
POSH inkllA ( HIKSA DEL Oil 
DINE I)K(nV) PltllMCATOlU, NF/ QVA 
LI CELEBRANDOSI IN OCNI GIOR 



6t 



NO DELL' ANNO DA. QVALVNQVE 

Sacerdote dellOrdine SVD 

DETTO, VIENE LIBER ATA DAL PVR 
GATORIO QVELL* A IN IMA, PER LA 
QVALE SARA APPLICATO IL SA- 
CRIFICIO, EENCHE LA MEDESIMA 
NON FOSSE ASCRITTA ALLA COMPA 
GNIA DEL SANTISSIMO ROSARIO. 



c. 

D1ETRO ALLA PORTA CHE CONDUCE AL CONVENTO 

Vicino a terra 

D. O. BE. 

OB EXIMIAM IN SS. VIRG. MARIAM ROSARII 

ET S. PATRIARCH 7 ! DOMINICVM DEVOTIONEM 

NE POST MORTEM AB HIS(.nc)SEJVNGERETVR 

HIC TVMVLARI OBTANTI 

BARTHOLOM^O FILIO MARCIANT. AB ASTE 

ET BARBARA VRSLE NOB. PAT. FOROL. 

HIERONYMVS ECCL. CATH. CANONICVS 

FRATRIS OBSEQVENS VOLVNTATI 

MOERENS POSVIT 

OBIIT XVII. OCT. MDCCLIV 

AETA..... XXVII. M.I 



CI. 

Dl DIETRO ALL* ALTAR MAGGIORE 

D. O. M. 

HANC ARAM MARMOREAM 

ad usum ere SIBI PERMISSO 

A FUNDAMENTIS ERECTAM, 

PIETATE FRETUS IN DEUM, 

NEC NON IN MONASTERIUM 

D. JACOBO APOSTOLO SACRUM 

MUNIFICENTIA SOLICITUS; 

PERAMANTISSIMUS 

EJUSDEM COENOBII FILIUS, 

GNLIS DERTONjE INQUISITOR 

P. F. P. A. B. FOROLIVIENSIS 

DICANDAM CURAUIT 
ANNO DOMINI MDCCXXXVIII: 



62 

CII. 

NEL SABC.OIAGO DEL B, GIACOMO SALOMONI 

Wei zoccolo 

HOC JACOBUM TUMULUS CONSERVAT MARMORE FRATREM. 
YIRTUTV3I CUMULUS QUEM DAT TIBI LIV1A PATREM. ; . 
GLORIAQUE VENETIS CUIAT1RUS EST ORIUNDUS. 
VIRGINEIS MERITIS MERUIT CAELESTIA MUNDUS . ; . 
HUJUS DOMIMCUS PETRUS TOMAS(jjc) ORDINIS ALMI. 
GAUDENT QUOD SOCIO CANTANTUR IN AETERE PSALMI.;. 
CANCROS ARTETICAS FERRES CAPITISQ. DOLORES. 
PROPULIT ATQ. ALIOS MORROS MENTISQ. FURORES. ; . 
FOROLIVIUM GAUDE PRO TE NUNC PRAESIDE TANTO. 
QUI PATRE3I NATUMQ. ROGAT CUM PNEUMATE SANCTO. ; . 

CHI. 

SOTTO LO STESSO SABCOFAGO 

A sinistra del ritratto 

CORPVS 

VEN . FRATRIS 

FRANCISCI . YRSELLI 

NOR . FOROL. 

ORD . PRJLD. 

VOLVIT . EXHVMATV 

PALAM . EXPONI 

SAC . RIT . CONGREG. 

ANNO . DNI 

MDCXVII. 

CIV. 

COKTRO LA CAPPELLA DEL CBOCEFISSO 

Per terra 

TTECTOR . B'TOLINVS . FOROLIVI 
E~N . EQVES . SPECTATA . FIDE 
AC . VIRTVTE . INCOMPARABILI 
ANN . AGENS . XLFIII . OBllT 
ANNO . SALVTlS . MCCCCL 
XXXIIII . V . CAL . SEPT. 



63 
CV. 

BELLA CAPPELLA DI S. GIUSEPPE 



A dritta . dipinta 



D. O. M. 

STATU AM HANC LIGNEAM 

CIIRISTI REDEMPTORIS 

IN MONUMENTO EXEMPLUM REFERENTEM 

SUB ALTARE MARMOREO HUIUS SACELLI JERE SUO 

DIVO IOSEPHO SACRI 

UNA CUM QUATUOR STATUIS VIRTUTUM CARDINALIUM 

IN SACELLI LATER1BUS REPOSITIS 

OPUS OMNE FRANCISCI BRUNELLI FOROLIVIENSIS 

SCULPTORIS EXIMII 

A CELLA NUNCUPATI C^LO FABREFACTUM 

D. IOSEFFUS(jic) ALBICINIUS D. 10: BAPTISTS FILIYS 

PATRITIUS FOROLIVIENSIS IIII. NONAS FEB: AS AN. DN. M . D . C . XXXV. 

POSUIT 



C\L 

SOPRA LA PORTA. DELLA SAGRESTIA 

VERONICA DVLCINI SORELLA DEL P. 

F. ANT. 3IARIA DVLCINI LETTORE 

E FIGLIO DI QVESTO CONVENTO DI S. 

GIACOMO PER SVA ESORTATIONE(jrc) 

LASCIO' A QVESTA SAGRESTIA TVTTI 

LI SVOI CENSI CON OBLIGO(ji'c) CHE LI FRVTTI 

SIANO SEMPRE SPESI IN APPARATI^ET 

VTENSILII NECESSARII A DETTA SAG. A E NON 

IN ALTRA COSA 0B:>< DIE XVII AUG. 1 MDCLXXIII. 



CVIL 

NEL CH10STRO 

Di dietro F altare del b. Marcolino 

CORPUS SERVI DEI CARI CARINI A BAL 

SAMO DOMINICANI CONVERSI INTUS 

IN ALTARE REATO MARCOLINO DICA 

T^>REQUIESCIT REQUIESCETQ', IN EVV 

ANO SALUTIS Cl5~ IDC LXIV. 



64 

CVIII. 

NEE COHVEHTO 

In un ripostiglio 
IULIO C.ESARI MARCI1ESIO PAT. FOROL. 

EQU1TI HIEROSOLYMITANO 

QUOD 

DICTO ORDINE HEREDE INSTITUTO 

UTPR.ECEPTORIA INSTITUERETUR 

EAQ. PERPETUO IURE PATRONATUS 

FOROLIVIENSIRUS DICTI ORDINIS EQUITIBUS 

QUISQUIS ANTIQUIOR ET PROFESSUS 

COMMENDARETUR 

FR. IOSEPH MERENDA 

ARSOLUTA HEREDITAS CURA 
GRATI ANIMI MONUMENT UM POSUIT 



f fflfl ft 7YHSI 



AD ALCINE EPIGRAFI DELLA CIIIESA DI S. JACOPO 
DEI RR. PP. PREDICATORI 



XG 
FELIX MALDENTIA etc. II p. lettore Pier Maria Ghini de' Minimi, raeldo- 
lese, ci fece per venire notizie ili questa Signora nel suo poema intitolato La Nuova 

Cilerea (1), e sono le seguenti = Di questa illustre Dama non si fa menzione al- 
cuna non solo ne' Fasti di Forli, ma neppure nelle memorie dclla stessa casa 

Teodoli. E pure fu Ella una Donna molto ripula/a ne' suoi tempi $ e sard stata 
probabilmente dotata di particolari virtii, e Jbrnita ancora di buona lelteratura. In 
f'titti furono a lei indirizzati ottimi versi lut'nii: De Felici Maldentia Ciciliani Comi- 
tissa trovasi un Epigramma presso Giambattista Plncl/i Carminum lib. 1 che co- 
mincia Magnanima Eerois clc.$(1) e questa notizia V abbiamo ricevuta daW erudi- 
tissimn sig. dottore Domenico Savorelli Forlivese (3). Da questa Felice, e da Gia- 

'i < ompoflo in occatione ddle nozzr del tiff- ralckjoe tun Aurora mage (nigral orblij 

marehete Francetco TheodoU oolia nobil donfia H- Alitor el Coell lux lua monitret iior. 

gnora Ingelica Serughi Fori), Marozzl 1710, an- Occlderls; norlem nulla arxorum occulat umbras: 

noUzl ne \i •>! canto (l. peg. I [nfortheta lua Idee Bed aslra mlcent. 

■ /o BapUttae I'ih<ih, cirminum— Florcn- His (e iiiisiriiicin, a FELIXj vltalla nentei 

nap ipud Jim r.im (593, hi,, m., pig, ,i (rarlitlmo). Stamina fatldlcae clrcumlere Deae. 

DI i I in. i mmiumia (Iiii.iam (.o.MiiissA Iliiir lu vlriiiiutn Sol: I i lol dotlbui aucla 

Orbem rein iiii reddli , el lrradlai< 
(.i) ii dottor Doraenlco-Agoillno Bavorelllj (iRlio 
'I lima Brroli, tandem feliclbui rxl ill Andrea e < i i Maddalena Maria Anna Ceccarelll ag- 

Auiplel] Fells tempore longa trabu glall clttadlnl, nacque ii glorno c Novcmbro nio. 



65 

como figlio di Francesco fratello di Girolamo Vescovo di Cadice institutore della 
Primogenitura Theodoli fondata in Roma nacque Theodolo . Dices'}, che questa 
Donna dubitando , che lo zio Girolamo non lasciasse erede il suo Jiglio , si reed a 
Roma col medesimo benche in eta assai tenera; e perche Girolamo era appassiona- 
to per la lingua Greca, non glie lo voile presenlare , intanto che non ebbe impa- 
rato un complimento in quello idioma . Queslo complimento cost cattivb V animo 
dello zio, che lo costitui erede universale di tutte le sue sostanze; e fu questi il 
primo marchese di s. Vito , e conte di Ciciliano , da cui ebbe la sua origine il co- 
spicuo j-amo della Casa Theodoli in Roma. Nel testamento del suddetto Girola- 
mo vi si inculca specialmente che i figli del suo erede sieno istruiti nella lingua 
Greca. 

XCI 
IMMORTALI . MEMORLE . IOANNIS . PAULUTII etc. Nella cattedrale di 
Ratisbona, ove la sua salma ebbe sepoltura, leggesi tuttora la seguente epigrafe, ripor- 
tata anche dallo storico Eonoli (1): 

IMMORTAL! MEMORI.K 

IOANNIS PAULUTII CALB0L1 ET S. R. E. COMITIS 

EX FLAMIN1A ITALI 

QUI RELIG10NIS ET IMPERII AMORE 

IN CRUENTA NEOBURGI EXPUGNATIONE 

MAGNA SVECICI EXERCITUS PARTE CAPTA 

GENEROSUS OCCUBU1T AETAT. SVS. ANNO 21. CHRISTI VERO ANNO 1641. 

XCHI 
MCOLAVS . DE . ASTIS . RECAN. EPIS. etc. Anche su monsignore Nico- 
16 DalP Aste, uomo dottissimo, e di santa vita, riporterd qui alcuni cenni, perche il 
propostomi fine lo richede. Fu dunque carissimo al papa Eugenio IV, il quale lo chiamo 
a se, e 1' accolse con araorevolezza particolare*, quindi lo creo arcidiacono di Condrocchio 
nella chiesa di Liegi, poscia suddiacono della cappella ponlificia, e finalmente nel 



Questi, oltre essere riuscito valente medico, eprofes- 
sore net patrio ginnasio, ebbe meritamenle il vanto 
di eccellentissimo scritlore in prosa e in versi; e ba- 
sta scorrere i suoi canti delle Virtu Teologiche e 
Cardinali, impressi dal Marozzi nel 1754, ededicali 
alia n. d. Maria Nicolosa Merlini nel vestirsi da 
essa I' abito religioso nel Munistero di s. Chiara in 
Forl'i, per vedere con quanta maestria sapesse irai- 
tare il Divino Poeta, in tempo, che generalmente gli 
scritlori ilaliani accarezzavano ancora le gonfiezze del 
seicento. Molte altre poesie e prose di luirimangono 
qua e la sparse ed inedile;e,a parer mio,ottimo di- 
visamento sarebbe il raccorle e consegnarle alle slam- 
pe. Alia scienza e alle leltere aggiunse una bonla di 
animo ed un amore di patria che nulla piii. Fu egli 
che,dopo la morte di Caterina sua sorella, lasciata e- 
rede usufruttuaria, voile che porzione de' suoi beni ser- 
vissero — a mantenere in rinomate universitd d' 1- 
talia quanti giovani forlivesi non nobili si potes- 
se, perche stiidiussero le leggi civili e canoniche, 
oppure la medicina; autorizzando i suoi ammini- 
stratori ad assegnare loro quell' annua somma che 
i casi, le qualita delle persone ed i tempi richie- 
dessero — ( Vedi Matteucci Sesto, Memorie Sto- 
riche intorno ai Forlivesi benemerili dell' Vmanitd 
9 



e degli Studi. Faenza, Conti 1843 pag. 116 a 119) . 
Mancava questo ollimo cittadino il di 16 Dicembre 
1783 in ela di anni 72, mesi 10 e giorni II accom- 
pagnato dalle lagrime di tulti i buoni che lo ebbero 
a modello , e dei poveri ai quali in vita soccorse con 
l'arte, e morendo lasciava porzione delle sue ricchezze. 
Coll' ultimo testamento, pubblicalo il giorno istes- 
so del suo decesso, ordioava, che la di lui salma, 
vestita del sacco della confraternita delle Slimmate, 
fosse portala alia chiesa di s. Francesco de' pp. Mino- 
ri Conventuali, e posta nell'avello de'suoi maggiori 
ivi esistente avanti 1' altare di s. Giuseppe da Cuper- 
tino, accompagnata dal suo parroco dell' in ora sop- 
pressa chiesa di *. Antonio Nuovo; e dichiarava es- 
sere sua ferma e positiva volontd , ed espressamen- 
te proibiva, che giammai ne lui ne i suoi fossero 
levati da quel luogo di requie. Ma ad onta di quan- 
to aveva testato, nella demolizione di quell' antico 
tempio; che dire si poteva il Panteon forlivesej in- 
cominciata il 10 Luglio dell' anno 1797, furo no anche 
quelle ossa benedette sparse con le altre degli Orde- 
lafli, e di molti valorosi ed illustri uomini di questa 
cilia. 

(I) Pag. 344 della prima ediz. 



66 

1440 veseovo di Macerata e Recanati , col governo lemporale di quest' ultima citta. 
Fra le molle opere di beneficenza per lui instituite in Recanati, una si fu quella di 
lasciare dodici mila scudi: e non diriotlo mila, come vuole il caval. Giorgio Marche- 
s'! ne' suoi Lustri della citta di Forli (1), alia confi'aternita di s. Lucia, perche coi 
frutti fossero soocorsi gl' infer mi, e dolate oneste falicfulle. Di questo buon prelato 
ne tengono parola Flavio Biondo, al quale fu omicissimo (2), Leandro Alberti (3), 
Luca f fading o (4), Girolamo Angelita (5), li noslri storiri Bezzi e Bonoli (6), e, 
tacendo altri, 1' Ughelli (7), ed ultimamente il chiarissimo abb. Cappelletti nelle sue 
Cliiese d' Italia. 11 corpo poi del beato Marcolino non fu posto in questo monumen- 
to del MCCCCLVIlt, siccoroe \'\ si legge sculto, ma sibbene un anno prima:, e ne ab- 
biamo prova dalla qui a piedi memoria, riportata dalf Alhertini nella sua Cronaca 
m. s. esistente in questa Biblioteca comunale (8). 

XCIV 

MARIA ROSA PIAZZA etc. Donna virtuosissima, cbe alle doti delP amino 
congiunse la bellezza della persona. Urbanissima coi maggiori e cogli egnali - , di som- 
ma affabilita cogli inferiori: larga di soccorso e conforto ai poveri: moii di parto la- 
sciando la cilia iutera uel piu grande cordoglio. II Corhici , nella piu volte citata sua 
Cronaca m. s., ne fa i meritevoli elogi, ed assegna il di lei decesso alii 12 iMaizo 1721. 

XCVI 

IYL1VS AXTOHIVS ET FILII DE FLORENIS MOLE IIANC E- 

REXERVRT etc. Intorno all' acquisto, ed erezione di questa cappella (della quale fu ar- 
cbitello Stefano Bedolini da Forli} scultore e lavoralore dei marmi maestro Girolamo 
da Venezia rinomatissimo in quel tempo} e dipiutore del quadro (9) il celebre Fran- 
cesco Barbieri da Cento) si leggono le piu minute notizie negli Jtti della canonizza- 
tione del b. Marcolino, sommario N.° 15. pag. 149. e seguenti (10). 

CI, 

GNLIS DERTON/E INQUISITOR P. F. P. A. B. FOROLIV1ENSIS ltc. 11 bene- 
fattore cbe spese per la costruiione di questo maestoso allare, fatto dislruggere in par- 



(i) FoHi, Barbiani 1757 pag. 59. Che fosse poi il 
cav. Giorgio Marchesi (afllne forsedl mona. Giorgio 
Vlviano) I'autore dl quel llbro, lo dice il Vurriel 
nella vita di Caterina Sforza, vol. II. pag. 378. 
Italia llhutrata, aesta Reglone (Forfl). 
(3) DateriziontdelV Italia. Venezia, Avanzi 1568 
118 torgo. 

I Opera citata »bl. VIII If. 48. 

, Be (raruiaHotu almae domue Lauretanae. 

, \. lentlnl 1888 car. 313 tergo. 

Open cltate pag. 66, 230. 

i Parlando egll de' vescovl di Recanati, ensi di- 

ce del nostrb Dull Ante ncl vol. I. colonnn 1222. N. 

'22. \ leolaui iii Aitii foroUviemii cunt tocupletis- 

u euet • el" mithhus icuto urn olerum reoanay 

tentem a&auxtt, xu vero mllUbtu Confrattrnita- 

tern » Lueiae, quorum fmcius Retpublioa Gonuen- 

Hi 'a, ha, ,i,i centum vero Clore lolvendumoUm 

tUspubttcQ Veneta tenebatw. 8e& own ifeentueeo) 

\ ' :,,:, redditibus foreni tolvendi, tmiuo re- 

\utto (tta obtorpuit, atque itleta tit. Quotn 

■ ■ i, in Catht&raU tolomnt anntvertarium 

Uonem munt/ioentUiimi PratiuUt eelebra* 

t,i), ubi ii/ frequentitiima honoraria condone ab 

< lit Oratorlbut tjutdtm taudu oonctl** 

i vivil txemptui est anno 1470 (lo stci- 



bo Ughelli corregge poi I4G0, c eosi 1'abbate Cappel- 
letti) inline Cathedrali cum hoc epiiaphio sepultus 

M'l't I.CHI'M OL1M KF.VERENMSS. I>. MCOLAI 

EPISCOP1 RECANAT. ET MACE RAT. QUOD FIERI FECIT 

I IUT1HNITAS S. LDCIAE M . CCCC . 1A\. 

(8) Pag. 448 in fine. Memoria de lafapendade 
mutlare il corpo del bialo Marcolino f'ralc predi- 
oatore da Fitrli e del capilolo faclo in quello tem- 
po 1457 — 1'assava per <jl anni 1457 a di ultimo 
do mere de mnzzo in die marie in Forliin lachie- 
:rn iii I'ra Predigadure fo facto un capilolo pro* 
uinoiale de puoche Wtade per oaf/tone cite la tnoria 
faxea a 1'orii grande danno e. porn zente era in 
Forli e non vera ne signore »«; citadini. ma pure i 
tiitti fradl ebbeno grande honors, i-l /">o maon 
m.ro Lunardo tin Vdt (Udlne) molto te eonten* 
toro. I: ii quel\o di loura tiiit" el corpo del dioto 
btatO fo iitc.ssti c rccliin.rtt in la sfpollnra noua in 

tapella de loura la qaale in fuellojtmpo fe fabri- 
eare n Wlofmga »l venerabtle in Xpb mi», isicolo 
da ilastc tin Forli. e te ehiama montig.* de He- 
ehanate <■ nvuernatore dona citade de Reehanate « 

de tanote Maria tic iQUTtdo, c tlfuolti tlcl bialo 
Mara lino tin lurli — 

( t i u (|ini bel dipinto pbrtato n Brora, 
(10) linn. n:.o, n Tjpografiu H. C. A, 



67 

te nel 1820 da chi reggeva il convento, fu il p. fra Pier-Antonio Bagioni, uomo 

di raolti meriti (1), che cuopri le caviche di vicario generate in Bologna, poscia d' in- 

quisitore in Beggio, e quindi in Tortona. 

CIV 

HECTOB . BTOLLTVS etc. Oltre il Bonoli nelle sue storie (2), di questo 

Ettore Bartolini ne parla inons. Giorgio V'wiano Marchesi nella diverse volte ricordata 

sua opera (3). 

CV 

OPUS OMINE FBANCISCI BBUNELLI FOBOLIVIENSIS etc. I lavori d' in- 
taglio di questo artista si tenevano a que' di in molto pregio:, ed e a dolere che ei 
s' avvenisse in un tempo, in cui 1' arte del disegno era gramlemente scaduta. In ar- 
chiteltura si accosto piu de' suoi coetanei alle proporzioni degli antichi, e ne abbia- 
mo esempj nelle chiese di s. Pietro in Arco, volgarmente la Rovere, e di s. Maria 
in Caslicciano. Mori circa il 1636 (4). 

IVI 

D. IOSEFFUS (sic) ALBICINIUS etc Da Giovanni e da Paola (congiunti per 
discendenza) sorti i natali il marchese Giuseppe li 15 Febbrajo 1589. Nella piu ver- 
de eta fu dall 1 amoroso suo genitore avviato alle lettere, ed ebbe a compagni e con- 
discepoli Bernardino Spada e Francesco degli Albici, che divennero poi uomini raguar- 
devolissimi. Giuseppe, dopo avere appreso quanto nella scienza e nelle discipline ca- 
valeresche poteva essergli di ornamento, venne astrelto dal padre a premier moglie, 
e si uni nel 1611 con la contessa Polissena uuica 6glia di Andrea Castellini, dalla 
quale ebbe numerosa prole. Penso egli in seguifo a rendere cospicua la famiglia con 
la compera di molti terreni, con acquisti di giurisdizioni (5), con fabbiiche si in cit- 
ta che in villa, fra le quali P erezione di questa cappella (6), e con molte altre ma- 
gnificenze, per cui la sua casa era divenuta il rirovero dei principi e cardinali che di 
qui passavano. Alia grandezza dell' animo non fu dissimile la carita verso il prossi- 
mo e massimamente coi miseri: marito zitelle pericolanti, sovvenne vergognosi ed in- 
fermi, e per queste sue filantropiche azioni veniva chiamato il padre amoroso. Ges- 
so di vivere con dolore della citta intera in eta ottuagenaria li 2*2 Agosto 1668, e 
fu seppelito nel 1' area de' suoi maggiori in questa chiesa di s. Jacopo. Credesi che il 
suo riUalto, dipinto da buon artista, sia quello che si vede tuttora nel pilastro a si- 
nistra entrando nella suricordafa cappella. Le di lui lodi furono dette con funebre 
orazione dal p. maestro Giuseppe Maria Leoni dei Predicatori, e date alle stampe con 
altre poetiche composizioni uello stesso anno 1668 per cura di don Cristoforo Leoni. 



(1) Corbici Stefano, Cronaca citata all' anno in- 
dicate) . 

(2) Alle pagine 246 e 282. 

(3) Vitae Virorum etc. pag. 322. 

(4) Bezzi Giuliano, Fuoco Trionfante citato 
pag. 15 e 17. 

(5) L' anno 1647 con beneplacito apostolico, e con 
lo sborso di 5000 scudi a Scipione e fratelli conli I- 
sei, fu investito della contea di Valdinoce, Rocca di 
Girone e sua corte, come appare dal rogito di Giaco- 
rao Galleppini dei 23 Luglio anno suddetto; e nel 
Settembre dello stesso anno ebbe in feudo da mons. 
Cesare Rigbini vescovo di Sarsina (come da altro ro- 
gito del ricordato notaro dei 20 Luglio anno medesi- 
mo) la contea della Petrella Panica e sua corte, che 
fa anticameute della famiglia Vbertini, e la prima 



ricordata nel privilegio dell' imperatore Federigo II. 
a favore di Alberico vescovo sarsinate e de' suoi suc- 
cessori (vedi Antonini Filippo, Anticlrita di Sarsi- 
na, Faenza 1769 pag. 182 e seguenti; nonche 1" 17- 
ghelli nella citata sua Italia Sacra vol. II). L' anno 
1653 compero dal duca di Parma Ranuccio Farnese il 
feudo di Lodergnano, the per ordine dello stesso du- 
ca venne eretto in marchesato; e nel 1666 fu onora- 
to dal Pubblico di questa citta di un hiogo di Con- 
siglio . 

(6) L'area soltanto per la costruzione della me- 
desima costo 2000 Lir. bolognesi (Sc. 400), efupoi 
abbellita oltre i marmi e stucchi dorati, con quadri 
dipinti dall' Albano, e dal Massari che insieme ad al- 
tri vennero portati in Francia e altrove. 



68 

NELLA CHIESA 



BI SAHTTA MARIA BjB SERVI 

VOLGARMENTE S. PELLEGRINO 



CIX. 

IN ON MONUMENTO CON SCCLTURE A BASSORILIEVO 

Nel fregio 

FAVE VIRGO MA'ER . ABSQVA . NON EST RECONCILIATIO 

NEI PILASTRI 

A destra A sinistra 

NON . XRRORI . VlTA . FALLAX . 

VE$ . LAETiGIjE A1NXIA . CRES- 

SOLAM . SPEM . CENDO . DECR- 

INDEO (sic) . HABETl ESCENS . MOR- 

FVTVRA . SVM TI • LVDIBRIO 



QVOT . ILLAQV- 
EAS 



Nell' urna sepolcrale 



ET . SIBI . ET . CAT.RINAE . HIERO . PAVLVClI. 
F . CONIVGI . CARISS . LVFFVS . GVLIEL . NV7W.il. 
F . EQVES . AC . COMES . L1VIENSIS . NIHIL . Q. 
MORTE . CERTIVS . EIVS . Q . HORA . INCERTIVS. 
PERPENDENS . NIHIL . ADHVC . V1VENS . POSVIT. 
ANNO . SAL . MDlI . IPSIVS . VERO . LXI . MEN . VI. 



ex. 

NELLA CAPPELLA DELLA MADONNA 

Per terra 

HlC PBOPE ARA VIRGINI MATRI 
PURIFICATiE DICATA PAULA AS- 
PINIA AB HAS I is AD EXEMPLUM 
MATRIS suyi; DEVOTIONIS 
CAUSA SEPELIR1 VOLUIT 
AINNOS NATA LXIV. OBI1T 
AN..0 17..8 



69 
CXI. 

HELLA CAPPELLA DI S. PELLEGR1N0 

Per terra 

D. PEREGRINI LATIOSI 

ERECTO TVMVLO ORNATO SACELLO 

GEORGIVS YIVIAINVS 

MARCHESIVS BONACVRSIVS 

IN MORTE PRESIDIVM SPERANS 

QVOD EXPERTVS EST V1VENS 

HIC C1ISERIBVS SVIS 

REQVIEM PARAVIT 

ANNO MDCCLI 

CXII. 

NELLA STESSA 

Sotto il quadro dell' altars 

D. O. M. 
HONORI . PEREGRINI . LATIOSI . FOROLIVIEN . EX . ORDINE . SEVORUM . R . M . V. 

QVI 

OMNIUM . PRIMUS . EX . UNIVERSA . FLAMINIA . IN . SANCTORUM . ALBO 

SOLEMNI . RITU . EST . CONSCRIPTUS . ANN . REP . SAL . CID . 13 . CC . XXVI 

SACELUM . THOLO . DEPICTO . A . SOLO . EXTRUXIT 

TUMULUM . ARAM . TECTORIUM . PAVIMENTUM . EX . MARMORE . ADIECTI 

AC . PATRONO . SOSP1TATORIQUE . CAELESTI 

GEORGIUS . VIVIANUS . MARCHESIUS . BONACURSIUS 

DOMO . FOROLIVIO . PATRICIA . NOBILITATE . AB . AVIS . ET . MAJORIBUS 

EQUES . STEPHANIANUS . IDEMQUE . FOROJULII . BAIULIVUS 

VOTI . REUS . LIBENS . MERITO 

DEBITUM . SOLVIT . DICAVITQUE . ANN . CIO . 13 . CC . XL1I 

EX . QUO . PEREGRINUS . AD . SUPEROS . CONVOLAVIT 

ANN . CCC . XCVII 

INSTAURAT . VERO . A CIDIOCCXCV 



CX1II. 

NEL PRESB1TERO 

Per terra 



D. O. M. 

LVDOVICVS . S . R . E . TITVLI . S . PRISCE . PRESRYTER 

CARDINALIS . MERLINIVS 

SEPVLCRVM . HOCCE . SIBI . ET SVIS . .ERE . PROPRIO 

VIVENS . FIERI . CVRAVIT . ANNO . MDCCLXI. 



70 

CXIV. 

NEL PRESBITERO 

Presso il primo gradino dell' altare 

HIC . POS T COR . . . 

LVDOVICI . CARD. MERL . . . 

OBI . . . ROM BRIS 

P I 



cxv. 

NEL CORTILETTO V1CIN0 LA SAGEESTIA 

Per terra 

D. O. M. 

HIC . IACENT . OSSA . IOANNIS . SIBONIJ 

SENIORIS . CIVIS . FOROL. 

SVORVMQVE . JiREDVM (sic) 

OBIIT . ANNO . DNI . MDCLII. 



MMum 1 HilMifSi 

AD ALCUNE EPIGRAFI DELLA CHIESA DI S. MARIA DE' SERVl 



cix 

LVFFVS . GVLIEL . NVMAlI etc. Luflo di Guglielmo Numai e di Agnese 
DalP Aste, per le sue doti politiche e lelterorie fu lenuto in molla slinia dall' impe- 
nitore Federico III, die lo cre6 conte e cavaliere con amplissime facolta^ da Pino III 
Ordelaffi; da Girolamo Riario^ da Sislo IV, die lo invio ambasciadore a Venozia, ove 
tralto affari di gran momento - , e da Caterina Sforza Riario. Per la venuta del Valen- 
tino, essendo slato a questa riferilo che insieme ad allri nobili le ordiva inganni, 
tento di ridorlo in suo polere e di fargli sacclieggiare la casa*, ma scanso un (ale pe- 
ricolo ricorerandosi presso la guardia delta piazza, che slava piu alia devozione de' 
cittadini, the a quelle della Signora:, e li peroro in guisa, che la citta inlera si die- 
dc al novello pretendente. Griunto il Valentino in Forli, per i inolti e frequenti scom- 
pigll che succedevaiio non credendosi Lull'o sicuro, si ritiro a Ravenna, e la fece co- 
■truire da Tommaso Flamberti il monunicnlo che anche oggidi si vede in s. Fran- 
cesco (I). Quietate If cose e ritornatoin patria, V anno 1508 termini la sua camera 
mortale, ed in questo deposito insieme alia moglie ebbe sepoltura. 

• pra quello si legge la teguente licrlzlone. ann. i,\. hbnsbs rv mr.s vni — pinvs nvmaivs ivn. 

LVPPO NVMAIO LIVIKH8I <.\ l.ltl.Ml v. igv. diMy. — PI- HV. PONTQ. DOCT. IT 1111:11. M maivs — FILM MOFsTlss. 

■I •" i'i HI POROMVONilJ DTNUTAI \ BICBBTU — PABTOTIBV8 SVI8 OPT. «• M. — ITIM am xamiho NV- 

•• mi 1 immviio — hiiiiummi lllll. Hill COMTIf CON' MHO HIATIII AMVNTISS. OVI V1XIT — ANN. XVII — ET 

IVLTOBI iimss. — ad inclitvm sin. M'n. sivii iv IIBI mmniis POSTER! — vimmvs vnammes vnani- 

MAX. LEGATO ii.w.iss. — mo\ paTBU kissiih n- M.sov'K .svmvs — E Del COpercblO vi hn queitO dlstico 

UVBin >m m. i). PROPECTO — ovi vi\n »nn. iirnn urn auim. m Hium «u ntiii 

II m. 1. mi \i- 11 lAinn.iMi pvm.v'iiai 1111 11. poi mill aou hi iiuiimm >■•• nm 

111 1111*1. — PVMCITM1 DICOHI — UVAE VIMT mm ""• <•'«• 



71 

CXII 

HONORI . PEREGRIM . LATIOSI etc. La vita di questo Taumalurgo della 
Romagna venue dettala prima dal conte Bernardino Albicinl (1), poscia dal conte 
Fabrizio Antonio Monsignani ("2). 

in 

GEORGIUS . VIVIANUS . JYIARCHESIUS . BONACURSIUS etc. Fu questi 
il primogenito del cavaliere Sigismondo Marchesi istoriografo forlivese, e di Egina de' 
conti Vizzani di Ravenna. Ad esempio del genitore si dedico per tempo alle letteie^ 
e nella eta di circa "27 anni venne ammesso fra i cavalieri di santo Stefano, della 
quale religione scrisse e pubblico le memories ed in benemerenza di quella erudita 
fatica il gran-duca Giangastone de' Medici, ultimo di quella famiglia, lo invest! del 
baliaggio del Friuli (3). Per una grazia ricevuta nel Dicembre 1740 da s. Pellegrino 
Laziosi (4), fe' por mano alia magnifica cappella cbe oggidi ancora vediamo (5). Per- 
duta Francesca Denti sua donna, amd dedicarsi alia carriera ecclesiastica, ed in Pio- 
raa venne ordinato sacerdote (6), e decoralo delle cariche di Protonotario Apostoli- 
co, di Partecipante sopranumerario , di ILeferendario dell' una ed altra segnatura, 
e di Abbreviatore del Parco maggiore. Compose diverse opere, alcune delle quali 
rimangono inedite (7). Mori il 7 Gennajo 1759 iu eta di auni 78, e inesi 4, e ve- 
stito di pianeta e mitra fu tumulato nella detla cappella (8). 

CXITI 

LVDOYICVS CARDINAL1S . MERLINVS etc La biografia di quest 1 

uomo di molti meriti, leggesi in parte nei Lustri antichi e moderni della ciltd di 
Forli (9). Clemente XIII lo decoro della sacra porpora nel 1759, e prese 
la berretta cardinalizia li 14 Ottobre del suddelto anno dall' emo di Yorch (10), in 



CI) Vita del b. Pellegrino Latiosi. Ceseiia, Ne- 
ri 1648. 

(2) Vita di s. Pellegrino Laziosi. Forli, Dandi 
1727. 

(3) Notizie tratte dalla lettera dedicatoria premes- 
sa atle poesie offerlegli dagli Accademici Filoponi di 
Faenza nella occasione di celebrare il sito primo 
Sagrifizio. Faenza, Balanti e Foschini 1744. 

(4) Corlici Stefano, Cronaca cilata. Vedi anche 
l'epigrafe anleeedentc a questa. 

(5) Quali fossero gli artisti che in quella lavora- 
ronOj si vegga la mia Guida eitata, a pag. 54. 

(6) Dissc pero la sua prima Messa in palria all' 
altare di s. Pellegrino li 27 Maggio 1744 ; ed il Cor- 
bici, piii volte ricordalo , fa la narrazione di quanto si 
opcro in quel giorno. 

(7) Le opere pubblicate sono: Compendium hi- 
storicum civitatis Forolivii — Forolivii, de Fabris 
1722, cbe vcunc poi rislampato un anno dopo a Lei- 
da nel Thesaurus magnus antiquitatutn italiae — 
Vitae Virorum illustrium foroliviensium — Foro- 
livii, Sylva 1726 — Monumenta Virorum illustrium 
Galliae togatae — Forolivii, Sylva 1727 — La Ga- 
leria dell'Onore, o le memorie delle gesla e dei Ca- 
valieri di s. Slefano ( su citate ) — Forli , Marozzi 1735, 
due grossi volumi in foglio — Elegia allegorica in 
lode di s. Mereuriale I. vescovo di Forli, e tutela- 
re dell' accademia de' Filergiti — Faenza, Arcbi 
1740 — Memorie storichc dei Filergiti — Forli, Bar- 
biani 1741 — Egtogae et Elegiae — Forolivii, Bar- 
biani 1743, date iu luce mentre era principe dell' Ac- 



cademia de'Filergiti — / pregi del Sacerdozio — For- 
li, Barbiani 1749 — Le Antic hit a. e I' eccellenza del 
Protonotariato Aposlolicu de' Partecipanli — Faen- 
za, Bcnedelti 1751 — Le incditc sono: Delle Fami- 
glie estinte Forlivesi, nella Biblioteca comunale — 
Reper.orium Juris , ivi — Tavole geneologiche di 
Famiglie Forlivesi, presso il signor conte Luigi Ro- 
setti; e molle poesie qua e la sparse, ccc. 

(8) Corbici St. Cronaca cit. 

(9) Opera eitata, pag. 74 e scguente. 

(10) Vedi le Dimos'.razioni d' allegrezza della 
citta di Fori) per la felicissima esaltazione alia 
sagra porpora dell' eminentissimo sig. card. Ludo- 
vico Merlini — Forli, Acliille Marozzi 1759; c 1' al- 
tra Itelazione piii eslesa stampata in Trento da Gio. 
Battista Parone nel 1760. In quella occasione i Ma- 
gistral! della Giustizia e della Pace; cbe cosi allora 
cbiamavansi; fecer pone sopra la porta checonduce- 
va alia chiesina del Sacro Numero dei Novanla Pa- 
cefici la seguente epigrafe, che venne poi tolta in prin- 
cipio del governo franeese. 

HENRICO DUCI EBOEACENSI — S. R. E. CARDINALI, ET 
UULSCE CRBIS PATlil/NO AMPIJSSIMO — QUOD — LL- 
DOVICLM MERL1N1LM PATRICIUM SLIM — IN CARDINA- 
LIDH COLLEGIUM A CLEMENTE XIII — PONTIFICE OPTI- 
MO MAXIMO COOPTATLM — SACRIS DIGNITATIS SUAE IN- 
SIGNIBUS — IN CENTILITIO DEIPARAE DOLENTI SACEL- 
LO — HL<. PROTRACTO IT1NERE ADVENTl IS EXORNAVE- 
RIT — SENATES POPLI.Ut.QLE FOROLIVILNSIS — IN 
PERPETl'LM GRATI AKIMI MONUMENTLM PP. — ANNO DO- 
MINI HDCCLIX. 



72 

questa chiesa da Iui fatta ridurre come oggidi ancora scorgesi, e die regalo di pa- 
recchi sacri arredi. Cess6 di vivere in Roma li 13 Novembre del 176*2. Nella sagre- 
stia evvi tuttora il suo rilratto dipinlo dal conte Paolo Cignani. 

CXIV 

HIG . POS T COR . . . etc. Prima che questa epigrafe fosse lo- 

gora con lo strofinamento de' piedi, credo che cosi si avesse a leggere: 

HIC . POS/'/a . ,<vnT . praeCO'Rdia 

LVrfOi-ICI . CARD . MERL/m 

OBK/ , ROMae . ann . mdcclacij , idibus . novemRTMS 

Vacem . pro . eo . precaminl 




NELIA CRTESA 
CXVI. 

NELLA CAPPELLA DI S. GIOVANNI APOSTOLO 

A destra 

BARTHOLOMEWS . SOLVMBRIiNVS . N . F. 

IN . CATHEDRALI . EJVSDEM . VRBIS . ECCL. A 

CANONICVS . DECANVS 

AC . LIVII . SOLVMBRINI 

HVJVS . CAPELLjE . FVNDATORIS 

GERMANVS . FRATER 

E . VITA . CESSIT . ANNO . REDEItf TI ORB. s 

CI3 . 13 . CLII 

TERTIO . CAL . JANVARII 

AETATIS S\E . OCTVAGESIMO . SEPTIMO 



CXVII. 

IVI 

A sinistra 

LIVIVS . SOLVMBRINVS . NOB. F. 

J . V . D . VLTIMVS . DE . FAMILIA 

SACELLVM . HOC 

IN . HONOREM . DIVI . JOANNIS, 

PECVLIARI . EX . DEVOTION!^, FVNDAVIT, 

SVISQ. H^REDIB . COPLEMJV RELIQVIT 

OBIIT ANNO A XPI . OBTV 

CID . IOCLXIV. 

SEXTO . IDVS . OCTOB. 

jEtatts vero sym ann. lxxxv. 



CXV1II. 

NELLA CAPPELLA DELLA ANNUNCIATA 

A destra 

D. O. M. 

LEGE VIATOR LVGE 

IN VNO VINCENTIO COBBICEO NOB. FOROL. 

10 



74 

PATRLE MVSIS ASTREjE 

SIDVS TRIPLEX EREPTVM 

HOC PREMATVRA DVM LVCE VIRTVTVM 

IN ROMANO COELO CORVSCARET ORBI 

(DEIPARJE VIRGINI HOC SACELLO DOTATO) 

IMPORTVNA MORS INVIDA NVBE 

OCVLIS MORTALIVM ABSCONDIT 

AN. DOM. MDCXLVII. ^T. XXXIV. 

POLIXENA ALEOTTA 

TANTI FILII ORBATA LVCE 

AMANTISSIMI MOJiRORIS SVI TENEBRAS 

HOC MONVMENTVM INDICAVIT 

ANN. SAL. MDCLVIL 

CXIX. 

Ml. I. A CAPPliLLA DELLA ANNUNCIATA 

A sinistra 

D. O. M. 

AVDI VIVA MORTALITAS 

DISCE MORITVRA POSTERITAS 

IRANCISCVS CORBICEVS NOB. FOROL. 

QVI 

PIETATE MORVM INTEGRITATE 

PAYPERI DIVES SIBI INOPS 

MARLE IN HVIVSCE ORNAMENTO SACELLI 

DEVOTVS VIXIT MVNIFICVS 

HONORI PATRLE CIVIVM AMORI 

MORTVVS ADHVC VIVIT. 

POLIXENA ALEOTTA 

HVJVS MONVMENTI S1GNO 

FILIVM PERENNITATE CVMVLAVIT 

ANNO DNI MDCLVIL 

OBIIT ANN. SAL. MDCXLVI JET. SVjE XXXI. 



cx\. 

VICinO A i.l. \ I'oiiTA CUE CONDUCE VEnsO II. S. MONTE 

Nel muro 

PATROCINATE COELITUM SHI TIUGIO 
SPEBANS PHOPITIUM NUMEfl ETERNUM Ml III. 

WONUMENTUM HIC STATU] VIVENS MOBITURUS BREV1 
POETl EUB VIRES GLORIA QU1DQUID VIDES 

l i c\l \ CASS A, BREVIA. FUMD9, NIHIL. 
< OBPOB1 9EPULCHBUM(«c) SUPERESt AN1MO Dials 



75 
H.EC ALTA MENTE SERVA, TE DURUS LAPIS. 
HI COMMOVET, NI COMMONET, TU DURIOR LAPIS. 
CAP neus ANTONIUS PUNGETTUS ULTIMUS DE FAM. LU LIYIE. SIS 
HIG EIUS CADAVER SEPELIENDUM RELIQU1T 

VIXIT ANNOS LXIX. MENSES IX. DIES O. 
NATUS M. D. LXXXIII. DIE V. MENSIS APRILIS 



CXXI. 

NELLA CAPPELLA DELLA B. V- DI LORETO 

A destra 

D. O. M. 

PETRO MARTYRI MERLINO 

IOANNIS PATRICII FOROLIVIENSIS 

ET ISOT^ SPAD^ NOBILIS FAVEJNTINjE 

AC BERiN\RDINI 

S. R. E. CARD1NALIS AMIT^ 

FILIO 

VTRIVSQVE SIGNATVRvE REFERENDARIO 

LAVRETI .ESII ET BENEVENTI 

IVSTO CLEMEINTI AC SEVERO 

MODERATORI 

MERITIS VIRTVTIBVS SORTE 

MAIORE OMNES 

SI DIVTIVS VIXISSET 

SVPERATVRO 

AC IN ROBORE J5TATIS EXTINCTO 

ANNO REPARATIONS HVMAN^ 

MDCXXXXIII 

CAMILLVS PAVLVTIVS 

ARCHIEPISCOPVS ICONIEN: 

ET APVD CAROLVM VI C^SAREM 

ET MARIAM THERESIAM 

VNGARLE 

ET BOHEMIA RE GIN AM 

APOSTOLICVS NYNCIVS 

AC S. R. E. CARDINALIS 

ILLYSTRI CAMILLI 

AVI SVI PATRVO 

HOC POSVIT 

ELOGIVM POTIVS 

QVAM MONVMENTVM 



•76 



CXXII. 

SELLA CAPPELLA DELLA B. V. 01 L0BET0 

A sinistra 

D. O. M. 
MARCHIONI 

PETRO MARTYRI MERLINO 

CAMILLI COM. YALLISNUCIS 

ET PETRELLiE FILIO 

PATRICIO FOROLIVIENSI 

INGEMO CONSILIO PRUDENTIA 

IN AGENDIS REBUS DEXTER1TATE 

AC IN AUGENDA LIBERORUM FORTUNA 

NEMIINI C0NCIV1UM 

SECUNDO 

ET QUOD MAXIMO ILLI 

FUIT ORNAMEJNTO 

FABRITII PAULUTII 

S. R. E. CARDINALIS AMPLISSIMI 

LEVIRO 

INTER FAUSTA 

STIRPIS S\E INCREMENTA 

AB INVIDA MORTE PRjEREPTO 

ANN. SALUTIS MDCCXXII 

JETATIS SV^E LYIII 

COSMUS PAULUTIUS 

FABIANI MARCHIO 

S. R. I. CALBULI VALLISNUCIS 

ET PETRELL;E COMES 
EQUES ORDINIS S. STEPHANI 

ET PERUSI^ PRIOR 

AC PONTIFICIORUM ARMORUM 

IN FLAMUNIA 

GENERA LIS PRjEFECTUS 

DULCI CLARISSIMI GEIN1T0RIS MEMORLE 

HOC AETERNVM AMORIS ET MJLRORIS SUI 

MOINUMEINTUM P. 

CXXIII. 

NE1 PILASTM DELLA BALAUSTRATA 

A destra A sinistra 

SEPVLCRVM. 
SEPTVM . Q . HOC COSMVS . PAVLVCIYS 

IT PAVIMENTVM ANN . CIOIDCCLXIX 

ISTVC . MARMORATVM 



77 



CXXIV. 

V1CIN0 ALLA PORTA CHE CONDUCE AL CONCERTO 

Nel muro 

D. O. M. 

ECCLESIAM HANG jEDIFICATAM 

CONGIORAT: ij (j/c) IN EA FUNDATAM 

OPERA V: SER: DEI FABR1TIJ AB ASTIS, 

EJUS PRIMI LAPIDEM SOLEMNIT: POSITUM_ 

AB ILL: M0 ET REV: MO THEODOLO FOROL: EPs 

DIE VII IULII M.DCXXXXII, 

DEIN SOLEMNI RITU AB EOD: BENEDICTAM 

DIE IV XBRIS^M . DCXXXXV , 

CONSECRATAMQ: AB ILLMO: ET REVMO: CICCOLINO 

DIE XV MAIJ M.DCLXXII, 

CONG: VERO ORATORIJ_LEGITIME ERECTAM 

EX DIPLOMATE D: ILLMI: AG RMI THEODOLI 

SUB DIEJX XBRIS M . DCXXXXV, 

NEC NON AUCTE APOSTOL: CONFIRMATAM 

AB ALEXANDRO VII PONT: MAX: 

DIE XIV FEBRIJ M . DCLVIIII, 

DEMUM PLURIB: INDULG: GRAT: ET PRIVIL: 

AD INSTAR CONG: ws BONONIEN: AUCTAM ESSE 

SS. DD. BENED: XIII FEL: REGN: BREVI AMPL: M0 

SUB DIE XVIII IUNIJ M . DCCXXVII, 

MONUMEN: HOC POSTERITATI TESTETUR. 

ET ANNO 1780 IN MELIOREM FORMAM REDACTAM 



cxxv. 

1VI 

Per terra 

DOMINICO CIGNANI 

MEDICO PUBLICO F. 

R. P. 

CID . 13 . CCXCIII. 



CXXVI. 

NELLA CAPPELLA DI S. FRANCESCO DI SALES 

A destra 

D. O. M. 

MERCVRIALI MERLINO PATRITIO FOROLIVIE 

IVRISCONSVLTO CLARISSIMO 



78 



DOCTRINA, ET MORIRVS CVI NIHIL SVPRA 

FRANCISCI EMM PATRIS AC 

CLEMENTIS MERLINI SAC. ROM. ROTJE DECANI 

IN LEGVM PERITIA EXEMPLA SEGVTVS 

RAVENNffi PRIMVM, TVM FLORENTLE 

AYDITORIS LAVDATISSIME MVNVS ORIVIT 

DEINDE LIBRIS DOCTE A SE EDITIS 

DE LEGITIMA ET PIGNORIBVS 

FAMILLE ORNAMENTYM 

AC SIBI NOMINIS IMMORTALITATEM COMPARAVIT 

FRANCISCVS MERLINVS EQVES S. STEHANI FT NEP. os 

PATRVO ^TERN^l MEMORLE DIGNO 

DIVI FRANCISCI SALES1I PATRONI VOTO CORDIS 

AD ARAM SOLVENS 

IN SVI PIGNVS AMORIS 

MONVMENTVM POSV1T 

ANNO D'NI 3IDCXCIIL 



CXXVII. 

WELLA CAPPELLA DI S. FRANCESCO DI SALES 

A sinistra 

DEO TRINO ET VNI 

FRANCISCO MERL1NIO PAT1UTIO FOROLFVIENSJ 

EQV1T1 S. STEPHANI 

ERVDITIONE HON VVLGARI AC \1RTVTIBVS ANIMI 

A MAIORIBVS SVIS WON DEGENERI 

DOMI FORISOVE 

PRVDENTIA PIETATE ET CONSILIO SPECTARILI 

OVI 

ALIENO POTIVS QVAM SVO COMMODO NATVS 

OMNIVM IN AMORE VIXIT 

DESJITQVE(jic) VIVERE 

VTPIOCOMMVNI BONO 

SVE PRODIGVS A IN I SEE 

APVD DEVM OMNIBVS MELIOR1 ESSET E SVI 

MARGARITA MEREINIA Comvx 

VIHO DE SE BENE MERENTJ 

COKES PHILIPS PAVLVS II CRISTOPH.™ F1LJI(j-/c) 

PATR1 UlAYIISSIMO 

>o> SINE LACRYMIS 

MO>\MI,M \M POSYKKVNT 
ANNO DOMINI MDCCVI. 



79 



CXXVIII. 

TICINO AL PRESB1TERO 

Per terra 

HIC IACET CORPUS VENERA: 
SERVI DEI P. FABRICII AB 
ASTIS LIVIEN: CONGREGAT 
ORATORII IN HAC URBE 

FUNDATORIS 

OBIIT DIE VIII NOVEMB: s 

ANNO DM M . D . C . L . V 

AETATIS SUAE 

XL1X. 



AD ALCUNE EPIGRAFI NELLA CHIESA DI S. FILIPPO NERI 



CXVIII 
VINCENTIO CORBICEO etc. Ebbe a genitori Giovanni doltor di leggi, e Po- 
lissena Aleotti (1). Fornito di molto ingegno ed affezionato alle Muse, venue per tem- 
po ammesso tia i Filergiti, nell' accademia dei quali lesse dotte ed eleganti composi- 
zioni (2). Per volere dei genitori altese in Roma agli studi legali, in cui tanto si 
avvanzava da andare sopra tutti distinto; ma la cruda parca troppo presto recise lo 
stame di sua vita, lasciando la mad re e gli amici in amaro cordoglio. 

cxx. 

CAP. NEDS ANTONIUS PUNGETTUS ULTIMUS DE FAMILIA etc. Ecco 
quanto ci ha fatto pervenire il ball Giorgio Viviano Marchesi nella sua Galeria del- 
V Onore (3) intorno a questa estinta famiglia . La nobilta dei Pungetti non solo eb- 
be per base gli antichi onori, ma arte he il sapere e il valor e de' primi padri. Pie- 
tro famoso giureconsulto visse nel 1163, e fu di tanta dottrina, che venne stima- 
to a suoi tempi V oracolo della patria. Ma quanto egli avanzossi nelle scienze le- 
gali. altrettanto cercb di rendersi conosciuto nelle guerre Sebastiano, di cui leg- 
gianio assai degne memorie. Giovanni nel 1206 consegui il grado cavalleresco ,• e 
Benincasa di Nicolb , presedette come capo del Consiglio, quando la Citta nostra 
fece nel 1378 con papa Urbano VI quella memorabile transazione (4) e Concordia. 

(1) Marchesi Giorgio Viviano. Nolizie di fa- (4) Urbano VI. nacque a Napoli e si chiamava Bar- 
miglie nobili estinte , accresciute dal sacerdote D. tolomeo di Prignano. Successe a Gregorio XI (quegli 
Simone Campagnoli sino all' anno 1790. M. S. presso che da Avignone ristabili la residenza dei pontefici a 
il ricordato signor conte Luigi Rosetli . Roma ) , e prima sua cura fu quella di venire a trat- 

(2) Delto, Memorie storiche dell' antic a ed insi- tative coi diversi signorottidi Romagna. Assolse quin- 
gne Aecademia de' Filergili. Forli, Antonio Barbia- di Forli e le terre a lei soggeite dalle censure che a- 
ni 1741, pag. 173. vevano incorso sotto il pontiOcato dell' antecedente , 

(3) Vol. I. pag. 563. dichiarando Sinibaldo 1. OrdelafTo suo vicario della 



80 

che si vede reg'istrata tie rogiti di Baldo Baldoni . Seccossi Jinalmente il lignaggio 
de" 1 Pungetti net Cap. Antonio V anno 1625, che per far si un buon capitate nel- 
V altra vita, istitui eredi di sue sostanze i PP. di S. Filippo . 

CXXVIII. 
HIC IACET CORPUS .... P. FABRICII AB HASTIS etc. II conte Ottavio 
Petrignani segretario dell' Accademia de' Filergiti Suisse e pubblico con le stanipe 
la vita di questo Venerabile (1). 



citta per anni dodici, per cui vennero fatte pubbli- 
che ed insolite allegrezze. (Marchesi Sigis. Suppl. 
ist. pag. 314). Lo strumento di transazione poi, si 



puo leggere in fine delle Vitae virorum etc. dalla 
pag. 452 alia 470. 

(I) Forli, Dandi 1674. 




81 

NELLA CRTESA 



OBi; 8UWEA6I0 



CXX1X. 

VIC1IVO ALLA PORTA MAGGIORE 

A destra 

D. O. M. 

CHR1STOPHORO ASPINI N. F. 

CATH. ECL]E.(jic) ARCHIPR^SBYT. 

ET BARBARA FRIS FILLE 

QUORUM PIETATES 

NON DEFUISSE 

ERGA DORMIENTES IN XPO 

ALTER SIGNAT LAPIS 

UT PUS AINIM1S 

PER FIDELIU3I PRECES 

PAX MULTIPL1CETUR 

ET REMETIATUR EIS 

NOB. TESfll CURATORES 

DE SUFFRAGII SODALITIO 

BENE MEBENTISSIMIS 

AN. DNI MDCCXXXXVII 

QUO ILLOR) OSSA E VETERI ECLA(«c) 

HUC DELATA SUNT G. P. 



ii 



cxxx. 

IVI 

A sinistra 

AD PERPETVAM REI MEMORIAM 
CVM ANNO SALVTIS MDCLXXIX. DIE XXV. MENS. IANVAR. 
CHRISTOPHORVS ASPINI CATHED. ECCL. ARCHIPRESB. 
ET FRATRIS FILIA RARBARA VT IN PATRIA INESSET 
VRBE SODALITAS SVFFRAGII PARTEM JEDIVM AVI= 
TARVM CONFINEM FANO JESVS VERTERINT IN ECCLE= 
SIAM_SVB TIT. SVFFRAGII TVTELAQ. SS. YIRG. MARI^ 
ECCLIAM HANC AMPLE DOTAVERINT ET IN VLT1MIS 
TABVLIS CHRISTOPHOR. VETANS SODALIBVS ALIBI 
QVAM IN DICTIS JIDIBVS SVIS NOVITER ^DIFICARE 
ILEREDE EX ASSE EADEM INSTITVERIT SODAL1TATE 
ET BAR BAB A SVBSTITVERIT ATQ. AMBO 1VSSERINT 
HVMARI UN DICTA ECCL. SICVT VNO EODEMQ. IH ATI 



82 

SVNT ANNO QVI FVIT MDCXCII. ILLE DIE VII. FEB. 

HS.G DIE XVIII. DECEMB CVMQ. SVFFBAGII SODALES 

FACVLTATEM HVIVS TEMPLI IN HOC APTIORI LOCO 

EXCITANDI OBT1NVER11NT A SACR. CONGB. CONCIL1I 

LITTERIS DAT. XXIV JLAN. MDCCXX. HOC TAMEN INIVCTO 

QVOD IN BECENS COSTRVEDO TEMPLO APPONEBETVB 

LAPIS HISTOBIA FACTI ET PII BENEFACTOBIS 

EXPONENS MEMOBIA VT PROINDE NOVO HOC TEMPLO 

ABSOLVTO RELIQVA ET OMNIA SINT ABSOL\TA 

THOMAS TOBELLVS 

PATRIC. ET EP FOROL. ET SOLII PONTIF. ASSISTENS 

DICT.E SACR. COINGR. CONCILII IVSSA EXEQVENS 

LAPIDEM HVNC APPONI MANDAVIT 

ANNO DOMINI MDCCXLVI. MENSIS IANVAR. DIE XVII. 



CXXXI. 

NEI.LA O.APPELLA DI S. ANTONIO 

A destra 

A. D. MDCCLVI1 

SACELLLM HOC 

DIVI ANTONII PATAVLM 

MARMORIBUS ORNATUM FUIT 

A sinistra 

AERE 

IOSEPHI PONTIROLI NOB. FOROL. 

IN SUI ATQUE UXORIS 

ERGA TANTUM PATRONUM DEVOTIONIS 

MONUMENTUM 

CXXXII. 

M l.i A SAGRESTIA 



DipinLa nel muro 



TEMPLO . ANNIS . XXXII . P. M. 

A . FVNDAMENTIS 

EXAEDII ICATO . EXOBNATO . Q. 

SACBABIVM . ADDITVM 

ANNO . CIOIOCCLXXX 

IOSEPHO . V1GNOL10 . VRBIS . EPISCOPO 



85 
NELLA CHIESA DELLE RR. MM. CLARISSE 

mi SS. CORPO BX CEISTO 



CXXX1I1. 

SOPRA LA PORTA DELLA CHIESA 

Al di fuori 

SACROSANCTO . CORPORI 
DEI . ET . DOMINI . NOSTRI 

IESV . CIIRISTI 



C XXXIV. 

KEL VESTIBOLO 

Sopra la porta che conduce m Chiesa 

SACROSANCTO . CORPORI 

DEI . ET . DOMINI . NOSTRI . IESV . CHRISTI 

AEDEM . HANC . ET ._ ARAM . PRINCIPEM 

PLVRIMIS . SSRVM . RELIQVIIS 

INSIGNEM 

MERCVRIALIS . EPISCOPVS . FOROLIVIENSIS 

SOLEMNI . RITV . DICAVIT 
VII . IDVS . DECEMBRIS . ANNO . MDCCLXXVI 



cxxxv. 

IVI 

Nel muro 



SACROSANCTO . CORPORI 

DEI . ET . DOMINI . NOSTRI 

IESV . CHRISTI 

SACR. 

AEDES . QVAM . VETVSTATE . CORRVPTAM 

VIS . QVOQVE . TERRAEMOTVS . LABEFECERAT 

TRECENTIS . SEPTVAG1NTA . SEPTEM . POST . ANNIS 

QVAM . PRIMVM . COND1TA . FVERAT 

A . SOLO . RESTITVTA . DICATAQVE . EST 

PIO . VI . POT1FICE . MAXIMO 

ANNO . M . DCC . LXXXVI 

VTIQVE . DIVINVS . 1BI . IN . OMNES . HORAS 



84 

PERPETVVS . ESSET 

COENOBIVM . ADSTRVCTVM . APERTVMQVE 

DEVOTIS . VIRGINIBVS 

CLARAE . MATRIS . LEGIFERAE 

AES . CVRAMQVE . CONTVLIT 

THEODOLVS . LOJOLAEVS . BONONIENSIS 

FAVTORE 

ALOISIO . VALENTE . GONZAGA . CARD. 

LEG . PROV . AEMIL. 

PATRONO . EARVM 



CXXXVI. 

all' altare di s. ignazio 

A destra 

DIVO . IGNAZIO . LOJOLJE 

S . I . P . O. 

FOROLIVII . PATRONO 

ARA . POSITA 

PLURIMIS . REFERTA 

SANCTIS . RELIQUIIS 

ET . SOLEMNI . RITU 

CONSECRATA 

IV . CAL . SEXTILIS 

A . D . MDCCLXXXVII 



CXXXVII. 

1VI 

A sinistra 

ALTARE . PRIVILEGIATUM 

PERPETUUM 

PRO . MOMALIBUS 

HUJUS . MONASTERII 

IN . DIE . OBITUS 

ET . DEPOSITIONS 

KAIWJMDKIYI O 



(*) Quette due iserizioni SOtlO ripefnte in tilth gli altari della Chiesa. toltem 
le prime due Unci: di rjuella a destra c.he sono variate , a seconda de' Sanli at quail 
rotlO dedicati gli altari istessi. 



85 



CXXXVIII. 

Nel muro 

SANCTI . URBANI . MARTYRIS 

CORPVS . ALIORVMQVE . SANCTORVM 

LIPSANA . QVAMPLVRIMA 

SVB . HAC . ARA . QVIESCViNT 

INDVLGENTIARVM . PRIWLEGIO 

QVOTIDIANO . DITATA 

IN . MISSIS . DEFVNCTORVM 

CXXXIX. 

SOPRA LA PORTA DELL' ALTRA CH1ESA 

Fuori. nel architrave 

DEIPAR.E SEMPER VIRGINI MARLE 
STANTI IUXTA CRUCEM IESU 



CXL. 

NEL VESTIHOLO 

A destra entrando 

DEIPARJ2 . SEMPER . VIRGINI . MARINE 

STANTI . IUXTA . CRUCEM . IESV 

jEDEM . HANC . ET . ARAM 

MERCURIALIS . PRATI 

EPISCOPUS . FOROLIVIENSIS 

SOLEMNI . RITU . D1CAVIT 

DIE . XXIV . OCTOBRIS . MDCCXCV 



CXLI. 

IVI 

A sinistra 

IN . HAC . SACRA . MUE 

SUB . ARA . MARMOREA 

CONDUNTUR . CORPORA 

CUM . VASCULIS^ SANGUINIS 

SSRUM . XPI . MM. 

PII . CONSTANTII . FORTUNATE 

ET 

PLURIM . SSRUM . RELIQULE 



8t> 

If !' ff €^H & otiur 

&MM*£m 1 ItMiilllllt 

AD ALCUNE EPIGRAFI DELL A C1IIESA DEL 
SS. CORPO DI CRISTO 



CXXXI1I. 
PLVRIMIS . SAiNCTORVM . REL1QV11S . 1NSIGNEM etc. In questa chie- 
sa , nel suo corn, e nelP oratorio annesso conservansi i corpi di centocinquanta Mar- 
ling), e moltissiine altre icliquie souo sparse nei muri del monastero . Fumno dessi 
levuli dai cimiteri romani di s. Lorenzo, di s. Sebastiano, di s. Agnese, di s. Pi i- 
srilla, di s. Callisto. di s. Ciriaca iu agio Varano , di s. Protestato, di s. Ciriaco 
nella Via Osliense e di s. Calepodio. 

cxxxiv. 

S \CROSAINCTO . COfiPORl . DEI itc. E questa iscrizione del ristauralore 
della epigrafia latina, il cbiarissimo abbale Slefauo Antonio Morcelli. La detto pel 
raonastero delle MM. Glarisse di Fano ("2), e fu variala, a mio credere, in diversi 
luogbi da altra penna per adaltaila a questo di Forli. 

THEODOLVS . LOJOLAEVS . BOJNO.MEJNSIS etc. cioetm servo di Dio igna- 
ziano , essendo la prima parola coniposta delle due greche Qeoc, Dio e fiovXoQ servo. 
Fu quesli I 1 ex gesuila d. Andrea Michelini da Bologna, die profuse ragguardevole 
soinma per erigere questo nionistero e le due cliiese annesse:, nel ristauro di quelle delle 
Orfanelle i'ecchie di quesla citla, e del roinilaggio di s. Antonio di Padova a Mon- 
te Paolo nella Romagna toscana. Acquisto la casa cosi delta del Miracolo per eri- 
gervi altro tempio, e gia ne erano state coslruile le fundamental ma per la discesa 
dei Francesi in Italia venue quel lavoro abbandonato per alloraf, e il pensiero del Mi- 
dielini ebbe poi compimenlo negli anni 1817 al 19 a spese del cauonico Angiolo 
Poggiolini (3). Moii il Michelini in Forli li lii Febbrajo 1S14 e fu tumulato nel 
Cimilero pubblico. Con decreto del vescovo Tomba furono le sue ceneri di la tolte 
e porta te nel nionistero, a petizione della Abadessa e Monacbe, li 36 Settembre 1833. 



i in mi llbercolo lotltolato Dtvoti <i/pti> in Bemlnarll : vol. iv. png. i. 
■ h 'i i, in cinquanta Marliri ( Faoun Gene (3) JJolzoni d. Domenico, Storia citato pag. 19. 

tiri ) in n. him in inn' Inwrlll i loro uonl. i scg. 
"i t Qptrvm Bpigrafieorutrii Palivtl i«i», Typij 



87 



NELLA CHIESA E MONASTERO 

BI S. CATSEISTJL 



CXL1I. 

VIChXO AL PRESB1TERO 

Nel muro 

D. O. M. 

FRANCISCO . NIC. PIAZZAE 

IVLII . PIAZZAE . CARDIN. FRATRIS . FILIO 

CAMILLI . PAVLLVCII . CARD. SORORIS . FILIO 

EPISCOPO . FOROLIV. 

QVOD . TEMPLVM . HOCCE 

RITV . SOLLEMKI(jic) . CONSECRAVIT 

VI . KAL. MAIAS . ANN. CIOIOCCLXVII 

DIEM . Q. VI . RAL. FEBRVAR. 

INDICTVM . CELEBRANDAE 

IN . ANNOS . SINGVL. DEDICATIONI 

INSIGNEM . VOLVERIT . INDVLGEN. DIERVM . XL 

HVIVS . COENOBII . VIRGINES 

DEVOTAE . NOMINI . AMPLITVDINI . Q. EIVS 

P. 



CXLIII. 

SELLE BASI DELL' ALTAR MAGGIORE 

A destra 

D. O. M. 

ARAM HANC 

DEIPAR^ VIRGINI 

SANCTOQ. DOMINICO 

SACRATAM 

A sinistra 

SANGUINE ET RELIGIONE 

SORORES 

ORNANDAM CURARUNT 

AN. MDCCLXXXXI 



88 



CXLIV. 

SEL DIUBO 

Sculta in marmo lidio 

SOLI DEO HONOR ET GLOBIA 

HIC IACET CORPVS SEBVvE DEI 

SOR. BIS MARINE INNOCENTS 

ALOYSIJE EX COM.™ VBSELL1 

^TATIS SYM XXV 

BEGVLABIS PBOFESSIONIS VIII 

IN QVA 

NON ANOBVM NVMERO COMPVTATA 

SED OBEDIEINTItE MORVM INOCENTIjE, 

CHABITATIS, ET PjEKITEWTIjE(jic) 

REFFERTA VIRTVT1BVS 

JETXS SENECTVTIS VITA REFVLSIT 

IMACVLATA 

VIGESIMO AB OB1TV MENSE 

AD HVC TVMVLVM 

jEPISCOPALI IVSSV, TBANSLATVM 

MONASTEBII PBESES, AC MONIALES 

BELIGIOSISSIIVLE CONSOBOBI 

ANNO MDCCXXXIX 

IVGIBVS LACR1M1S PARENTARVNT 



CXLV. 

ENTBO 1L MON1STERO 

Sopra ll sepolcro 

D. O. M. 

SANCTIMONIALI VIRGIN1 D1GNIS V1BTUTIBUS 

MABIjE ALOYSIjE 1NNOCENTI/E UBSELLiE 

tfTATIS SUJ5 A NINO HUM XXV. 

BEGULABIS PROFESSIONS VIII. 

IN ODOREM SUAVITAT1S DIE \\I. NOVEMBRIS 

ANNO M.DCC. XXXVII. 

DEFUNCTS 

EPISCOPALI IUSSU PECULIARI HOC 

TUMULO COSUMTJB 

IOAWKES EX COM TUBUS DE UBS ELLIS, 

ET MARIA FULF1 CONIDGES 

MOBILES PATltlTIl FOBOLIVIENSES 

DILECTISSIMiE II II 1 : 

MOM'.MENTUM. II I'K.MS AMOBIS MARMORE 

SED MAGE CORDIBUS POSUERE 

aiv\o rvi . n<;<; \\\i\ 



89 



rf t if eim I. ctawv 



ALLE EPIGRAFI DELLA CHIESA DI S. CATERINA 



CXLII. 

FRANCISCO . NIC. PIAZZAE etc. Da Lodovico de' conti Piazza:, uomo non 
men dolto nelle facolta filosoiiche, che nelle umane e teologiche discipline; e da Ma- 
ria Francesca contessa Merlini, nacque Francesco Nicol6 il di 6 Settembre del 1707. Ad 
imitazione del genitore sino dai primi anni si diede tutto alio studio*, entro nella car- 
riera sacerdotale, e fu in Roma a maggiormente erudirsi. Tomato in patria, ancoi'- 
che fosse tenuto per il piu dotto e saggio prete della diocesi, come lo era di fatto, 
niun posto onori6co gli venne conferito da' suoi concittadini. Clemente XIII che ben 
conosceva i meriti suoi suppli a tale mancanza creandolo vescovo di questa citta li 
21 Dicembre 1760, e nel novennio che il Piazza governo, diede non dubbie testimo- 
nianze di molta dottriua, di carita e di zelo, per cui nieritamente fu in amore di 
tutto il suo gregge. Celebro nei giorni 22, 23 e 24 Ottobre 1764 il Sinodo (1), le 
cui costituzioni vennero approvate poi da mons. Prati (2), come gia dissi, e sono 
tuttavia in vigore. Mori il 12 Febbrajo 1769 mentre dal sumentovato pontefice ve- 
niva nominato vescovo di Ferrara, e il suo cadavere ebbe sepoltura nell' avello dei 
canonici di questa Cattedrale (3). 

CXLIII. 

ARAM HANC .... SAJXCTOQ. DOMINICO SACRATAM etc. Prima della sopres- 
sione degli ordini religiosi non mendicanti (1796) appartenne questo altare alle mo- 
nache di s. Domenico. E siccome quelle di s, Caterina poterono ottenere in seguito 
dal governo italico di rimanere unite prendendo il convento in aifitto*, cosi fecero 
acquisto di detto altare, e lo collocarono nella loro chiesa, che fu sempre officiata co- 
me lo era prima della sopressione. 

CXLIV. 

.... MARI£ INNOCENTLE ALOYSLE EX COM. vs VRSELLIS etc Anche 
di questa serva di Dio abbiamo la vita scritta dal ricordato d. Tommaso Bello- 
ni (4). 



(1) Forli, Barbiani 1764. (3) Notizie tratte dall' archivio parrocchiale della 

(2) Veggasi il Sinodo di mons. Prati cap. 24 pag. Cattedrale. 

65. De Synodalibus Comtitutionibus . (4) Forli, Montanari e Marozzi !74l,con ritratio. 



12 



90 

jm£3»3»jS ijXTRjE CHIESB , OR AT0B.II * 

B fcUOGHI PII 



CXLVI. 

NELLA CHIESA DELLA MADONNA DEL FUOCO 

Per terra 

EX DIVI MATTBLEI APOSTOLI 

APVD EPISCOPIVM VETVS 

IAM ANNORVM ICTV 

VNA DIRYTVM 

PLVRI3IORVM EPISCOPORVM FOROL. 

HIC OSSA 

MDCCXC1V. 

CXLVII. 

NELLA CU1ESA DI S. SEBASTIANO 

Avanti 1' altare dell' Assunta . per terra 

D. 0. M. 

HIC IACET FRANCISCVS PORTIVS 

BARTHOLOMJEI FILIVS NOB. FOROL. 

ILLIVS QVEM ILLIC CRVCI 

TEM VIII 

ANNIS COM 

LAT II 

ORIIT VIII KAL. SEPT 

ANNO DOM. MDCCXXXIX 
...TATI... SVA.. LXX 



CXLY1II. 

IVI 

Vicino alia porta a dritta entrando . sopra l'urna 
* 

CUM • PLIJRIM. SSIUIM . RELIQUIIS 

HIC . QUIESCIT . SACRUM . CORPUS 

CUM . VASi; . SANGUINIS 

S. IINWOCENTII . MARTY1US 



91 
CXLIX. 

SELLA A>"T1CA CHIESA DELLE ORGANELLE 

Fuori, sopra la porta 

SACROSANCTE 

DEI ET DOMINI NOSTRI JESU CHRISTI 

NATIUITATI 

SANCTISQUE 

IGNAZIO LOJOLJE 

ET FRANCISCO XAUERIO 

FOROLIUII PATRONIS 

CL. 

DENTRO LA CHIESA 

A destra 

SACROSANCT^ 

DEI . ET . D. N. JESU • CHRISTI NATIVITATI 

SANCTISQUE 

IGNATIO . LOJOLJE . ET . FRANCISCO . XAVERIO 

FOROLIVII . PATRONIS 

ECLESI4M(jic) . HANC . ET . ALTAR E . SOLEMNI 

R1TU . CONSECRAVIT . ILLMUS . ET . REUMUS . D. D. 

MERCURIALIS . PRATI 

EPISCOPUS . FOROLIYII 

DIE . 30 . NOVEMBRIS . ANNO . MDCCLXXXXFV 

DIE . 29 . NOVEMBRIS 

PRO . ANMVERSARIA . DIE . CONSTITUTA 

CLI. 

IVI 

A sinistra 

SUB . HAC . ARA . SACRA 

QUIESCIT . SACRUM . CORPUS 

CUM . UASE . SANGUINIS 

SANCTI . ^ . MARTYRIS . INNOCENTII 

EXTRACTUM . E . COEMETERIO . CYRIACjE 

CUM . PLURIBUS 

SANCTORUM . RELIQUIIS 



92 

CLII. 

SELL' ORATORIO DI S. FRANCESCO REGIS 

Fuon, sopra la porta 

D. O. M. 

FEBBANTI . VRSELLIO . COM . PATRIC . FOBOL. 

QVOD . SACELLV3I . EXTRVXERIT . CETERO . Q . CVLTV . EXOBNAVEBIT 

AEDES . MENDICVLIS . ALEND1S . EDVCENDIS . ET . AD . REIP . VSVS 

FOBMANDIS 
AD . LABEM . RVINAE . LABEFACTATAS . HONESTIVS . ET . LAXIVS 

INSTAVRAVERIT 
CVSTODIAS . ADD1DERIT . EFFRAENIS . ADOLESCENTIB . COEBCENDIS 
MVLTANDIS 

SCHOLAS . MYSTERIIS . EDISCVNDIS . STATVERIT 

ALVMNIS . LEGES . FIXERIT . SANCTISS. 

EIS . IN . SPEM . NEQMTIAE . INSCITIAE . AVEBBVNCANDAE 

ASSIDVA . CVRA . ET . LIBEBALITATE . ANN . AMPLIVS . XXXVII . SVPPE TIAS 

TVLEBIT 

MOBIENS . VEBO . SVOB . VLTIMVS . ET . GOELEBS (xic) 
DONVM . C . SVPELLECTILI 
PBAEDIA . C . OMNI . INSTBVMENTO . BVSTICO . VBBANO . ET . PECOBE 
YTBOQ. 

pbaesen TEM . PECVNIAM . C . NOMINIB . EX . KALENDABIO 

DVIT . LEGAVEBIT . DABI . Q . IVSSEBIT 

OPTIMO . PIENTISSIMO . ET . SVPBA . OMNES . BETBO . CVBATOBES 

BENEFICISSIMO . VIBO . M . P . ANN . CIDIOCCLXXII 



CLI1I. 

l.Mlin LA CUIESA 

Per terra 



SACELLO EXAEDIFICATO 

FERRANTIS VRSELLI IOANN. F. COMIT. 

CINERES EX TEMPORARIO SEPVLCRO 

Hl'C TRANSLATI ANN. CIDIDCCLXVI 

VIX. A. LVI. M. III. D. XX 

INTEGER INNOCENS 

PIENT1SSIMVS CAELEBS 



93 
CLIV. 

SOTTO L' ALTARE 



A tergo dell* urna di s. Orso m. 



D. O. M. 

IN RECOG. NE SACRI CORPORIS AR VRBE DELATI 

ILL. VS AC REV. VS ANTISTES TH03IAS TORRELLVS 

IVSSIT APPONI DISTICON 

PARVVLVS HIC MARTYR SVMIT QVI NOMEN Afi VRSO 
VRSELLjE EST GENTIS GRANDE PATROCINIVM 



CLV. 

NELEA CHIESA DEL GINNASIO 

Entro. sopra la porta 

D. O. M. 
FABRITIO . CARD . PAULUTIO . PATRITIO . FOROLIVIENSI . E . COMITIBUS 
CALBULI 

EPISCOPO . OSTIENSI . SACRI . COLLEGII . DECANO 

CUM . INGENTI . OMNIUM . ORDINUM . CULTU 

ROMB . VITA . FUNCTO 

PRID . ID . JUN . AN . MDCCXXVI . JSTATIS . SU.E . LXXV. 

QUOD . DOMUM . HANC . A . FUNDAMENTIS . EXCITATAM 

PERPETUO . CENSU . DITAVERIT 

TOTA3IQUE . MISSIONIS . CONGREGATIONEM 

INNUMERIS . MAXIMISQUE . RENEFICIIS . CUMULAVERIT 

EJUSDEM . DOMUS . PRESBYTERI 

STERNUM . GRATI . ANIMI . MONUMENTUM 

PATRONO . MUNIFICENTISSIMO 

PP. 

1740. 



CLVI. 



Per terra 

EQ: S IOSEPHI VRCEOLI 

FOROLIVIEN. 

QVI OBIIT VII. KAL. SEPTE. B 

A. D. MDCCXCIII 

CINERES 



94 

CLVII. 

KELLA SCPPRESSA CHIESA De' GEROLIMINI 



Vicino al presbitero . a destra 



D . V . T. 

IOSEPHO . FAELLAS . PATRICIO . FOROCOJISEL. 

CARITATE . IN . DEVM . ET . IN . PB.OXIMVM 

DOCTRINA . ET . SVI . CONTEMPTV . SPECTABILI 

MONASTICAE . DISCIPLINAE . ASSERTORI 

BONIS . OMNIBVS . MOERENTIBVS 
SVBITA . VI . MORBI . E . VIVIS . EREPTO 

FAMILIA . HIERONYMIANA . FOROLIVII 

SVPREMO . OLIM . ORDINIS . PRAEFECTO 

ECCLESIAE . HVIVS . ET . COENOBl . RESTITVTORI 

L . M . M . P. 
OBlT . VI . RAL . FEB . A . MDCCLXXXI 



CLVI1I. 

IVI 

A sinistra 

D . V . T. 

MANIBVS . PIENTISS . ET . MEMORIAE . AETERNAE 

VALERUNI . SAVORELLI . FOROLIV. 

TOTIVS . ORDINIS . SVPREMI . PRAEFECTI 

ANNO . Ill . SVPRA . CI3DCC 

HVIVSCE . FAMILIAE . BENEMERENTIS. 

OPT . ET . SINGOLARIS . EXEMPLI . VIRI 

DE . QVO . NIHIL . DOLEAS . PRAETER . MORTEM 

SVCCES . SACELLIS . REFECTIS . ET . EXORNATIS 

GRATI . AN1MI . ERGO . NON . SINE . LACRIMIS 

P. 



CLIX. 

M.M.I AVANZI DELLA DEMOLITA CUIESA DI S. CUIAIIA 

Vicino la porta maggiore 

ILL. ■▼«, 1,1 I; IVS I>. D. [ACOBVS . ARCHTEP.™ TIIEODV 

L\> . FOROLIV . BU EPVS . UMTO . DNI . M.D.C.L.X . RAL. AVG.« 

II MIMA EOC • S. CLARJE . SOLIITER . CONSECUA 

\n EIVSQ. DEDICATIONIS . AfflfflPERS? . PRID1E 

k\L 7fiR." CELEBRANDVM . TKANSTVLIT«« 



95 
CLX. 

SELLA FACCIATA DELLA SCPPRESSA CHIESA DEI CANOMCI DI S. SALVATOEE 



Dipinta 



ECCLESIA 

CANOMCORUM 

SANCTI SALVATORIS 

CONGR. RHEN* 



CLXI. 

SOPRA LA PORTA DEL SCPPRESSO ORATORIO DE'cELESTIM 

Dipinta 

D. O. M. 

SODALITAS . COELESTINORVBI 

A . SO LO . RESTIT . 

A. D. MDCCLXXXV 



CLXII. 

JiEL SUPPRESSO CONYENTO DELLE TERZIARIE DI S. FRANCESCO 

In un ripostiglio 

OT. A 

PIO . VI . PONT. MIX. (sic) 

QVI . PETENTE . SORORE . EI\S 

EXCELL . DNA . IVLIA . BRASCHIA 

HOINESTATI . COINSVLENS 

COLLEGII . FOROLIVIENSIS 

MONIALIVM . TERT . ORDINIS . SCT . FRA. C 

DIE . V . IVLII . AN.° MDCCLXXXIII 

NE . PENITEWTES {sic) . MVLIERES 

COLLEGIO . VIRGINVM . ADSCRIBEREN. 11 

CAVIT . SECVS . ATQVE 

NICOLAVS . MAZZOMVS .T.F.J. 

VTILITATI . VERO . PROSPICIENS 

CENTVM . AVREOS 

A . FOROLIVIENSE . CARITATIS (sic) . SODALIT. 

COLLEGIO . HVIC 

QVOT . ANNIS . PERSOLVENDOS 

CONSTITVIT 

IMMORTALIVM . BENE WEM.(sic) 

AC . DEVmCTISSIMAE 

MONIALES 

PRIHCIPIBVS . DE . SE . B . M . M . R . POSVER. 



96 



CLxai. 

NEI MCRI ESTERIORI DEL SEMINARIO 

Sotto lo stemma 

A. M. D. G. 

VENER . SEMINARII . INCREMENTVM 

DTCE . AVSPICE . AC . IMPERANTE 

ILLVSTRIS . ET . REVERENDIS . DOMINO 

THOMA . TORELLO 

PATRICIO . ET . EPISCOPO . FOROLIVII 

ET . SVMMI . PONTIFICIS . SOLIO . ASSISTEN. 

ANNO . DOMINI . MDCCXXXII. 



CLXIV. 

iyi 

Sotto lo stemma 

MERCVRIALIS . PRATVS . EPISCOPVS 

ET . PATRICIVS . FOROLIVIENSIS 

CLERICIS . SANCTE . INSTITVENDIS 

COLLEGIVM . OPERIBVS . AMPLIATIS 

IN . MELIOREM . FORMAM . RESTITVIT 

ANNO . M . DCC . LXXXVIII. 



CLXV. 

10 DELLO 

Sopra la porta d' ingresso 

D. O. M. 

ATRIVM . RVDE . ANTEA . ET . INFORME . SITV 

DETERSO . FORNICE . EXTRVCTO . EXORNATO 

SC1LIS . A . FVNDAMEINTIS . EXCITATIS 

IOSEPHO . VIGNOLIO . EPISCOPO . B . MERENTISS. 

AVSPICE . ANN . CIOIDCCLXXVIII. 

VINCENT . PAVLVCIO . FRANCISCO . ROSETTO . COM. 

IOSEPHO . VRCEOLO . COM . PET . PAV . PETRIGNANO 

ANTONIO . BETIO . PIIILIPPO . CORBICEO . COM. 

PRAEFECTIS. ET . CVRATORI. 



97 



CLXVI. 



NELLO SPEDALE 



Sopra la medesima porta, dalla parte delle sale 

D. O. M. 

PIETAS . ERGA . EGROTOS 

QVAE . A . DOMINO . 1NVENIET . RETRIBVTIONEM . MAGNAM 

HOC . AEDIFICIVM . AD . CONDECORANDAM . VRBEM 

SEDENTE . CLEMENTE . XI . P . M. 

EX . FOROLIVIENSIS . SENATVS . CONSVLTO . EXCITATVM 

CONFIRMATIS . AD . NOVENNIVM . CVRATORIBVS . PATRICKS . VIRIS 

COMITE . PETRVCIO . FLORENO . IOSEPHO . BRVNACINO 

LIVIO . PETRIGNANO . 10 . ANTONIO . SAVORELLO 

ALEXANDRO . MARCHESIO . COM . 10 . BAPTISTA . GADDIO 

SVB . AVSPICIIS . INCLYTI . PRAESVLIS 

THOMAE . TORELLI . PATRICII . FOROLIVIEN. 

PATRIAE . EPISCOPI . ET . SOLII . PONTIF . ASSISTEN. 

REGNANTE . SANCTISSIMO .D.N. UNSOCENTIO . P . X III 

MAGNIFICE . ABSOLVTVM . ANNO . M . D . CC . XXII 

MAGISTERIO . EQVITIS . IOSEPHI MERENDAE . PAT . FORL.(j/c) 



CLXV1I. 

OYE SI R1C0VERAN0 I PEEEEGRlJXI 

Fuori. sopra la porta 

OSPEDALE 

DE' PELLEGRINI 

MDCCLXXXIV. 



CLXVIII. 

NELLA SPEZIEHIA DE' POVERI 

Nella facciata fra le due botteghe 

EVPHEMIAE . MARCHESIAE 

GEORGII . VFVIANI . EQV. 

MAIORVM . GENTIVM . PATRICII . FIL. 

INCOMPARABILIS . SANCTISSIMAE . Q . FEMINAE 

RELIGIONI . PIETATI . MVNIFICENTIAE 

MONVMENTVM . AETERNVM 



i* 



98 

CLXIX. 

ENTRO LA FARMACIA 

A destra 

TIBI . DEIPARAE . SOSPITAE 

VTI . NOBIS . BONAS . PRAECES . PREEVNTIBVS 

SALVTEM . DVIS . NVMINE • TVO 

REBVS . Q . NOSTRIS . SIES . VALENS . PROPITIA 

LIBENTES . MENTI . D . D. 

CLAA. 

m 

A sinistra 

QVOD . BONVM . FAVSTVM . FELIX . Q. 

REIP . MENDICVLIS . Q . SIET 

AEDES . A . FVNDAMENTIS . EXAEDIFICATAE 

INSTBVCTAE . ORNATAE . Q . OFFICINAE 

ANN . CIOIOCCLXXXI 

CLAA I. 

NEL MONTE DI PIETA 

Fuon . verso oriente 

TECTUM 
RENOVATVM 

ANNO 

1793_ 

MELCH. 

COM . GADDI 

PRIORE. 



CLXXII. 

SOPIU LA PORTA DELLA CELLETTA COSJ DETTA DI G1LJO 



SANCTISSIM^E . DEIPARjE 

SACRUM . HOC . SACELLUM 

TEMPORUM . INJURIA . DIRUTUM 

IN . SUJS . DEVOTIONIS 

ARGUMENTUM 

FRANCISCUS . BEZZIUS 

A . FUNDAMENTI9 . EXCITANDUM 

CUR AVIT 
XI . KAL . FEBRUARII . MDCCXC 



99 

iw oivbrsi iwmi mitA. cittA 



CLXXIII. 

NEI SOTTEHRANEI DEL GINNASIO 

D. O. M. 

ET . VIRGINI . MATRI 

CUIUS . OPE . PRAESIDIO . TUTELA 

RES . FOROL . SARTA . TECTA . AUCTA . Q . EST 

S . P . Q . NUMINI . MAIESTATI . Q . EOR 

AETERNVM . DEVOTI 



CLXXIV. 

IVI 

CLEMENTI XIII. PONT. OPT. MAX. 

QUOD LUDOVICUM MERLINIUM PATRICIUM FOROLIVIENSEM 

PIETATE DOCTRINA 

GRAVISSIMISQUE PR.ECLARE IMPLETIS MUNERIBUS EXIMIUM VIRUM 

SACRA PURPURA DONAVERIT 

S. P. Q. F. P. 

MDCCLIX. 



CLXXV. 

ITI 

BERNARDINO . SPAD& 

S . R . E . CARDINALI 

PATRITIO . ET . PROTECTORI 



EX . S . C XX ... CI3 . 13 . C . XXV II 



CLXXVI. 

NEI PALAZZO APOSTOLICO 

Sotto la prima ringhiera * 

INNOCENTIO . XII . P . O . M. 

OB . SACRAM . PURPURAM 

FABRITIO . PAULUTIO . NOB . FOROL. 

DIGNE . COLLATAM 

XXII . IULII . MDCLXXXXVII 

S . P . Q . F. 



100 

CLXXVII. 

NEL PALAZZO APOSTOLICO 

Sotto la seconda ringhiera * 

CLEMENTI . XI . P . O . M. 

OB . SACRAM . PURPURAM 

IULIO . PIAZZA . NOB . FOROL. 

DIGNE . COLLATAM 

XVIII . MAII . MDCCXII 

S . P . Q . F. 



CLXXVIII. 

IVI 

Sotto le loggie, accanto alia Gabella 

NICOLAVS MARCVS. NI 

ALBERTINVS LAVRENTIVS ZAFF. STEPHANVS... 
MTEl(sic) H1ERONIMVS ALBICI..VS FRANC. SCV.. .- 
LIS. CONSERVATORES. 10 BATl PALATINV S TH.. 
SAVRARIVS. DEDDVS SAXVS. SINDICVS. 10. AN... 
AST1VS. REGVLATOR. HOC LAPIDE ERECTO.... 
TIQVISS. C1VITATIS F0RLIVI1 (sic) MENSVRAS SCL 
ETMNSTAV^RI FIDELITER CVRARVNT 
ANO.DNI.M . D . XVI . PRIDIE CA 



CLXX1X. 

IVI 

Nel muro posto a mezzodl sul Corso, a caralteri gotici 

IN N. DNI AB EIUS INCARNATIONE MCC . QUARTODECIMO . TPR 
INNOCENTII PP. BT 0CT0N1S IMPEKATORIS INDIC. SEDA ANNO ILLO IN 
Ql DCS (.WHIM'S SCTOVITALE FORL. POTESTAS FECIT POHTEMJSTUM 
AEDII ICARI ET COMPLERI AD IIONOREM ET PVBLICAM ETIL1TATE COS FORL. 

CLXXX. 

SOPRA LE SCALE DELLO STESSO PALAZZO 

A destra della poTta della Cassa G'mni le 

I HANCISCO . PAVLVTIO 

IX . COMITIBVS . CALBVLI . S . R . E . CARDINALI 

OVI IX \ VILA IIS . LX . ANNORVM . LABORIBVS 

I I EX lis . XXX . BT . VI/PBA . IN . PRIMORIBVS 

APOSTOLICJE . SEDIS . MVNERIBVS . EXACTIS 

All ALEXANDRO . Ml . SANCTISSIMO PONTIFICE 



101 

PRIMA. . ELECTIONE . VNA . CVM . FLAVIO . CAR . GHISIO 

NEPOTE . AD . PVRPVRAM . EVECTVS 

ET . S . CONGREGATIONS . CONCILII . PRjEFECTVRA . INSIGNIT. 

CARDINALATVS . DIGNITATE 

MAIORVM . IMAGINIBVS . ADIECTA . PATRIAM 

A . CXXX . CARENTEM . DECORAVIT 

S . P . Q . F. 

ANNO . SAL . MDCLVIII. 

CLXXXI. 

SOPRA LE SCALE DELLO STESSO PALAZZO 

A sinistra della porta della Cassa Camerale 

D. O. M. 

FRANCISCI . PAVLVTII . S . R . E . CARD . AMPLISS. 

SIGNVM . ET . TITVLVM 

IN . FRONTE . AEDFVM . PVBLIC . OLIM . POSITA 

IN . HOC . LOCO 

QVEM . SIBI . POSTERISQVE . SVIS 

CONLATO . AERE . OBSIGNATIS . TABVLIS 

VIVENS . COMPARAVERAT 

NE . MEMORIA . CLARISS . AVVNCVLI . DE . REP . CHRIST. 

DEQVE . GENTE . PAVLVTIA . B . M . EXCIDERET 

COSMVS . PAVLVTIVS . COMES .S.R.I. MARCHIO . FABIANI 

ET . CO . CALEQVES(jic)*. COMMEND AT . S . STEPHANI . AC . PRIOR 

REI . MILITARIS . S . R . E . IN . EMILIA . PREFECTVS 

COLLOCARI . CVRAVIT . A . MDCCLXV 



CLXXXII. 

NELLA SALA GRANDE 

Sopra la porta d' ingresso . intorno al busto a basso-rilievo 

HIC EST VT PERHIBENT DOCTORVM CORDA VIRORVM 
PRIMVS IN HVMANI CORPORIS HISTORIA , 

Iriferiormente in marmo lidio e a lettere dorate 

10 . BAPT . MORGAGNO . NOB . FOROL. 

PATRIA 

INVENTIS . L1BBISQ . EIVS . PROBATISSIMIS 

VBICVNQ . GENTIVM . ILLVSTRATA 

DECREVIT . A . D . MDCCLXIII 

PONENDAM . IN . CELEBERIMO . HOC . LOCO 

MARMOREAM . EFFIGIEM 

ADHVC . VIVENTIS 

Si legga et . comes . calevli 



102 

CLXXXIII. 

SELLA STESSA SALA 

Di centra alia precedente . sotto ll busto 
MARIO S. R. E. PRESBYT. CARD. THEODOLI ROMANO 

EX ANTIQUA THEODOLI PATRIT1A FAMILIA FOROLIVII 

AB URBANO VIII. IN CARDINALIUM COLLEGIUM COOPTATO 

HIEBONYMUS MABCHIO THEODOLI ROM ANUS PRONEPOS P 

L. D. D. D. 
ANNO DOMINI MDCCLXIII 



CLXXXIV. 

IVI 

Sotto il busto 

VITALIANO . BORROMEO 
AEMILIAE . A . LATERE . LEGATO 

S . R . E . CARDINALI 

AD . OPTIMA . QVAEQVE . NATO 

QVOD 

IVSTITIAM . BENIGNITATE . TEMPERAVERIT 

FOROLIVIENSEM . VRBEM 

TVTELA . INCREMENTO . SPLENDORE 

MVNIVERIT . AVXERIT 

S . P . Q . F. 

ANNO . IVBILEI . CI3 . IOCCLXXV 

L . L . M . PP. 



CLXXXV. 

NELLA STESSA 

Sotto il busto 



nONORI . ET . VIRTUTI 
ROiMUALDI . BRASCHI . ONESTI 

CARDINALIS 

BEATISSIMI . AUUNCULI (.ric) SUI 

D . N . PII . VI . POINT . MAX. 

EGREGIAS . LAUDES . ADPETENTIS 

QUOD 

PRONA . VOLUNTATE 

INTER . PATRICK)* . ADLECTUS 

ORDINEM . NOSTRUM 

SUMMO . DIGNITATIS . SPLENDORE 

HONESTAR1 . PASS US . SIT 

FOHOLI MENSES . PUBLICE 

D. D. 
ANNO . M . DCC . LXXXVII 



105 



CLXXXVI. 

IH MEZZO ALLA PIAZZA MAGGIORE 

Ma base della colonna 



i 

D. O. M. 

AC 

DEIPAR.E VIRGINI 

AB IGNE 

FOROLIVII VRBIS 

PATRONS 

2 

SERENITATIS 

ATQ. PLVVIARVM 

MODERATRICI 

ET A PESTE 

SERVATRICI 

PR^SENTANEjE 



IN EIVS IMAG1N1S 

TRIVMPHALI 

RITV 

TRASLAT^ 

MEMORIAM 

4 

FOROLIVIENSES 

EREXERVNT 
XIII RL. NOVEMB. 

AN. DOMINI 
M . DC . XXXVI 



CLXXXVII. 

nell' interno della casa di stefako francia 

Sotto lo stemma. dipinta 

1 . 4 . 6 . 8 . . M . . 3 . L . AS . OCT(^c) 
LAVRVS . VBI . PRAETOR . FVIT . HAC . ANTONIVS . VRBE. 

CM . GENVS . A . PRO . AVIS . VRBS . PATAVINA . DEDIT. 
AVREA . PRO . ROSTRIS . LARGVS . SVA . SIGNA . RELIQVIT. 

SIT . MEMOR . VT . LONGVM . LIVIA . TOTA . SVI. 
LEGVM . ERAT . INTERPRES . ET . IN . ORDINE . CLARVS . EQVESTRI 

INTEGER . ET . FACILIS . IVSTITIAEQ . DECVS 



CLXXXVI1I. 

all' esterno della medesima 

Nel muro verso ponente 

HAS EDES 

VBI OLDI PRjETORIVM 

GYMNASIA IVSSIT 

SENA TVS FOROL . 

AN. MDXXXII 



104 

CLXXXIX. 

IN CASA ALEOTTI 

Sotto ll busto 

PINI III DE ORDELAFFIS FOR. PRIN. 

STATVAM AB INSIGNI DONATELLO 

ELABORATAM, ET POMPEIO MATTEO 

ARMAMENTARIA) VENETI PR^FECTO 

MVNERE DATAM 

FRANCISCVS ALEOTTVS NOB. FOR. 

OB MEMORIAM PRIN. COELATORIS,(^'c) 

SVIQ. AVI DONO INSIGNITI 

HIC POSVIT AN. DOI MDCCII 

cxc. 

PRESSO IL N. V. S1GSOR TOMMASO RALDUCCI 

D. O. M. 

BERNARDINO . MARCHESIO . GEORGII . F . SARSINjE . EPIS . BOBII . COMITI 

DE . REPVBLICA . LITTERARIA . OB . DOCTRINAM 

DE . ECCLESIA . SVA . OB . APOSTOLICVM . FERE . ZELVM 

DE . SACRIS . AEDIBVS . AC . MENDICIS(jic) 

OB . INSIGNEM . L1BERALITATEM . BENEMERENTI 

MOX . INTER . OMNIVM . DESIDERIA . DEFVNCTO 

A . S . MDCLXXXXYIII . AETAT1S . SVAE . LXVH 

GEORGIVS . EQ . SIGISMVNDI . F . EQVES . S . STEPHANI 

PATRVO . PVBLICAE . VTILITATI . NATO . MONVMENTVM . P. 

SIBI . ET . POSTERIS . IN . EXEMPLVM 



CXCI. 

IN CASA BOFONDI 

D. O. M. 

SIBI SUISQUE 

PETRUS 10. BOFONDII V. C. 

AYITUM SEPULC. RENOV. 

A. D. MDCCXLVIII. 

CXCII. 

I'RESSO I SIGNORI MANUCCI NEL BORGO GOTOGNI 

Nel cortile 

WARIVS RVFINVS PA 
TRITIVS ROMAN PROTHO 
NOT APOSTo 1 ET ABBAS. S 
RVI I ILLI DE FORO POMPILII 
FECIT ANNO I) MDXLI 



105 
CXCI1I. 

SELLA FACCIATA DEL PALAZZO PAULUCCI 

OPPUGNATO . EXOBDIO . PERFECTUM . COMUM . VOTO .AS. WDCCXCIH 



CXCIV. 

NELL' ANTICA CASA ACONZJ 

Nel fregio della porta 

BTERONYMI ACONTII — LIVIENSIS I. C. AEDES 



cxcv. 

SOPKA LA POHTA DI SCHIAYOMA 

Fuon, sotto il busto 

D. O. M. 

CAMILLO . PAYLLVTIO 

P0NTIF1CI1S . LEGATIOiMBVS 

AD . P0L0K1AE . REGES . ET . AD . CAESABES 

DIFF1C1LLIHIIS (fie) . TEMPOBIBYS . FELICISSIME . OBITIS 

A . BESEDICTO . XHII . P . M . IN . CABD . OBD . BELATO 

S . P . Q . F. 

C1VI . OPTIMO . ET . BENE . MEBENTISS1M0 

POBTAM . OCCIDEN . DDC . AN , C1DIDCCXL11I 



CXCVI. 

SELLA BOCCA DI RAVALD1KO 

Fuon, sotto lo stemma 

C . BOBGIAE . FBANC. 

VALEN . BOMANDIOLAE 

DVCIS . AC . S . R . E . CONF, 

ET . CAP . GENEBALIS 

CXCVII, 

IN CASA GNOCCBI 

Nel Corlile. per terra 

HlER vs GNOCCHVS (.«<?) . IACET . HIC . EPIDAVRIVS . ALER 
VRBIS . HONOS . ORBIS , GLOBIA . FAMA . SALVS 

DVX • FVIT . IS . VIT.E . IN . MOBTSM . TOT . MORTB . REDEMIT 

QVOT . SVT . HIC . CINERES . AC . MEDICINA . VALET. 

OBYT . QVARTO . NONAS . OCT . CIODCXXII. 



106 

CXCVIII. 

HELL' OBTO DEI PP. DI S. DOMENICO 

D. O. M. 
IN HONOREM 

D. IOANNIS BAPTISTS ET B. GHERARDI 

HIEROSOLYMITANI ORDINIS FUNDATORIS 

EX INDULGEINTIA 

EMINENTISS1MI MAXIMIQUE PRINCIPIS 

FR. EMANUELIS PINTO 

EJUSDEM ORDINIS MAGNI MAGISTRI 

FR. JOSEPH MERENDA PATRITIU8 FOROLIVIENSIS 

PRIMUS COMENDATARIUS 
AEDICULAM HANC A FUNDAMENTIS EXTRUXIT 

ANNO MDCCLXV 



CXC1X. 

WELLA SAF.A DI CASA NONSEGNAN! 

Sotto ll busto 

D. O. M. 

BARTHOLOMEO(j/c) MONSIGNANO 

SALIANI COM1TI 

FOROLIVIENSIS MAGISTRATES 

SENATORI SAPIENTISSIMO 

CATAPHRACTORVM M1LITVM SVB VRBANO VIII 

DVCTORI FORTISSIMO 

IVSTITIAE ANNONAE PACISQVE PVBUCAE 

CVSTODI VIGILANTISSIMO 

PATRIAE AG PAVPERVM 

PATRI BENEITCIENTISSIMO 

MARGARITA ALBICINA VXOIt AMVNT1SSIMA 

ALEXANDER MARCOLINVS FARRIT1VS PWLVS IOSEPfl 

FILII MOESTISS1MI 

POSVERE 

OBIJT OCTAVO KALENDAS APR1LIS 

ANNO MDCXCI 

AETATIS SVAE LXX1X 



107 



EPIGRAFI ESISTENTI NEI DIVERSI 0RAT0RJ , 
LUOGHI PII , E SPARSE PER LA CITTA' 



-«s^«* 



CLIII. 

FERRAWTIS VRSELLI etc. Suoi genitori furono il conte Giovanni, che 
si distinse per sapere e pieta, e la conlessa Maria Folfi. Essendo tultavia giovinelto 
fu posto sotlo la direzione dei Gesuiti, dove apprese le lettere e la teologia morale. 
Sebbetie non veslisse gli abiti chiericali, impiego nondiuieno 1' inlera sua vita, che 
fu di anni 53, niesi 3, e giorni 12, in opere di pieta e religione. II pontefice Be- 
nedetto XIV \ col quale ebbe relazioue per afl'ari di coscienza} lo creo suo cameriere 
di spada e cappa. Istituito per sua cura I* orfanotrorio di s. Francesco Regis, gli 
lego tulte le sue sostanze:, ma per certi diritti affacciati da alcuni prossimi parenli di 
lui, si venne ad una transazione, ed il pio luogo non ebbe poi che un capitale di 
25 mila scudi quasi lulto di censi. Diede alle stampe diverse operelle, e ne lascio del- 
le inedite (1). Fini di vivere li 30 Wovembre 1760} e il di 15 Seltembre 1772, in 
occasione che le di lui ossa furono porta te in questa chiesa, gli si celebrarono solen- 
ni esequie: Hercolano Spinelli Hercolani ' ne lesse la funebre orazione (2). 

CLVI1I. 

.... MEMORIAE . AETERNAE . VALERIANI . SAVORELLI etc. Vestt in 
fresca eta I' abito dei romiti di s. Pietro di Pisa, e studiosissimo e ben veduto da 
suoi confralelli, rnentre 1' anno 1695 trovavasi in Roma, venne prescelto procurato- 
re generale; poscia 1' anno 1698 ebbe la nomina di preside della provincia ancone- 
tana; e nel 1704 (non nel 1703, come riferisce G. V. Marchesi nelle sue /Steele.) 
ad unanimita di voli fu esaltato al grado di generale dell' ordine; carica che tenne 
col dovuto decoro, e con universale soddisfacimento fino alia morle, avvenuta in Ri- 
mini li 10 Agosto dell' anno 1714 (3). 

CLXY. 

ATRIVM . RVDE . ANTEA . ET . INFORME . SITV etc. A far conoscere 
come sorgesse questo pio luogo, come venisse mantenuto, quante rendite avesse, e 
che comodita oflerisce nel finire del secolo XVI, riportero la sloria, che Fabio 



(I) Le opere da lui pubblicate sono: II Carneva- 
le discoperto ai Crisliani ne' suoi abusi, Forli, Ma- 
tozzi 1746 — II Carnevale Santificalo, ivi, per lo 
stesso — Vita di d. Tommaso Belloni, Forli, Bar- 
biani 1752 — Vita della Madre Suor Paola della 
volonta di Dio etc. iucominciata da Don Tommaso 
Belloni, proseguila e terminata da Ferrante Or- 
telli, Venezia, Becurti 1755 — Apparato alia festa 
di s. Pellegrino, Faenza , Benedeui senz' anuo — Dot- 
trina Cristiana, cbe fece ristampare mons. Andrea 
jfcratti di b. m dal Casali per uso di questa Diocesi 



Scrisse anche succintamente in latino le vite de' San- 
tij le rcliquie dei quali in numero di due mila e 
quattrocento sono collocate sotto il quadro dell' al- 
tare nella chiesa del ricordato orfanotrofio, e Tarjal- 
tri opuscoli. 

(2) Forli, Achille Marozzi 1781. 

(3) Sajanelli Joan. Bapt. Historica Monumen- 
ta Ordinis S. Bieronymi B. Petri de Pisis. Vene- 
tiis, Corona 1738 pag. 422, 430, 433; e Venetils, 
Zatta 1753 in fol. vol. I. pag. 414. 



108 

Oliva (i) primo cancelliere della Comunita espose in iscritto a mons. Centurionc 
chierico di Camera, quando nel 1587 veune per ordine di Sisto V a visitare questa 
provincta = Erano gid netla cittd sette Hospitali, f/a quali primo quello della Ca- 
sa di Dio, dove s' allevavano gli Esposti, c/ie not diciamo bastardini , Juspatro- 
nato della Comunita, come V antico possesso &■ und Bolla di Eugenio quarto chia- 
riscono: al cui govento era dal Conseglio preposlo un Cittadino, che con molta 
diligenza e sollicitudine faceva allevare cost maschj come femmine; quelli quan- 
do erano in eta incamminando a imparare qu'alche arte (2). e queste divenute nu- 
bili marilando, &• alcuna volta dandone alcune mentre ei'ano in etd puerile a qual- 
che gen til donna, che toglieva come figliuoie, &• uscite poi le mar'itava , dotando- 
le per ricompensa dei servigj ricevuti . E quant unque questo Hospitale non aves- 
se mo/to da spendere ; tuttavia il Priore e con la vigilanza e con la parsimonia 
operava si, che a capo deW anno la Casa piii presto avanzava, che restasse in 
debito di nienle $ &■ in somma era quel luogo tenuto con tanta pietd e con tale po- 
lizia , che quelle creature in casa dei prop// padri non si sariano potuto educar 
meg Ho . 

Gli altri sei Hospitali erano delle Confraternite , o Compagnie , che noi chla- 
miamo batluli , eietti da gli uomini di quelle a concorrenza per comoditd dei po- 
veri delle slesse Conf'atei-nite. che quivi quando infermavano si facevano porta/ e: 
al governo de' quali erano ordinati uonuni e donne , perche ogni Hospitale aveva 
luogo separalo per V uno e per V altro sesso: e v' era anco residenza apparta- 
ta per poveri pellegrini: e quando V havere della Compagnia (che ciascuno ha- 
veva di comune) non bastava, si suppliva con la cerca che si facea alle case pro- 
prie dei Confralri ,• che era miracolo a vedere con quanta caritd fosse sommini- 
strato il bisogno ; essendo che i primi della Cittd erano intend e solleciti a tal cu- 
ra: e v' erano apparlatamente sino i luochi per i ferili ,• ma non solamente in que- 
sti Hospitali si governavano gV infermi, ma vi si sostenlavano afcuni mendici im- 
potenti con la fatica a guadagnarsi il vitlo: e di piic quando alcuna honesta fa- 
miylia havesse per poverld patito, c.i era fra Confratri chi havea particolar as- 
sunto di ajutarla e sowenirla con quello che per cib s' and<ua accattando , che 
non mancava mai: e veramente in quel tempi non si conosceva poverld in Forli : 
tanto nel principle pole la concorrenza , che non solamente queste opere pie era- 
no passate in consnetudine , ma in habito tale che liavea fatto natura . In proces- 
so di tempo, che pnssono essere quarantaquattro a quarantacinque anni, con che 
Jine lo sa Iddio e V anime di coloro che tie j'urono causa, fu falla un' unione 



(i) Rato poco dopo I' iocomlnciaredelXVI tecotoj 
poti' iii leggierl raccorre le metnorle della vita c del 

governo di Callcrina Sfor/a, i lie poi con istile clegau- 

ic icrltM im lullco idlomii Vn di civile condtzlond 
ed onoraio in piiriaj perocche ollre gli euere fra i 
eoaelgllerl della Comune! per moltl anni seivi in qua- 
nta di primo cancelliere della medealmat carlca che 
a quel glornl contenera gli ellrl dl rogretarlot no- 

l.uo e CWtOde dell' arrlihio. A lui dclilicsi lo rl- 

iiablllmento della retuila e celebretlfflraa occademla 
del t'ilergiti, Delia quale voile eiiere eblamalo I* 17- 
tnila. Pan eke menmtir al wu ml linire del rl- 
roni.ito mi 1 1 i* endoehe il mo Cotnptndlo delta 
t la fatta In Fori <ia morn. CmWUwiom la del 
uu»c neU'anno 1887. Del reilante rlmanlamo nel de 



siderio di maggiori notizie di quest' unmo, le quali 
forsc avremmo raccolte , so cl fosse stato conccsso 
di gpogllare gli anliivj dl s. Marin in I'iasza c di 

.i. Tommato Aposiolo in s. MercUrlale< 

(2) l'iii saviainenle di oggiglorBO la pensnvano, a 
parermio, que' DOitrl nugglorli peroccbe cssenda 
quegll Infellcl collocell n balia in campagnatnonven- 
gonp rlchlamatl dal Plo Luogo ie non quando eico- 
ni) di (ulela, clot nel vciilfsinin anno, pei eul sorio 
costrelti ad escrcilarc il mesliere di coloro elic gli 
hainio eiluiali, serveudoli il pin delle voile in quall- 
ta di garZ0nl| e COll forte vanno perdull iU('C(.:ni i hi' 
poll rlil, I'm euard dl tnuggloro vanugglo alia loclclu, 
■ di luslru al pacsc. 



109 

de' beni di iutti gli altri Hospitah a quello della Casa di Dio , perche quivi sola- 
mente si riducessero e curassero gV lnfermi, restandovi la cura com' era degli e- 
sposti. E dove prima vi si creava, come s' e detto , in vita dal Conseglio un Prio- 
re, essendo cresciuto il daffare fa oidinaio che vi si depulassero set huomini uno 
d' ogni Confralernita , per moslrar forsi che v' havessero qualche giurisdizione per 
rispetto dei beni uniti, eletti dal Conseglio per un anno: i quali provvedessero di 
ministri e servenli: per la qual mutazione fu quasi per andare ogni cosa in rui- 
na, e peggio che fu per andare in commenda: perche quei sei citladini convenen- 
dosi servire di mercenarij erano il piu delle volte ingannati; e quando incomin- 
ciavano a pig liar modo , & amove a governare finiva V officio : di che accortosi il 
Conseglio ridusse il governo al triennio , che pur giovb assai ma non tanto che 
per ancora si possa equiparare , quando c'utscuno Hospitale facea i fatti suoi da 
se. Compariiscono questi set Citladini fro loro gli Vfficij secondo la disposizione e 
I' attitudine delle persone chi sopra gli lnfermi, chi a spendere, chi alia provvisio- 
ne delle Balie , chi alia cultura dei beni di fuori , chi a custodire /' en t rale , e chi 
a dispensarle: e jinito il lor tempo rendono conlo ai Revisori che gli elegge il 
Conseglio. 

Oltre il casamento dov' e la Chiesa e V Hospitale , non molto capace riducen- 
dosi sotto questo coperlo meglio di sessanta persone fi a grandi e piccoli , senza 
gV lnfermi ,• ha den fro la Cittd una bottega e cinque casette con due horti : sidle 
porte della Cittd due Hoslarie , una fuori di porta Cologni, /' aitra di Schiavo- 
nia (1): e possede otlocentocinquantatre {%) di terra arativa in diversi luoghi del 
Contado , quarantacinque di selva, Iron tuna di prati, e vintuna di vigna con due 
pezzi di canneto (3) ec> 

fXXVI. 

MAGISTERIO . EQVITIS . 10SEPHI . MEREINDAE etc. Per indefesso 

amore ulle ai'li belle riobbiamo avere in onore il rav. fra Giuseppe Merenda nato dai 
conte Fabrizio, e da Maddalena de' conti Saleccbi di Faenza . Attese egli ai prinii 
studi in patiia, fra i quali anche a quelli della pittura sotto la direzione del celebre 
conte Carlo Cignani (4). P;is-.6 dipoi a Bologna ad erudirsi nelle matematiche e nel- 
la architettura civile e mililare; e di ventitre anni venendo associalo alia miliziu ge- 
rosolimilaua col grado di ca\alit're, nella sudetla citta professd i solenni voti nel 
1715. Dopo aver ricevuto con non comune applauso la la urea in quelle facolta . 
si potlo a Roma, ed ivi si slrinse col rinomatissimo barone Filippo de Stosch (5) 
cbe gli fu largo delle sue cognizioni nell' antiquaria massimamenle. Alii 4 di Mag- 
gio del 17'23 parti alia volla di Malta insieme al suo concittadino ft a Valeriano Mo- 
rattini cola cliiamati dal loro gran-maestro Emanuele de FiUiena (6), perche con gli 
altii cavulieri architelti ponesse opera al ristauro e alle nuove i'oititicazioni di queila 



(1) L' osteria fuori rii porta Gotogni fu data in en- la ricordata operetta del n. u. signor conte Sesto Mat- 
fiteusi al cav. Peiruccio Fiorini per 1' annuo canone teucci a pag. 146. 

di Sc. 41, c passo in seguito agli eredi del conte Bo- (4) Ghini (p. lettore) Pier Maria, Lettera, in 
menico Matteucci. Queila fuori di poria Schiavonia versi sopra un Cameo in Agata rappresentunie 
appartienc tult' ora all' Ospedale; ed anzi del 1841 Omero etc. Pcsaro, nella Gavelliana 1760, nota 7. 
venne rifabbricata col disegno dell'architelto signor (5) La biografla di questo celebre uomo pu6 leg- 
Giuseppe Cantoni, mcdiante la spesa di Sc. 2933.96. 4 gersi nel citato Dizionario Mografico vol. LV. pag. 
come risulta dai libri di quel Pio Luogo. 175. 

(2) Tornature, forse, manca nell' originate. (6) Corbici Slefano, Cronaca ci*. all'auno icdi- 

(3) Quanto abbia oggidi di rendita, lo dimostra cato. 



MO 

iiola, minacciata da I sultano Achmet III, che aveva radunato un poderoso esercito, e 
dava molto sospelto ai principi eristiaui. Cessali que" timori e libero delle occupazio- 
ni impostegli dulla sua religione, amo di rivedere gli amici piimieramente a Roma, 
poscia in patria i congiuuti, ove diedesi a raccorre quadri, disegni a penna, a nia- 
tila e ad acquarello di classici arlisti (1), coi quali ordino la galeria che in parte an- 
che oggidi amniiiiamo in casa de' conti Merenda. A lui fu commesso il disegno di 
questo pio luogo. Si ebbero da lui pure la cliiesa de* Trinitari volgarmenle Raval- 
dino, quella del Suffragio, quella di s. Jacopo de 1 PP. Predicatori, la cappella di s. 
Pellegrino in quella de' Servi, ed allre diverse fabbriche, che tulf ora sorgono mae- 
stoso iu questa cilia. Dopo lanle faliche per la patria, per la famiglia e per la reli- 
gione cesso di vivere in un suo luogo di piacere P anno 1767. 

CLXYIII. 
EVPHEMIAE . MARCHESIAE etc. La conlessa Eufemia Marchesi nata Pan- 
no 1*733 dal ball Giorgio Viviano e da Francesca Denli, ando sposa al conte Filip- 
po Corbizzi, del quale rimasta vedova senza prole, pote disporre nelle ultime sue 
•\olonta dei capilali che le appnrtenevano. Ordind perlanto che si fondasse una spe- 
zieria a soccorso gratuito e perpctuo di tulti i poveri della cilia;, e perche fosse sctu- 
polosamenle eseguito quanlo avea divisato, chiamd a suo erede (iduciario il doltoie 
Domenico Savorelli, uomo benemerito della patria, come dissi (1), e per alti di u- 
manila speltatissimo. Questa pia e caritalevole donna inori li 21 Ollobre 1767. Niu- 
na memoria di lei sarebbe rimasta ai posleri, se quegli al quale venue affldata la e- 
redita non si fosse dato la pia cura di ordinarle questo luouunieulo uclla iabbrica ap- 
pdsitaniente costruita per la spezieria, 

CLXXV. 
BERNARDINO . SPADAE etc. Fecero di lui menzione lo storico Bonoli (3), 
■tlfnnso Ciacconi (4), Paolo Masini (5) ed altri che per brevila tralascio. Nacque lo 
Spada a Brisighella in Valle di Lnmone da Paolo Spada tesoriere della Flaminla e 
■lei Piccno, e da Daria de 1 conti Albicini ili Forli. Poco dopo lerminali i primi stu- 
dj ando a Roma ad appreodervi il diritlo civile e rannnico. Da Paolo V. (Borghesi) 
venne ammesso fra i Ghierici di Camera, e dopo essere stato consacrato vescovo di 
Damiata, fu inviato nunzio apostolico a Lodovico XIII. re di Francia, nel quale uf- 
fizio sopi con molta deslrezza ed cccorgimento alcune vertenze Insorle fra quella cor- 
te e la s. Sede (6). Urbano V11I. (Barbciini). col quale egli era slrelto in amicizia, 
lo aggrego al collegio de' cardinal! il 19 del 1020, c lo uomino poi nel successivo 
..nno legato di Bologna: nel qual tempo i forlivesi lo scelsero a loro proteggilore, co- 
me si ha da questa epigrafe, rinvenuta li 1 Novcmbre del 1843 mentre stavasi ri- 
j.irando II ponte dello di Schiavonia sul fiume Monlone, danneggiato dalla memora- 
bile alluvione delli 14 Settembre delP antecedente anno. D' ordine del ricordato pon- 
tefioe lo Spada eomincid la costruzione del Forte Urbano nei coufini fra lo stato no- 
itro 6 quello di Modena, e pose la prima pietra tie' fondamenti con varie medaglie 
nel baluardo s. Maria. Riconfermato del 1030 Delia legazione di Bologna, adoperossi 

i, Isttrrn <-ri|ir.-iiiiriien/ionata del p. lettore P, 9f. (fi) Wo/or/nn Vcrluitrala — llolngna, Ercdo Dcnar- 

GMni .iiii Dota n. el 1069. pan. II. peg. 238, 239. 

(2, A peg. fli> c M DOtl .1 (6) Chi fosse in deilderlo <li conosccro quelle vor 

., Storis <ii ForU <M. peg. 88S iciuc, Iokrb la Storta d* Italia eontintiata da quel 

(4) Vttai rl ret ffUtat PottHfieUtH Homanorum la drl (•uir.riardioi Kino al 1*JH» da Carlo Motto — 

It. E. Cardmalium. Bomae 1677. vol. IV. co- Capo l.ago, Tlpograliu Klvclica vol. VI. pag. 18, 10, 

I jo. {41. i-dij. iu-!0. 



ill 

moitissimo uell' abbeilimenio di quella citta. Ebbe dappoi la uomiua di vescovo d» 
Paiestiina (Praeneste): e nieutre si riposava dalle molte sosleuute fatiche fu colpito da 
morte il giorno 10 lHovembre 1661. Bernardino Albicini suo primo cugino:, gia ri- 
cordato alia pag. 71 5 gli dedicava la Ala the scrisse del b. Pellegrino Latiosi. 

CLXXVI 

OB . SA.CRAM . PURPURAM . FABRITIO . PATJLUTIO . . . DIGNE 

COLL AT AM etc. Anche di queslo porporato tenni parola alia pag. 15 del presenie 
Raccolta . 

CLXXVIL 

OB . SACRAM . PURPURAM . IIJLIO . PIAZZA DIGISE . COLLV- 

TAM etc. Contemporaneo ed afline al ricorduto cardinals Fabrizio fu Giulio de'con- 
ti Piazza, che da Francesco dollor di leggi, e da Franceses Savorelli ebbe vita li i?> 
Marzo 1663. Dando nella infanzia non dubbie prove di molto ingegno, lo zio pater- 
no mons. Camillo vescovo di Dragonia (1) ed assessore del s. Ulfizio lo cbiese a'suoi, 
ed in Roma sotto la sua direzione lo fece evudire nelle scienze sacre e profane, av- 
viandolo alia carriera ecclesiastica. Compiuli gli studj,ed ammesso fra i prelati dome- 
stici, passo successivamente al governo di alcune citla dello stalo: nel quale ufticio si 
mostr6 idoneo a trattare affari di maggior rilevanza. Pertanlo Innocenzo XII. (Pigna- 
telli) lo maodd internunzio a Brusselles, inearico die sosleune con molta prudenza e 
memorabile splendidezza. In mercede pero dei solTeiti dispendj allro 11011 ebbe rlie un 
chiericato di Camera:, ma furono poscia riconosciuli i meriti di lui , perche consucra- 
to vescovo di Rodi venne inviato nunzio a Lucerna:, indi ai principi del Reno, per- 
mutandogli il titolo in arcivescovo di Nazaret; e dopo in Polonia: nei quali ministe- 
rj procede con tanlo accorgimento cbe riscosse la generale approvazione, e si procac- 
cio la benevolenza e la stima di colore che con lui ebbero a tratlare. Per queste sue 
rare prerogative nel 1709 gli venne alndala la nunziatura di Vienna presso I' inipe- 
rator Giuseppe, cbe lo leune in molta stima ed amore, e alia morle del quale si trovd 
presente. Fu dopo provveduto del vescovado di Faenza, e li 18 Maggio 171"2 da 
Clemente XL (Albani delP Urbinale) promosso cardinale del titolo di s. Lorenzo in 
Panisperna (1) e rimunerato con la Legazione di Ferrara. ove lasci6 non dubbie 



(1) Quegli che nell'Ottobrc del 1673 fe por mano 
alia costruzione del grandioso palazzo non terminato, 
anzi oggidi in deperimento, che si scorge nella piaz- 
za del Dnomo — Veggasi Marchesi Sigismondo, 
Svppl. stor. cit. pag. 812. 

(2) La fondazione di questa chiesa si deve; come 
TOgliono il Martinelli, Roma ricercata, e il Vasi 
Giuseppe, Magnificenze di Roma anlica e tnoder- 
na, lib. otlavo pag. XXX j ad un tale Perpenna o 
Perperna Qvadraziano, che visse nei primi secoli 
delta Chiesa. Cnrrottamente venne in seguilo chiama- 
ta in Panisperna o Pancperna, che italianamente 
suonerebbe in pane e prosciutto. — Nella occasione poi 
di quella promozione, il prele d. Lorenzo Amador i 
fece incidere il conio delta medaglia della quale nc do 
<Jopia. Cid si deduce da quanto leggesincll' orlo, cioe 

— PRESBYTER LAVRENT1VS AMADOR1VS I>. D. D. — Rap- 

presenla da un lato le elTigie dei cardinali Fabrizio 
Paulucci e Giulio Piazza di lui cugino, con a torno 

— FABRIT1.9 CARD. PAVLVTIVS SECRET. STATVS ET JV- 
LIVS PIAZZA NVNTIVS AP. V1EN. FOROLIVIENSES — e 

nel rovescio la piazza di Forll con la colonna iu mez- 



zo, nella sommila della quale vedesi la slatua della 
principal Prolettrice. Due puttini sostcngono in una 
delle mani una corona di stclle ed una ghirlanda di 
gigli e rose, e con V altra i cappelli dei due eminenlis - 
simi. Attorno vi si legge il verselto della Cantica 

— CIRCVMDADANT EAM FLORES ROSARVM ET LILIA CONVA- 
LIVM & IN CAPITE EJVS CORONAM STELLARVM MDCCX1I — 

Sotlo il basamento della colonna, e fra gli stemma 
delle famiglie Piazza e Paulucci, evvi inciso — n*c 

EST IMAGO B. M. V. AB ICNE. PROTECTRIX ET PATRON! 

forolivii — poi le ire iniziali c. W. v. denolanti il 
nome, cognome e palria dell' arielice, che probabil- 
mente deve cssere stato uno di (juoplt oltraraontani 
che lavoravano a Bologna sul principiare dello scorso 
secolo. Nelle Notizie per6 iegli Incisori di Gio. 
■Gori Gandcllini proseguHe dall' ab. J)e Anyelis 
non ne rinvenni traccia alcuna. La medaglia della 
quale si e tolio il fac-simile e presso il sig. Luigi Be- 
nedelti di Salvatore che gentilmente me la lavori : es- 
sa e di piombo e molto ben conservata. Altra simite 
pure di piombo ma alquanto corrosa , fu trovata non 
ha guari nell' agro forlivese, e venne acqutstata da! 



112 

prove della sua giuslizia, bonta e grandezza d' animo. Mentre cola era preside Don 
dimenticd la sua chiesa: anzi ordind che a proprie spese si aumentasse ed abbellisse la re- 
sidenza dei vescovi (1)} si rislaurasse la Catledrale, e si accrescesse di nuove fabbri- 
che il Seminario: che, merce sua poi divenne uno de' pi u fioriti e cospicui d' Italia, 
sia per la scella de' professori, che per la concorrenza delta giovenlu sludiosa (2). 
Anche iu Forli fece costruire la seconda ringhiera del puhblico palazzo (3), ove do- 
po fu iucisa P epigrafe qui riporlala. Giunto il terniiue della sua legazione venue di 
nuovo a Faenza, e raduno il Sinodo diocesano ponendo cura a] bene spirituale dei 
suoi soggelli, a sollevare indigenti e ad a 1 1 re opere di piela. E perche apparteneva 
alle congregazioni de' Vescovi e Regolari, delle Immunita ecclesiastiche, della Propa- 
ganda e ad altre, non mancava di tratlo in tratlo di recarsi alia capilale ove inter- 
venne anche a diversi concistori, e ai conolavi degli anni 1721 e 1724. In quest"' ul- 
timo furono tanti i voti cb' egli ebbe, niassimamenle dai caidinali fiancesi e spagnuo- 
li, c!i'- prupendeva per lui la scelta, quundu a uu Iratlo fu inn.ilzalo al supremo seggio 
T Orsini (4) che prese il nome di Benedetto XIII. Per questo a-, \enimento se ne lor- 
no accorato alia sua chiesa di Faenza, ove poi manc6 di vila alii 23 Aprile 1726. e 
il suo corpo onorevolnienle fu 'leposto in quel la Cuit<"!iale (5). 




jig. Angelo Maniiui. Dopo queslc non mi fu daio d( 
vcderne cbe un' altra in bronzo, ma falsa e mulatnen- 
le fusa, presso il u. u. sig. Saute Rcggiani. 

(1) Zucvoli Gregorio, Cronictie di Faenza m. s. 
in fine — Kel muro dello scallone di quel palazzo legge- 
si anche oggidi quesia epigrafe — D. 0. M. JULIUS 
PIAZZA S. R. E. l'RESB. CARD. — FOROL. EPISCOPliS 
FAVENT1NUS — QUl'M ADHUC FERRARIENSl LEGATIOKE 
FUNGERETOR — DE 0RNANDA AMPLIFICANDAQUE EPISCO- 
PALI DOMO S0LIC1TUS — ALTERA AEDII'M REGIONE SC- 
BLIMIUS EDUCTA — NOVA ATRII SCALARUMQUE ACCES- 
SIONS — TOTOQUE AEDIFICIO ELEGANT1US INSTAURA- 
TO — PUBLICO URRIS MTORI — AMPL10RIQUE FAMI- 
I.IAE fiOMMODlTATI PR0SPEX1T — ANNO SALUTIS MDCCXVII- 

(2) Prose e rime degli Accademici Filoponi in 
mnrle del cardinale Giulio Piazza vescovo di Fa- 
enza. Faenza, Gioseffantonio Archi 1727, nella Ora- 
zion funebre di Vincenzo Maria Gabellotti. 

(3) Corbici Stefano, Cronaca cit. all' anno 1725 



(4) Veggasi su questo rapporto Botta Carlo, Storii 
a" Italia proseguita ecc. ediz. cit. lib. 38 anno 1720 al 

1731 pag. 314 — Sembra poi non vera la notizia che si 
sparse allora, e che luttavia corre per le bocche del vol- 
go, cioe ch'egli avesse 1' esclusiva dalla Casa d' Austria. 
11 Corbici cosi lascio scritto nella sua Cronaca ( anno 

1732 adi 27 Aprile )—Aveva di gid la Cesarea Maestd 
di Carlo Imperalore regnante per consolare la Casa 
Piazza di questa cittd afflitla non tanto per la mor- 
te della b. m. del sig. conte Lodovico, quanto per 
quella dell' Emo Sig. Card. Giulio, al quale ave~ 
va sempre sua Maestd dimostrato una particolare 
slima ed affelto, ehiamati al suo servizio in qua- 
li:d di Paggi d' onore li Signori Conti Andrea e 
Nicola figli del preloda'.o Sig. Conte Lodovico tec. 

(5) Guernacci Marius , Vitae el Res gestae Pon- 
lificum Romanorum el S. R. E. Cardinalium, Ro- 
rnae, Bernabd et Lazzarioi 1751, vol. II. colon. 17$ 
alia 178. 



115 

__ CLXXIX. 

TPR IMOCENTII PP. ET OCTOKIS IMPERATORIS etc. Innocenzo 

III. nato in Aguani da Trasirnondo conte di Segni, era detto prima di esser papa il 
cardinal Lotario. Aveva soltanto trentatre anni quando li 8 Gennajo 1198 ad una- 
nimita di voti fu crealo pontefice, in riguardo all' ingegno e alle virtu sue, malgra- 
do della resistenza che oppose persino con le Iagrime e colle meno equivoche querele, 
siccome asseriscono Gulielmo Burio, il Bercastel ed il Fleuiy nelle rispettive loro 
opere. Mori ai 16 Luglio del 1216. 

Ottone IIII. poi, terzo-genito del duca Enrico di Baviera detto il Lione e di 
Matilde figlia di Enrico II. re d' Inghilterra, nacque verso il 1175, e da porzione de- 
gli Elettori di Germania venne salutato iraperatore 1' anno 1197, ed incoronato dal 
pontefice mentovato dopo di averlo fatto giurare di sostenere i diritti della s. Sede, 
ristabilendo il patrimonio di s. Pietro, del quale faceva parte la donazione della con- 
tessa Matilde a Gregorio YII : il qual patto non fu osservato da Ottone, per cui 
quegli lo scomunico , e fece deliberazione d' innalzare all' impero il giovine Fede- 
rico II. Vinto poi Ottone da Filippo re di Francia nella famosa giovnala delli 27 Lu- 
glio 1214 al ponte Bovino in Fiandra, patirono per cio tal crollo i suoi interessi, 
che ritiratosi nel ducato di Brunswik, ai 15 di Maggio del 1218 mori di dolore nel 
castello di Hartzburg. E sebbene il nostro storico Paolo Bonoli nel riportare questa 
Iscrizione (1), slando con Pietro Messia, pretenda che nel ridelto anno 1214 fosse Ot- 
tone deposto dall' impero e trasportate di consenso del Papa le insegne imperiali 
in Federico II; Ludovico Antonio Muratori co' suoi Annali d' Italia ci fa sapere 
che , Jintanto che visse Ottone mai non si voile in Roma far V ultimo passo di con- 
cedere a Federico la corona imperiale; ed il Burio su citato dice essere slato questi 
incoronato da Onorio III. 1' anno 1220 (2). 

in 

DUS GVARINUS SCOVITALE etc. Da un docuraento che si conserva 

nelP archivio capilolare di Parma si ricava: che fu Guarino figlio di Anselmo de' San- 
vitali, e di una Imelda*, che si diletto molto di leltere, amd sonimameute i lettera- 
ti, e riusci prode guerriero. Prese in moglie la sorella di Sinibaldo Fieschi canoni- 
co della cattedrale di Parma, poi sommo pontefice col nome d' Innocenzo IV} dalla 
quale ebbe sei figli maschi. Combatte in favore dei conti di Lavagna (i Fieschi), e 
nella guerra mossa dai bolognesi ed altri popoli di Romagna 1' anno 1229 contro quel- 
li di Modena, per vendicare lo scorno che riportato aveano 1' anno avanti sotto il ca- 
stello di Bazzano, dove furono sconfitti precipuamente pel coraggio de' parmegiani: 
i quali correndo di nuovo in soccorso de' loro alleati, perche i bolognesi avevano po- 
sto 1' assedio al castello di s. Cesario, ed erano in procinto di rendersi padroni del 
loro Caroccio, soccorsi all' improvviso da quelli di Cremona, posero in piena rotta 
le schiere bolognesi, e quel trionfo costo la vita anche a Guarino Sanvitali (3). 

II Bonoli riportando questa epigrafe nelle ricordate sue Storie (4) lo chiama 
Guarinus Scovicale; ma il dottissimo Morgagni essendo per suo diporto in patria l'anno 



(1) Storie di Forlt, pag. 65. (3) Tengo obbligo di queste notizieal molto illu- 

(2) Honorius Tertius anno 1220 Romae corona- stre e rev. sig. dottore d. Domenico Bolzoni di Par- 
vit Fridericum Secundum; qui dein male contra ma, gia professore di Belle Lettere in questo Semi- 
Eccletiam se gerens , Imperio privatus est ab In- nario vescovile. 

nocentio Quarto in Concilio Lugdownti. (4) Storie cit. pag. 65. 
15 



114 

17i2, e venutagli ngli occhi la lapide istessa, che per 1' allezza e per la forma del 
carattere gotico molto stretto non pote ben discernere, ne fece trarre il calco col ges- 
so, e lesse GUARIN'VS SCOV1TALE (1). II suo discepolo dottore Domenico Sa- 
Yorelli, altre •volte menzionato, la riprodusse corretta in un libretto intitolato Prose 
e Rime Pastorali (2), in occasione delle nozze del Marchese Giuseppe Albicini con 
la Contessa Donna Pavola Sanvitali. 

CLXXX. 
FRANCISCO . PAVLVTIO etc. Venne alia luce Francesco Paulucci li 24 Ago- 
sto 1581, ed i suoi genitori Giovanni e Bernardina Masserj furono solleciti di man- 
darlo a Roma presso lo zio paterno monsignor Fabrizio, vescovo poi di Citta della 
Pieve, che lo pose ad apprendere in quel collegio, raccomandandolo alia amicizia del 
cardinal Baronio acciocche lo erudisse nelle sacre scienze. Dedicatosi in appresso alia 
giurisprudenza, dopo averne riportata la laurea si occup6 nel patrocinio delle cause 
forensi con molta lode e lucro. Urbano VIII nel 1626 lo annovero fra i prelati do- 
mestici e i referendarj dell' una e dell 1 altra Segnalura. Lo elesse poscia segretario del 
Concilio, esaminatore de' Vescovi, e vicario del s. Ufficio. Per odio portatogli da al- 
cuni malevoli non giunse che tardi a conseguire il premio delle sue lunghe fatiche. 
perocche non fu creato cardinal prele di s Giovanni avanti porta Latina che alii 9 
Aprile 1657 dal pontefice Alessandro VII (Chigi), che lo nomino anche prefetto del- 
la congregazione del Concilio, della quale per sei lustri con somma lode, prudenza 
e dottrina era stato segretario. Ma 1' avanzata sua eta non gli permise di godere piu 
oltre di quattro anni il premio giustamente conseguito, avendo terminato di vivere li 
9 Luglio 1661. Ebbe sepoltura sotto la cupola di s. Maria in Vallicella (3). 

CLXXXII. 
10 . BAPT . MORGAGNO etc Se gli uomini sapienti sono di lustro alia pa- 
tiia in che nacquero, ben a ragione puo gloriarsi Forli di aver prodotto nel secolo 
decorso Giovambattisla Morgagni, nome assai noto non solo all' Italia, ma all 1 Europa 
intera. Nacque egli a' 15 di Febbrajo (o non ai 25 siccome alcuno ha riferilo) del 
16S2 da Fabrizio Morgagni e da Maria Tornielli, onesti cittadini. Contava poco piu. 
di selle anni quando manc6 di genitore: quindi 1' amorosa e pia madre si prese ogni 
diligente pensiero per la educazione del figliuoletto, ed avviollo alle scuole de 1 PP. 
Gesuili raccomandandoglielo caldamente. Da due pericoli furono niinacciati i primordj 
di sua vita: da una febbre, cioe, molto gagliarda, e dalla caduta nel canale che at- 
traversa la citta (/ij; ma per felice avvenlura passaudo in quell 1 istante un povero uo- 
mo. awertito dal tonfo si preripi(6 nell 1 acqua, e lo salvo da morte certa: pel quale 
beoeficio il Morgagni sempre memore, lo sollevo nell' indigenza, e ne pianse la mor- 
le. Dopo aver (alio rapidi progressi nelle belle letlere, e nelle lingue greca e latina, 
di qualtordici anni fu ascritto alia patria accademia de 1 Filergiti, e vi recil6 elegante 
poetica composizione, che riscosse i generali applausi. Quindi desideroso d' islruirsi 
Dell' arte medica, due anni appresso si porto alia Universita di Bologna, ove slrinse 



r*edl r Epiitola IX. pot,'. 58 colon, i. dcllo Giorgio Vivtano Marchtii nelle Vitat Vimrnm ere. 

/Emiliaru. e nelle parte II. pag. hi delle Mtmorit dt' FiUrgiti, 

rii, Antonio Barblanl nio. alin quale Aceadeinla I'lllmtre delunto iipiiartcncva. 
Fanno iii lul menzlone il card. Sforzn PaU {i) Avveone quelle diigrotla Delia porzlooe di va- 

'■■i n> ii. i iui Sturia '/<•/ Concilio <ii Trtntoi nali! icoperlo, allora lenza riparo, detlo oomunemen- 

1 " • I" nell' opera dt ControviriUt vol. tc del Onocchlj perche poiia dictro c soito il palaz 

II ' lOCCOni Dalla Vitat ecc. Cil. e il ball zo di quclla an I it n faiuiglia. 



115 

arnicizia co' pi u dislinti discepoli del Malpighi. Ma avvedutosi che senza 1' anatomia nou 
potevano efleltuarsi le vasle sue idee, con tutlo 1' animo si diede a frequenlare le le- 
zioni del celebre Valsalva, il quale ammirando la prontezza e le molte cognizioni del 
giovinelto gli divento ad un tempo prerettore ed amico. II suo ardore per tale 
studio lo pose preslo in grado nou solo di essere di ajulo a quel professore nella sua 
opera suU'organo dell'udito, ma altresl di farne le veci in sua assenza, per cui di am i i 
dieiasselte \eniva ainmesso all accademia dell' Istituto delle Scienze, della quale elet- 
to in appresso principe, dava alia medesima leggi fondanientuli (1). Fornito dalla na- 
tura di sorprendente memoria, ed indefesso nello studio e nella falica, nou frascuro 
le scienze naturali, la fisica, la chimica, 1' astronomia e V antiquarian ma di tali scienze 
quella per cui maggiormente sentivasi inclinato era l' anatomia, sicclie di venliquallro 
anni pubblico una dissertazione col titolo di Adversaria anatomica prima. Dopo cbe 
ebbe passati alcuni anni a Bologna, -voile visitare V universila di Padova, e si reed 
anche a Venezia, nelle quali citta strinse amicizia con gli uomini piu ragguardevoli 
di que' giorni, e specialmenle cui Guglielmini, col Poleni, col Zanichelli e col Lan- 
cisi. In Padova fece numerose esperienze di fisica e di anatomia comparata, per le quali 
si guadagno gli applausi e la stima di tutti que' professori . Ricco di tanle cognizio- 
ni, gli piacque di ritornare in patria ove esercilo la medicina per tre anni; ma 1' in- 
clinazione che aveva ad erudire gli altri, e la nomina venutagli dal Senato veneto li 
8 Oltobre 1711 di professore alia seconda cattedra di medicina teorico-pratica nella 
Universita di Padova lo fecero di bel nuovo abbandonare Forli, non senza general 
dispiacere de 1 suoi concittadini. Nel 171*2 si uni in matrimonio a Paola Verzeri gen- 
tildonna forlivese adorna di molte virtu, che lo rese padre di numerosa prole (2), 
e con la quale sempre visse in dolcissima unione. Ad islanza degli amici nel 1717 
diede alle stampe la seconda e terza parte delle sue Memorie anatomiche, contro le 
quali si scagliarono Bianchi e Manget:, ma ad onta delle loro dicerie i piii grandi ine- 
dici ed auatomici di quel tempo gP indirizzarono encomj, fra i quali piacemi ricorda- 
re Hoffman, Ruysch, Boerave, Heister, Mead, Mekel, Senac, ecc. II nome del Morgagni 
intanto incominciava a salire in molta fama: quindi i suoi amici e la maggior parte dei 
ciltadini instarono perche fosse ammesso alia nobilta;, ed il Municipio li 17 Agosto 
17*28 gli diede un luogo di consiglio (3), cbe e quanto a dire fu acrellato nella pri- 
ma casta , colP obbligo pero di risedere in patria, insegnarvi ed esercitare la medicina; 
ma egli poco amante di titoli, ringrazio chi gli avea procuralo tanto onore, e la Re- 
pubblica veneta che temeva della sua partenza, ottenne da Benedetto XIII un rescrit- 
to, che per cinque anni lo esentava da tale obbligo, quale rescrilto fu confermalo do- 
po la morte di Benedetto dai cardinali capi-d' ordine, poi dal novello Pontefice Clemen- 
te XII. Soltanto adunque il giorno 2 Luglio 1730 con decreto di monsignor Do- 
menico Barri fermano, govematore allora di Forli, venne ascrilto all' albo de' Consi- 
glieri^ ma il magistrato rilenendo un tale atto arbitrario, protesto, ed emise in corpo 

(1) Zanotti d. Lorenzo, Canzone phidarica, nel- ciulli. Fabrizio suo primogeuito, fornito di molto in- 
la raccolta di Poesie di varj L'omini illustri ecc ., gegno c memoria, condusse in moglie la nobil don- 
lode della signora Maria Morgngni nobilc forlive- na sig. Maria Serughi di questa citta. Agoslino, se- 
se nel vestirsi da essa I' abito nell' insigne Mona- condogenito, entro nella compagnia di Gcsu, e riusci 
stero di s. Domenico in sua patria coi nomi di suor facondo oralore. Le otto femmine superstiti, consa- 
Maria Luigia V anno 1733 — Faenza Arcbi, pag. 15. craronsi al chiostro, vestcndo 1' abito di diversi reli- 
nota (b). giosi islituti. 

(2) Ebbe quindici figli, tre maschi e dodici fem- (3) Corbici Stefano, Cronica cit. all' anno sud- 
miae. Un mascbio e quattro femmine morirono fan- delto. 



la sua rinuncia. Dal quale contegno s" inferisce che que" rappresenlanti non curavano 
Killustre concittadino (perche ualo da sangue non purissimo) e l'onore che recava alia 
patriae rua soltanto 1' autorila di cui credevansi iuvcslili. Won ando guari che dalla Re- 
pubblica di Venezia venne a lui aflidala la prima cattedra dell' uuiversila di Pa- 
do va. cioe quella di anatomia. Alle sue leziuni accorreva straordinario niimero di u- 
dilori di ogni classe e sesso. Nell' anno 1761 pubblic6 la sua opera delle Sedi e Cau- 
se delle malattie anatomicamente investigate, opera ammirata da 11' Euro pa intera, e 
che gli acquislo il titolo di grande. Fu allora che Forli di lanf uomo fastosa voile 
si ponesse questo mouumenlo. Con risoluzione consigliare adunque del giorno 30 
Maggio 1763 deliberossi a pieni voti, che non solo il suo buslo con epigrafe fosse 
collocato nella sala grande del Palazzo del Pubblico, ma pur anclie venisse incisa una 
niedaglia: e hen meritarouo della patria que' saggi, onorando in tal guisa colui, che 
non mauco mai de' suoi consigli ne' tristi evenli di mala Hie epidemiche, e a cui fu scm- 
pre caru oUremodo il luogo di sua nascita. 11 re di Francia Luigi XV io fece ascri- 
vere all' Accademia di Parigi (1). La Societd lieale di Londra, V Accademia dei Cu- 
riosi di Pielroburgo, quella di Berlino e di altri luoghi gareggiarono di averlo a lo- 
ro socio - , e gli studenti alemanni di filosofia , teologia e mcdiciua in Padova lo chia- 
marono loro protettore. Cinque volte fu eletlo presidente del Ginnasio di Vene/.ia, 
la quale carica non durabile piu di tie anni, fu nondimeno da lui tenuta una volta 
fino a sette. Non solamenle dolto ma anche gentile accoglieva gl' italiani e gli stra- 
nieri con la piu grande affahilila. Clemente XI lo ebbe in tanta slima, che deter- 
jnino i conservator! di Roma a porlo nell' ordine de' patrizj con tutti i suoi discen- 
denti. Ke in minore stima lo tennero Carlo Ruzzini, Luigi Pisani, Pietro Grimani, 
Francesco Loredano, Mario Foscarini e Luigi Mocenigo, i quali tutti occuparono il 
supremo carico della veneta Repubhlica - , e Clemente XII} e V imperatore Carlo \I, che 
lo fece consultare sopra un certo puuto di medicina per mezzo di lettere dal suo ar- 
chiatro Garrelius, e che altra volta, essendo accampate le sue truppe nella Emilia, 
ordino a 1 comandanti che niuna molestia fosse recata alia casa e famiglia Morgagni. 
Anche Carlo Emanuele III re di Sardegno passando per Fori) rnentre il Morgagni vi 
dimorava in vacanza voile vederlo, ed ebbe seco un colloquio di varie ore. L' im- 
peralore Giuseppe 11 allorquando si porlo a visilare V Uuiversila di Padova, giunse 
a dirgli che = il nome del Morgagni era fregiato di mayyiur gloria del propria 
SUO nome (V) =: ed il Pontelice Benedetto XIV. che nella sua celebre opera della 
canonizzazione de* Sand si appoggio all' autorila delle di lui osservazioni anatomiche, 
gli tributd somme lodi. Quesli parlando un giomo sul Morgagni domando, se le antiche 
differenze col magislrato circa la nobilta fossero state rimosse: al che essendogli risposlo 
tivamente, gli use) di bocca uno di <imj" sol i t i suoi sali, ed opero che quella biasime- 
vole qaestione avesse lermine (.'5). Spese il Morgagni la vita in pro d 1 alirui, e mai non 
ilini' niii i'i esserr debitote a DU) di molte grazie per averijli lasciato prqfessare quell 
:i che piii agli uomini giova , e che meglio di tulle le alt re conduce alia cognizione 
di Dio stesso. Era dotato di robusta complesstone, grande di statura, ili volto lie to e 
ridente, biondo di cepelli. di occbi azzurri: non cessd di dare lezioni e Btudiare lino 
Itio i giomi. Mori in Padova li 6 Dicembre 1771 nella eta di anni 89, 

/ ■ '. ./ lorinzn, CttMOtU piwlurirn ell. \il onl.i <li Cl6, il I'll' In di Nohilc lion fu 

ip. 1. 1 i , foitltulto a quello dl Cittadlno nella epigrafe mrrl 

Battitta, i tiooU Mia lettera- portals , ( i»' nil Qnlra del pontificate Hi Clemente xin , 
ifi Italian i Brew la> Betionl 1819. rot. i\. peg. iM. il ojuala onore con leiicru grotideoiaate it Murgagni. 



117 

mesi 9 e giorni 21. Ebbe gli onori di una decenle pompa funebre, accompagnata dal 
pianto di tutti que' ciltadini e discepoli. Scrissero di lui mons. Angelo Fabroni(l), 
Simone Andrea Tissot (2), Giuseppe Mosca (3), Giorgio Viviano Marchesi (4) e 
1' altro cav. Giorgio Marchesi (5), Ottaviano Pelrignani (6), Rainaud(l), il ricor- 
dato Gio. Baltista Corniani, Pietro Magesi (8), il dott. Dario Barbacciani Fede- 
li (9), ed ullimamente V egregio dott. Decio Valenlini (10) forlivese. 

CLXXXIII. 

MARIO S. R. E. PRESBYT. CARD. THEODOLI etc. Gli antenati, e Tav0 
suo, come si e veduto, furono da Forli (11). Entro per tempo in prelatura, e cuo- 
pri successivamente diverse caricbe, fino a che Urbano VIII, che 1* ebbe in amore, 
lo creo cardinale del titolo di s. Alessio nel Monle Aventiuo il di 13 Luglio 1643. 
Fu ben veduto anche dal re di Francia Lodovico XIII - , ma ne lo privd di sua gra- 
zia alioracche venne esallato alia sedia pontiBcale il card. Pamphilii (12), che assunse 
il nome d' Innocenzo X. Era questi amico intrinseco del Teodoli, onde lo cre6 ve- 
scovo d' Imola: se non che 1' aria soltile del luogo mal confacendosi al gracile suo 
temperamento, fu costretto alia rinuncia di quella Chiesa per ritornare a Roma-, ove 
consunto da lenta tisi, nella fresca eta di 39 anni cesso di vivere ai 27 Luglio 1650 
settimo del suo cardinalalo. II Guemacci nelP opera altrove citala ne parla distesa- 
mente, e cosi Giorgio Viv. Marchesi nelle sue Vita etc. 

CLXXXV. 

HONORI . ET . VIRTVTI . ROMUALDI . BRASCHI etc Anche questa e- 
pigral'e, scorrettamente incisa, usci dalla penna del celebre Stefano Morcelli, e leggesi 
nel vol. IV della cilala sua opera a pag. 54 N.° CXXV delle honorarie. 

CLXXXVI. 

D. O. 31. AC DEIPAR.E VIRGIINI....TRIV3IPHALI RITV TRANSLATE etc. 
Fu innalzata questa colonna nell' occasione che 1' immagine della B. V.delFuoco venne tra- 
sportata dull' altare di s. Bartolomeo alia nuova cappella fulta costruire, come dissi (13), 
dalla piela dei devoti e del Comune. Delle feste che allora ebbero luogo, lasci6 de- 
scrizione per le stampe il segretario comunale Giuliano Bezzi, allre volte citato. 

CLXXXVII. 

1 . 4 . 6 . 8 . . M . . 3 . L . AS . OCT. etc. Se bizzarro era il modo adoperato spe- 
cialmente da notaj nel numerare i giorni dei mesi dopo il secolo XI sino al XV (14), 



(1) Vitae Italorum doctrina excellentium — Flo- 
reniiae 1766-75, Decas. II. 

(2) BiograGa premessa all' opera de Sedibus et 
Causis Morborum, dallo stesso Tissot fatta impri- 
mere a Yverdun nel 1779. 

(3) Napoli 1 768. 

(4) Vitae virorum etc. pag. 203-4. 

(5) / Lustri Forlivesi, pag. 175-76. 

(6) Saggi dei letterarj eserci:j dei Filergiti , lib. 
II. pag. 647, anno 1714. 

7 Nel Dizionario Biografico cit. vol. XXXIX. 
pag. 228-31. 

(8) Biografia premessa alia sua traduzione delle 
Sedi e Cause delle Malattie etc. Milano 1823-25. 

(9) Elogio di Gio. Baltista Morgagni, recitato 
per V aperlura degli sludi nel Ginnasio di Forl't — 
Faenza, Conti 1828. 

(.10) E la prima delle Biografie e Mtratti di XXIV 
Vomini illustri romagnuoli, pulblicate per cura del 



conte Antonio Hercolani — Forli, Casali 1334. 

(11) Illustrazione alia epigrafe XC pag. 64. 

(12) Botla Carlo, Storia citala vol. 7. pag. 308. 

(13) Alia pag. 16, illustrazione X. 

(14) Ecco quanto riferisce su queslo proposito I' ab- 
bate d. Gio. Grisostomo Trombelli nella sua ope- 
retta dell' Arte di conoscere V eta de' Codici latin* e 
ilaliani — Bologna, Stamp, di s. Tommaso d' Acqui- 
no 1778 cap. XII pag. 58, riportando un brano del 
Trattato dei pubblici istrumenti del Ducange — Po- 
nititr (dice il Ducange) dies instrumenti diversimo- 
de: uno modo secundum consuetudinem Bononien- 
sem, ut in hoc exemplo: primo die Mail, secundo 
die intrante Majo, et ila de singulis usque ad IG. 
Transaclis autem 16, ponuntur pro exeunte hoc 
modo: 15 die exeunte Majo, 14 die exeunte Majo. 
et sic de singulis usque ad pcnultimum diem. In 
penultimo dicunt. penultimo die Mail: et in ulti- 
mo dicunt: uliimo die Mail: el ila de singulis 



118 

non meno stravagante si e quello che incontriamo in principio di questa memoria. 
Io cosi 1' ho interpretata, ne so se abbia colto nel segno. M . . 3 Mense tertio , ov- 
vero il mese di Marzo dell' anno 1468. Lunce kScendentis (die) OCTav o , o 
V oltavo giorno della luna crescente nel ricordato niese, clie secondo i computi sareb- 
be il giorno 13. II metodo poi quasi generalmente oggidi invalso lanlo nelle letlere di 
commercio, come nelle famigliari, e che ignoro d' onde abbia avuto origine, non riu- 
scira meno difficile degli all ri a coloro cbe ci segniranno. E di fiitli come spiegare 
ad un tratto che le cifie 21, 3, 51, vogliano denolare il ventuno Marzo del 1S51?... 

CLXXXIX. 

ET POMPEIO MATTEO etc Pass6 il Mattei la lunga sua vita in mez- 
zo alle armi, militando con gloria sotto le bandiere di Porlogallo, di Casa d' Austria e 
di allre polenze. Mori in Padova li 10 Marzo 1618 di anni 86 mesi 1 e giorni 24, es- 
sendo generale delle artiglierie della Serenissima Repubblica di Yenezia. Nella chiesa 
di s. Leonardo della suddetta eitla, ove fu sepolto, leggevasi un onorifico epilafio, cbe 
vieue riportalo dal Marcliesi nelle Vita? Virorum etc. in line della sua biografia (1). 

CXG. 

...BERNARDINO MARCIIESIO etc. Esisteva questa lapide solto il monu- 
menlo che dal nipote nions. Giorgio Viviano Marchesi eragli stalo innalzato nella de- 
molita chiesa di s. Agostino. Fu mons. Bernardino eocellenle legisla, e tenuto in 
molta stima dal pontelice Innocenzo XI (Odescalcbi), che lo benefic6 nominandolo 
\escovo di Sarsina V anno 1682. Ebbe molta vigilanza pel suo gregge, liberalita coi 
poveri e con la sua chiesa. Dopo aver sofferto con rassegnazione e pazienza alcuni 
anni di cecita^ passo a miglior vita nel 1698, e non 99 come leggesi ueW append ice 
alia storia cit. di Sarsina dell' Antonini . 

CXCI. 

PETRUS IO. BOFONDI V. C. etc Pietro Giovanni di Messer Iacopo 

Bofondi, e di Francesca Antonia Maltioli, venne alia luce il di 5 Febbrajo del 
1703 (2). Riusci valenle giureconsullo, siccome danno a divedere alcuni suoi lavori 
sui dirilli civile e canonico, cbe in due volumi in-4.° rimangono inediti presso i suoi 
ivpoli, ed in quel niinistero venne prescelto dalla Comunila, dopo la morte dell' av- 
vo'ato Filippo Palniozani. Pare che egli nobilitasse la famiglia, avvegnaccbe nelPal- 
testato di sua morte, che accadde a* 10 di Novembre del 1758, trovasi indicato col 
tilolo di nobilis vir. Da Alba Briccioli sua donna, ebbe dodici figli, cioe dieci ma- 
scbi e due feminine, per cui la Gomune lo esento dalle tasse. Fu sepolto Dell' avello 
de 1 suoi maggiori nella chiesa de' PP. di s. Dumeuico (3). 

CXC1I. 

MABIYS RVFINVS etc Per la seconda distruzione di Forlimpopoli esegnitasi 
d* ordine del cardinale Egidio Albornoz nelP Aprile del 1360 (4), V abbale e i monaci 
di s. Buflillo si litiiarono a Forli} siccome I'ecero diverse altre famiglie:, cd acquislarono 

hut qut hni mi trigtnladttt t proceduntrimttt- b. Martino in Casiello, orn eititente ins.Dlaglo, c da 
tor uiqut nit i -, per hane dicttonttn Intrante. Et firUHi alcuni Repertorj del Comnne. 
r, ttUbut primitj isietndunt ptr alius \5cvmhao ('») n mottvo per cul il card. Bgldlo glume a fan- 

ci i ■ f i ur tttUDle, Si rnju-r in prima ilio rnjuslihit lo 6C66M0 noil e lien prccisato nc ilal Yerchiazzani, 

mttuii rum poti'ilur inlnintr ; it in ptmulttmo , ct lie dal llinwli, nc. da Siaismontln MtirchciiiwUc ri- 

ultimo ii<i rum ponatur exeuote. ipetttre loro storic. Vuole n primo, ehe eld venlite 

I 1 1 1.' f 10 i wi. ordinate ad lltlgailone dell' Alidoslo per tirnorc che 

Dal libro del battezzail nella chiesa Cattcdralc <ii quelle fortezia si rosso Impadronlto di puovo 

MU'aDDO mill' I'rancesc.o OrdclalTo, per nil fiarehlie Klato dlsperato il 

i.ii hi i < dei moril della soprcssa parrocchia dl rlacquislo. (Storia di Forlimpopoli i part. I. pug. 327). 



119 

quests casa, ora di proprieta del sig. Alessandro Manucci, che fabbricala poi dai 
monaci istessi era detta la magna casa (1). Essendo in seguito passala quella badia 
in commenda, mons. Mario Rulini ne prese possesso del 1516 pel card. Alessandro 
Farnese (2), e dopo la morte di questi dovelte esserne egli medesimo inveslilo, sic- 
come si arguisce dalla qui riporlata lapide, falta porre in occasione di qualche ristau- 
ro o nuo\a costruzioue aggiunta alia casa istessa nelT anno 1541. 

CXCIV. 
HIERONYMI ACOjNTII etc. Fu l' Aconzj giureconsulto prestantissimo come 
lo disse il 3Ienochio (3), ed ebbe tanto grido, che per voti e scritture legali concor- 
revano a lui clienti non solo dalla provincia, ma ben anche da lontani paesi, per cui, 
sebbene aggialo, pole coi denari acquistati far costruire secondo il suo gusto questa 
casa, ed abbellirla con pitture a fresco da Livio Agresti, alle quali poi ultimamente 
venne dato di bianco. Yiveva ancora del 1558, e s' ignora T anno della sua morte. 

cxcv. 

...CAMILLO . PAVLVTIO etc. Da Pietro Martire Merlini, e da Angiola 
Guerriera Paulucci de' Calboli (4) ebbe vita Camillo I' anno 1692. Quadrilustre, pas- 
so a Roma presso lo zio malerno cardinale Fabrizio, e col di lui mezzo da Clemen- 
te XI venne creato Cameriere di onore, canonico della Basilica Laterauense, e Po- 
nente del Buon-governo. Benedetto XIII lo promosse all' arcivescovado titolare d* I- 
conio colla prebenda di opulenti badie, al segrelariato de' Memoriali, ed alia nunzia- 
tura presso Augusto II di Polonia. Quivi nelle gravi turbolenze di quel regno si a- 
dopero con tale arte e circospezione, che pole meritarsi la grazia del successore Au- 
gusto III (5). Tanta prudenza del Paulucci non isfuggiva a Clemente XII, dal quale 
fu egli avanzato alia nunziatura di Vienna} e siccome in questa corte ancora superb 
li suoi antecessori per la sagacia nell' esercitare l 1 uffizio, e per la splendidezza, cosi 
ebbe altresi 1' afl'etto dell 1 imperatore Carlo VI, alia cui ultima malatlia e morte assistette. 
Era tuttavia nunzio a Vienna presso la erede Maria Teresa regina di Boemia e di 
Ungheria, quando il pontefice Benedetto XIV li 9 Setlembre 1743 lo nominava pre- 
te cardinale dei Ss. Giovanni e Paolo, e legato a latere di Ferrara. Veuuto a 



)l secondo, stando con gli annali di Fori), prctende 
clie Forlimpopoli soffrisse un lale castigo, per avere 
j cittadini tumultiiariamente uceiso il loro vescovo f. 
I'golino, rnenlre gli esortava ad arrendersi al legato 
(Stor. cit. pag. 165); ed il terzo, perche contro le 
leggi di buona guerra fu scaricata proditoriamente 
una balestra conlro il legato, ncl mentre che vicino 
alle mura si trovava a parlamento con alcuni di que' 
cittadini, pel qual colpo venne uceiso il cavallo, o 
mula del medesimo cardinale ( Snppl. Stor- cit. pag. 
301). Leone Cobelli poi in tale proposito cosl lascio 
scritto nelle sue Cronache prime — Eodem milesi- 
mo (cioe 1360). Monsignor lo legato indignato 
contro gli homini di forlimpolo disse: o hominidi 
forlimpolo vui non vi volessico mai accordare con 
me. allora si raccomandaro al legato vedendo non 
potere far altro . nientedimeno domandaro accordo 
a mosignor lo legato quale non accordo- et tal ve- 
dendo dissero: nui ci mettemo in le mani della vo- 
ttra signoria salvo la roba e le persone. e cost 
forlimpolo fo alia obediencia de la chiesia. Et su- 
bito lo ditto legato fe ruinare le case e li muri de 
la ciitd et riempl li fossi de la cittd. Di poi vol- 



se che si cogliesse tucte guelle prede in un loco e 
die se portasse li homini di forlimpolo a bolonia. 
poi fece lavorare la terra et seminare del sale: poi 
monsignore fece mettere tucte quelle prede in un 
loco, e li fece fare con quelle un palazzo lo quale 
si chiamava el colegio de spagna. Deinde lo lega- 
to tolse el vescovado et donollo e pose inbretinora. 

(1) Vecchiazzani Stor. cit. part. II. pag. 36. 

(2) Ivi, part. II. pag. 253. 

(3) lacobi Menocchij, Consiliorum sive respon- 
sorum — Venetiis, Bordoni 1609 liber quartus, Con- 
silium CCCLXXXVIII — Consultatio haec de qua 
docte et acute respondit prestantiss. Do- Hierony- 
mus Acontius, quern honoris causa nomino, plu- 
res habet etc. 

(4) Fu 1' ultima supcrstite del ramo di quella fa- 
miglia; onde per disposizione testamentaria del card. 
Fabrizio, entro Camillo ed il priore Cosimo suo fra- 
tello co' discendenti nella prosapia materna. (Mar- 
chesi Gior. Viv. Galeria dell' onore, cit. vol. I. 
pag. 581). 

(5) Veggasi su quegli affari Botta Carlo, Storia 
cit. in conl. al Guicciardini,\o\. XII. pag. 124 e seg. 



120 

lermine di questa legazione se ne torno a Roma, ove fu adoperato in diverse congre- 
gazioni; ma colpito primieramente da apoplessia, poscia da idrope che sopporto coo 
molta rassegnazione per ben due anni, manco ai vivi essendo decano del Sacro Col- 
legio li 11 Giugno 17C3 in eta di anni 70 e due mesi circa. Fra le molte doli 
del Paulucci e da notarsi la carita sua verso i poveri, ai quali sovveniva con dispen- 
sare quotidianamente elemosine in pubblico, e molto piu con segrela larghezza. Dal 
fratello Cosimo gli vennero falti grandiosi funerali il di 26 Luglio dell' anno medesimo 
nella cbiesa di s. Filippo di Forli (1), ed in quella occasione il rellore del Semina- 
rio d. Diego Agirelli scrisse e pubblico con le slampe V elogio funebre, dal qua- 
le si sono lolle in parte queste memorie (2). 

CXCVI. 

C . BORGIAE . FRA?fC. etc. E posla questa iscrizione nel luogo dove le ar- 
tiglierie del duca Valentino apiirono breccia in questa Rocca il di 12 Gennajo 1500. 
II guasto cbe quelle non fecero nel restante della stessa, ritenuta a que r giorni ine- 
spugnabile, lo procurarono i soldati vincitori per 1' avidila del bottino, tirando a ter- 
ra cib che vi era per cavare le chiavi di ferro ed allri ferramenti (3). II Borgia 
perd diede ordine alia rislaurazione:, e diflalli trovo, che sei anni dopo, essendo sta- 
te scalate le mura della citla di notle tempo, e rimessi in Forli i Moratini per ope- 
ra di Giovanni Sassalelli d' Imola, furono in quella presa saccheggiale circa duecento 
case de" principali abitanli: ; ed il governalore (mons. Nicolo Bonafede vescovo di Chiu- 
si. e non mons. Trojnno Bertoni da Jesi vescovo d' Asti, come pretende il Bonoli)(4) 
si riparo nella rocca, menandovi a salvamento lulti i ciltadini da bene (5). Trovo an- 
cora, cbe nel Pontificato di Leone X vi si manteneva un castellano:, ed in tale ufli- 
cio veniva mandalo nel 1518 mons. Girolamo Garimberti (6). Essendo poi slata ab- 
bandonata sulla ruela del secolo XVI, servi di ricovero a povere genii, per cui \en- 
nc a poco a poco smanlellata (7) e ridotta quale oggidi la vediamo. 

CXCVII. 

HIER. rs GIN'OCCHVS . IACET etc II marmo sul quale sta inciso questo telrasti- 
co, cuopriva ancora del 1S11 nella cappella del SS. Sacramento di s. Mercuriale le ceneri 
di Gerolimo Gnocchi, che fu uno de 1 piu valenti medici cbe si avesse Italia sul finite del 
secolo XVI. Ad una vasta erudizione aggiungeva un pieno possesso delle lellere gre- 
clie, siccome ci fece sapere il Uali Giorgio Viviano Marchesi nelle sue Memorie sto- 
riche dell' anlica Accademia de' Filerijiti , della quale il Gnocchi fece parte (8). 

CXCVIII. 

...IN HONOBEM D. IOAHHIS BAPTISTS ET B. GIIERARDI etc Tanlo 
qaesta epigrafe che la CV1II apparteuevano alia cbiesa di s. Gherardo dei Cavalieri 
Gerosolimitant, che esisleva nel borgo s. Pietro. Quando questa venne cbiusa e poi 
(1 ••molila, il p. Inquisitore fr. Giuseppe Merenda le dimando al governo come di sua pro- 
priela, e rimaseio poi nel convento de 1 PP. Predicalori. 

i Bandi l inn Giuiappt, Crotuua m. s. nella fine del iuo Suppltmtnto istorico. 
Blblloteca Comanale aU'epoca Indicate. (5) Vita di JVicolo Bonafldt Vescovo di Chiusi 

(j) EmintntUiimo cus Bev«r«nMiiimo Cardina" pubblieata da (liacomo Lcopardi. rcsaro Annc- 

n — CantUlo Paulutio ForoWvienti — Elogiwn slo Robfll i nr*2 pag. ho. 

funtbr* -- Forollvtl i7Mj Ariniic. Harozzli («) Affd Irmto, Mtmorit dV SeHttori Parmi- 

rola dell' Oliva nella Vita in Caurtna ataiu— Permit ftamperla Heale I7M vol. IV. pag. lis. 
i di. pag. Ifl2. (7) Oliva Fabio, llelaziono a Mons. Cenlurtona 

, StorU 'i' Fork dt. pag. 396, Siglt. Marcheti m. r. clt. 
- matte terto uei I'atuiouo an OovtrnatoHla (8) Edizionc cit. pag. 127 ■• 128. 



121 



ESISTENTI NEL TERRITORIO FORLIYESE 



cc. 

SELLA VILLA BELLA PIAXTA 



Nel presbitero , a destra 

IX 0. M. 

ANNO DNI MDCCLXXXI 

DIE XXYII IVLII 

SACRVM HOC TEMPLYM 

TERR^MOTVS CAVSSA 

PENE DIRVTVM 

RESTAVRATVM PERFECTVMQ. FVIT 

DIE XXVIII IVNII 

MDCCLXXXII. 

CCI. 

IVI 

A sinistra 

D. O. M. 

JIG IACET 

P. F. JOANES AB ASCENSIONE 

HISPANVS E^CIVITATE MATRITENSI 

ORD. SSIVLE TRINIT: EXCAL: 

HUIVS COENOBII PRASES ET FYNDATOR 

AB AN. MDCCXXV 

OBIIT DIE XXXI DECEM. A. MDCCXLVII 

&TATIS SV.E LVI 

CC1I. 

IVI 

Per terra 

SEPVLCRVM .DM.... 
PAVLI . DE . BERNARDI... 

....hj;redvm . svo 

...N 

is MDC 



122 

CCIII. 

BELLA CHIESA CI S. MARIA DEL POPOLO, ORA De' PP. CAPPUCCIM 

Per terra 

HOC . MOHVMENTVM . EST 

DOMINI . HIEROLIMI(jic) 

DE . FREDIS . ET . SVORVM 

MDCCXXJX 



CCIV. 

BELLA CHIESA PARROCCUULE DI S. M. IN PIABTA 

Nella cappella del Crocifisso, nel muro 

ANNO . DNI . M . DCCXXVII. 

TEMPLUM • HOG . SEX . PEDIBUS . ALTIUS . EXTOLLI 

SACELLUM . A . FUNDAMENTIS . ERIGI 

ARAM . HANG . EXTRUI 

ET . IMAGINI . IESU . CHRISTI . CRUCIFIXI 

DEDICARI . STUDMT 

IOANNES . ANTONIUS . MAIOLUS . PAROCHUS 

ccv. 

SELLA VILLA DI S, GIORGIO IN TRENTOLA 

BELLA C1IIESA PARROCCUULE 

Per terra 

FRANCISCUS . AJUDI 

IIUIUS . ECCLiE . S . GEORGH 

RECTOR 

OBIIT . XXI . MARTU 

ANNO . MDCCXCYIIH 

cc\i. 

NELLA VILLA DI DURAZZAMNO 

BELLA cniESA PARROCCIIIALE DI S. TOMMASO AP. IN DLRAZZANJBO 

A sinistra della porta maggiore 

D. O. M. 

THOMf EX COMIT: TORELLIS PATRIC: ET EPIS: FOROE 

BT SOLD PONTIFICI1 ASSISTED: 

FELICIBVS SVB AVSP1G11S 



125 

TEMPLYM HOC DIVO THOIVLE APOSTOLO DICATVM 

SACRARIVM TYRRIM AHENEIS CAMPARIS PAROCHLE £1DES 

10: MARIA DE SCRIPTORIBVS FOROL: PAROCHVS 

J5RE PROPRIO 

A FYNDAMENTIS REROVAYIT EXTVLIT AVXIT 

AD ALIORYM INVITAMENTYM 

INCLITI ANTISTITIS IVSSV HISTORIAM REFERENS 

MARMOR HOC HIC PONITVR AMO MDCCLYI. 



CCVII. 

KELLA VILLA DI TRAVERSARA 



D. O. M. 

IN . HONOREM 

SS . ANGELORUM . CUSTODUM 

VETERI . ECCLESIA . QUAM . WILLELMUS . FR . MAROIESIUS 

PATR . FOROL . OLIM . FUNDAVERAT . MALE . MATERIATA . ET . RUINOSA 

EX . PERMISSU . SUPERIORUM . INSTAURATA 

FR . IOSEPHUS . FAB . F . MERENDA . PATR . FOROL. 

EQUES . HIEROSOL . PRIMUS . PRECEPTORLE 

A . IULIO . CESARE . WILLELMI . FRATRE . MARCHESIO 

EQUITE . HIEROSOLYMITANO 

AD . CIVIUM . SUORUM . UTILATEM . SPLENDOREMQUE . INSTITUTE 

COMMENDATARIUS 

OPPORTUNIORE . LOCO . OPERIBUS . AMPLIATIS 

CUM . OMNI . CULTU . PERFICIENDAM . CURAYIT 

ANNO . MDCCLXI . CLEM . XIII . PON . HI 

CCYIII. 

NELLA VILLA DELLA PIEVE DI 0UOTO 

NELLA FACCIATA DEL PALAZZO MONSIGNANI 

A destra 

POST EXANTLATOS MILITIA 

LABORES AD STVDIA 

PACIS 

BARTHOLOMEVS(-nV) ET HYERONIMVS(jjc) 

EX PATRITIA MONSIGNANORV 

GNTE(.y/c) FRATRES 

MONSIGNANAM HANC YILLAM 

YRBANAM 

SIBI ET POSTERIS 



]->i 



E FVND. EXCITARVNT 

AN. DNI. 

CID 13 CXIII 

CC1X. 

1VI 

A sinistra 

BARTOLOMEI (sic) PATRIS 
ET HIERONIMI (sic) PATRVI 

EXEMPLA SECVTI 

ALEXANDER MARCOLINVS 

FABRITIVS ET IOSEPH 

COMI. TES MONSIGNANI FRATRES 

NEC NON 

BARTOLOMEVS {sic) PAVLVS 

EX PAVLO FRATRE NEPOTES 

IDE. 51 iEDIFICIV. M VRBANV. M 

IN AMPLIOREM FORMAM 

AVXERE ANNO 

M . D . CG . IV. 

ccx. 

KELLi VILLI DI F0RM0LO 

M I.T. A CniESA DI S. MAMA IN PORNO 

Sopra la porta, nel fregio 



• 



L ANNO . DEL . GIUBILEO . 1/150 . MI . PIERO . BIANCO . DA . DURACO 
PlCIPIAI . QUESTA . C1IIESA . DI . SCA . M . DI = 

MISERICOBDIA . EDIGRACIE . EFACTA . ETUTI . BENI . EORNAMENTI . SUOI 
BELLISIMI . EDDIO . NOS = 

TRO . D1LETISIMO . NOSTRO . SIGIORE . DEGNISSDIO . SALVATORE.ECTERNO 
P . SEMPE . IN3ECULA. 

CCVI. 

ivi 

Dentro la Chiesa a sinistra della porta della cappella di mezzo , dipinta 

IVLIYS . II . PONT . SS. S 
BONONIA . IN . LiBEiTATeM 
PttO CVRLE . MNDICATA 
SACRATTM . BOG , VIB 
GUI] . TEN PLUM . IN VI 



125 



SENS . VENUM . PECCATO 
RVM . SVORVM . ACCE 
DENTIBVS . BIS . CONCESSIT 
ANNO . SAL . M . D . VII. 
NON . MAR. 



CCXII. 

IVI 

A dritta, sotto il ritratto dipinto 

IVLIO . II . PONT . MAX. 
VINDICI . LIBERTATIS 

CCX1H. 

ENTRO Ghl AVANZI DEL MONASTERO 

In una stanza, nel muro 

DIVO . IVLIO . II . P . O . OSPITATO 
A . D . MDVII 

CCX1V. 

SELLA VILLA DEL MCO 

NELLE CASETTE DEI BEZZI, ORA SANTARELLI (*) 

Nel muro * 

PONS ISTE FACTUS EST PER COE FORLIVII AD 
HONORE DEI ET UTILITATEM TRANSEUNTIUM 
SUB ANNO DNI MCCLXIHJNDIC. VI. TPRE 
NOBILIUM VIRORUM DNORUM ARDITIONIS 
DE ACARISIIS POTESTATIS FORLI ET FORUPPLI 
ET LAMBERTINI DNI RODULFI GRATIANI 
CAPIT. PPLI FORLIVII 

EGO NCMAIUS NOT. SCR1PSI 



(*) Fu hvata da quel luogo nelV anno 1840 ne si sa ove ora esista. 



126 

ccxv. 



NELLA CHIESA DI S. GIOVANNI BATTISTA lU HONCO 

Sopra la porta . fuori 

SACRA. JEBES 
ANNO SALUTIS CIDIOCCLXVIII 

PR^STANTIUS CONDITA 

ET XTI PRECURSORS NOMINE 

DEI DICATA 



CCXVI. 

1VI 

Nella sagrestia. nel muro 

D. O. 31. 
ILLMUS F. niERONYMUS GRIMALDUS BALLIV- 
US CREMONA, ET COMMENDS FOROLIVIJ POSSES- 
SOR EX SUMMA PIETATE, ET MUNIFICENTIA HANC 
ECCLESIAM COLLABENTEM RESTAUR ARI, ET AL- 
TIUS EXTOLLI CURAVIT, EXPOSCENTE R. D. AN- 
TONIO MAZZONO DICTS ECCLESLE CAPITIS COM- 
MENDS, VICARIO PERPETUO ANNO DOMINI 

MDCLXVIII. 



CCXVII. 

1VI 

Nella sagrestia , nel miiTo 

lOCVLAMENTVM HOC AD TABVLAS TECTAS 

SARTASQ. SERVANDAS VBI CONTINENTVR IVRA 
COMMENDAE D. IOANNIS BAPTISAE APVD FORVM 
LIVII EXTRVXIT F. BERNARDVS VECCHIETTVS 
FLORENTINVS EQVES IIIEROSOLYMITANVS EIVSDEM 
PRECEPTOR ANN. SAL. CID . I3CXXXVII 
SVCCESSORIBVS SE CONSVLERE RATVS 
DVM TVTTO COLLOCAT EA ARMA, QVIB. LITES 
IVGVLENT QVANDO POST MILITIAE LABORES QYIETE 
POTIYHTVR 



127 
CCXVIII. 

WELLA CHIESINA Dl CASA BOMAGNOLI 

Entro, sopra la porta 

COSMAS . FRATRESQUE . AB . HASTIS . BRANDOLINI . PATRICIA . NOBILITATE 

AEDEM . IN . FUNDO . SUBURBANO 

MAGNAE . MATRI . MARIAE . ET . NICOLAO . MIRENSI 

A . MAIORIBUS . SACRATAM 

COELESTI . PATRONO . PHILIPPO . NERIO 

QUEM . DOMUS . HASTENSIS . PROPITIUM . EXPERTA . MERITO 

IN . PATRIA . COLUIT 

IMAGINE . EIUS . DEDICATA . COMUNEM . FECERUNT 

ANNO . DOMINI . M . DCC . LXXXYIH 



CCXIX. 

NELLA TULA DI MAGIMO 

NELLA CH1ESA PARROCCH1ALE 

Dentro . sopra la porta maggiore 
d. o. M. 

AEDES HAS SS: MARCO ET MICHAELI SACRAS 

QUAS ILL: ET REV: D: AUGUSTIN: MOLIGNATUS 

EPISC: BRITINOR: 

VII RAL: MAI AS ANN: MDLXXV 

SOLEMNIT: CONSECR: 

PAROCH: 10: CAROL. CAN: SALVOLINIUS CIVIS MELDULEN: 

CUM APTE DECORASSET EIUSD: DED: MONUM: 

ANNO MDCCLXVII 

POSUIT 

ET MICHAEL BONI NOVUS RECT: AFFIGI CURAVIT AN: MDCCLXXVI 

ccxx. 

1VI 

Nel muro 

HIC 

IOANNES CAROLUS 

CANONICUS SALVOLINI 

HUIUS ECCLESLE 

BENEFACTOR ET RECTOR 

OBIIT XIV OCTOBRIS 

MDCCLXXV 

JNNO IVBILJEI 



S2S 



CCXXI. 

NELLA VILLA DI FARAZZANO 

HELL' ORATORIO DI S. PATERNIANO 

Nel muro 

D. O. M. 

IN . HONOREM . S . PATERNIANI . EPISC 

10 . CAROLVS . B0SCH1VS 

S . R . E . MAIOR . POENITENTIARIVS 

SAC . AEDEM . YETVSTATE . LABEFACTATAM 

SARTAM . TECT . ORNAT . RESTITVIT 

ANNO . DOMINI . MDCCLXXIV. 

CCXXII. 

NELLA VILLA DI COLLINA 

NEL PALAZZO ORSELLI 

Fuori, nel muro 

D. SEB. ORSELLVS EX 
D. STEPH. BEDOLLINI 

GRAPHIA 

A SOLO EXC1TAVIT 

III. ID. MAI. M . D . C . L1I 

CCXXIII. 

MLLA VILLA DI GRISIGMNO 

ENTRO LA CH1ESA PARROCCIIIALE 

Per terra 

HIC IACET CORPVS 

R. D. MICIIAELIS GVGNONI 

IIVIVS ECCLESLE 

PAROCIII BENEMERITI 

RESVRETIOrTE(j/c) EXPECTANS 

OBUT DII<: III SEPTEMBRIS 

ANNO DN1 IVIDCC . XVIIII 

VIATOR ORA PRO EO 



129 
CCXXIV. 

SELLA VILLA DI S, MARTINO IN STRAM 

NELLA CASA COLOHICA DI GIUSEPPE YENTCRI DETTO BIJNCHINO 

159S. adi 4 
PASSO . CL . VIII 

m 

DE XBRE 

ccxxv. 

NELL 1 ORATORIO DI CASA COLOMBARI 

Entro , sopTa la porta dipinta 

IOANNI . COMITI . COLVMBANIO 

PATRITIO . AC . JVRIS . CONSVLTO . FOROL. 

QVOD . S . HANG . jEDEM 

ANNO . M . D . CCXXXV 

SACR>E . FAMILLE . AC . DIVO . COLVMRANO . DICATAM 

A . FVNDAMENTIS . EXCITAVERIT 

FRANCISCVS . MARIA . EPISCOPVS . BRITINORII 

IOSEPH . MELDVLJ2 . PRINCEPS 

ANDREAS . AC . ALOJSIVS 

PATRVO . OPTIME . MERITO 

C . A . M . P . P. 

ANNO . REPARAT^ . SALVTIS . M . D . CCLXIV 

obiit. Kalendis Novembris 1763 aet. suce 82. 

CCXXVI. 

NELLA PROFANATA CUIESINA DI CAMALDOLI1VO 

Fuori. sopra la porta (*) 
d. o. m: 

COENOBIVM . ET . IN . HONOREM . B . M . V . ECCLESIAM 

MONACHI . BENEDICTINI . CAMALDVLENSES 

HEIC . ^DIFICARVNT . ANNO . MCCIII 

RICHELMVS . EPISCOPVS . FORI . LIVII 

EAMD . DEO . DICAVIT . DOM . IV . QVADRAG . AN . MCCLXVI 

.EDIBVS . VETVSTATE . LABENTIBVS 

MAGN.E . MATRIS . IMAGINE 

INTRA . MOENIA . AD . S . SALVATORIS . TRANSLAT . AN . MDLXXXIV 

&DICVLAM . EX . MAIORE . jEDIFICIO . SVPERSTITEM 

INIVRIA . TEMPORVM . FATISCENTEM 

PATRONS . PR&SENTISSIMJS 

RESTITVVNT . ANNO . MDCCXCI 

17 



150 

CCXXVII. 

SELLA VILLA DI SANT4BAR0 

KELt' ORATORIO DI CASA GCARW1 

Sulla laslra di marmo ck serve di coperchio al pozzo ove furono nascosti 

li corpi di S. Valeriano e Compagni Mm. 

FLECTE GENV LECTOR: FERTYR QYOD MARTYR IN ISTIS 
OBTINVIT TYMVLYM VALERIAN VS AQYIS 



CCXXVIII. 

IN VILLAGRAPPA 

HELEA CH1ESA PARROCCHIALE 

Entro . sopra la porta maggiore 
d. o. M. 

NICOLAO BBUNELLI PRESBYTERO 

ULTIMO DE FAMILIA 

PATRITIO FOROLIYIENSI 

CUIUS PIETATE TEMPLUM HOC 

15 HONOREM S. MARINE MAGDALEN-E 

FUNDITUS ERECTUM FUIT 

LIBERALITATE AMPLIATEM 

ALTARIBUS SANCTORUMQUE ICONIBUS 

MIRIFICE EXORNATUM 

FRANCISCUS YALLICELLI RECTOR MODERNUS 

IN GRATI ANIMI MONUMENTUM 

ERGA TAM EXIMIUM BENEFACTOREM 

POSUIT 

DIE XXII NOVEMBRIS 

MDCCLYIII. 

CCXXIX. 

MLLA VILLA DEI ROMITI 

MlM cniESA ARCIFRETALB 

Nel Battistero 

BAPTISMV. X.s Y. s JNSTI 
TVIT. ET BA.PTISTE 
RIU HOC I0. s FRAC(.«'c) CA 
K0B. S EPIS FORLIV 5 
ERKXIT BT ORDINA 
V1T. ANNO DNI 

MDLXXXIII 



151 

ccxxx. 

BELLA. CH1ESA ARCIPBETALE DEI R0M1T1 

A dritta dell' altar maggiore , nel muro 

SVMMA LIVIENSIS POPVLI PIETATE 

HOC TEMPLV DEIPARjE VIRGINI DICATV 

ET MISERPJME DIRVTV ITEI$ AEDIFICAN= 
DV CVRAVIT ANTONIVS EPVS EADE VI= 
RGINE FiVENTE. AC VNIVERS^ CIVITATiS 
MIRA DEVOTIONE ADIVVANTE*^ 
ANNO SALVTIS. MD . LXX DIE XXVI 
IVNII. PIO V PONT. MAX. ET ALEXA= 
DRO SFORTIA LEGATO. 

CCXXXI. 

SOPBA LA POETA DELLA CASA COLONICA DEL FOKDO BABLETA DEL N. U. SIG. C. LORENZO REGGUM 

CON L' AIUTO DI DIO QUI SI E ARRIVATO 
AVER FRUTTO D' UN FIUME ABBANDONATO 
E DI QUESTO OGNI ORA LODE SI DIA 
AL NOME DI GESU E DI MARIA 



AI 3 OTTOBRE 1753 GIROLAMO REGGIANI COMINCIO LA COLTURA 
DI QUESTO FIUME E LA TERMINO AI 3 D' OTTOBRE 1789 



CCXXXII. 
SELLA. VILLA DI S. T01 



Intemamente sopra la porta 

D. O. M. 

IN . HONOREM 

MARIAE . GENITRICIS . DEI 

REGINAE . TVTELARIS 

PHILIPPVS . BAPTISTA . MAZZA 

CANONICVS . ET . PATRICIVS . POROLIVH 

A . SOLO . CVM . OMNI . CVLTV 

FIERI . IVSSIT 

ANNO . M . DCC . LXXXILX 



152 



ccxxxm. 

NELLA VILLA DI S, MARTI! DI VILiAFRlNCA 



HEL FHOKTOtfE DELLA CHIESA PARROCCHIALE 

Fuori, dipinta 

DIVO . MARTINO . EPISC . TYRON. 
SACRVM 

Infeiiormente , nel fregio della cornice 

FRONTE A SOLO EXCITATA A. ^ MDCCLXXXVI. I. ALB. CARIOLI 

RECTORE 

CCXXXIV. 
IN TILLAFRAKGA 

NELLA CHIESA ARC1PRETALE 

Per terra, vicino al presbitero 

D. O. M. 

ANDREAS . RAPA . ARCniPRES. 

SIBI . ET . SUCCESSORIBUS . SUIS 

17 co 5. 

f f f ffcmxi 4 wjf%ww 

AD ALCUiNE EPIGRAFI ESISTENTI NEL TERRITORIO FORLIVESE 



cc. 

.... SACRYM HOC TEMPLYM . . . RESTAVRATVM etc. Veggasi in proposi- 
»o la Breve Relazidrie della Chiesa del Ss. Fito e Modesto, i'aita imprimere *lal 
marcheae Fabrizio Paulucci de' Calboli (1). 

CGX. 

]>II . PIERO . BIAttCO . DA . DUfiACO ere. Le notizie che di quest! 

leggtamo Del Supplemento Istorico della citta di Forll di Sigismondo Marchesi (2) 
farono tratte dalle Cronache prime di Leone Cobelli, c dalle Stone del Padovani 

(!) I orli, OtOfCppt Barbianl 1808; iu-C. (a) Pag. 453 c scg. 



133 

gia citate; e quelle della venuta di Giulio II. a F01T1 ed a s. Maria di Fornovo (1) 
dalle Cronache di Andrea Bemardl. La stanza poi die si ricorda nella epigrafe CCX. 
era stata ridotla, non sono molti anni, all' uso il piu. abietto^ e cosi il magnitico 
convento, costruito gia a spese di Pino III. Ordelaffi, venne quasi a mela demolito. 
Ma il card. Legato della Provincia Nicola Grimaldi di b. m. fece ristaurare la stanza 
suddetla a tutle spese dei canonic! di s. Maria in Povto di Ravenna, cbe ne sono 
proprietarj, e pose un impediraento alia tolale distruzione di quel vaslo edificio. 

CCXXIV. 
PASSO . CLEMENTE . Till. etc. Per la morte del duca Alfonso IL, ulti- 
mo in linea legittiuia della slirpe Eslense, ricadde Ferrara alia s. Sede; onde il ponte- 
lice Clemente VIII ( Aldobrandini) dopo averne fatto prendere il possesso dal cardinal 
nipole, vi si reed e dimoro per circa sei rnesi. Nel far ritorno alia capitale transito per 
Forli ove fu accolto con molta pompa (2), e voile anche visitor Meldola, principato 
allora di sua casa*, nel qual viaggio, essendo passato conlro la possessione di messer 
Lorenzo Bonoli (3), quivi per alcuni suoi bisogui discese dalla inula bianca cbe lo 
porlava, e ricoverossi in quella casa colonica, ove dalla famiglia venne accolto con la 
maggiore decenza possibile: in benemerenza di che il grato ospite la esento da tutte le 
tasse. II ricordato proprietario di quel luogo per tramandame a' posted la memoria fe- 
ce dipingere in majolica delle nostre fabbricbe (4) la riportata iscrizione, soprapponen- 
dovi lo stemma pontificio. 

cexxv. 

FRANCISCVS . MARIA . EPISGOPYS . BRITINORII etc Dal conte 

Diego Colombani, e dalla nobil donna Caterina Artusini nacque Francesco Maria 
1' anno 1717. Manifestando sino dai prinii anni un' indole tutta piela, fu dai genilo- 
ri invialo per la carriera ecclesiastica - , quindi venne ammesso fra i canonici in patria, 
e da Benedello XIV fra i prelati domestici. Conlava appena trentun' anno quando 
per rinuncia di monsignor Gaetano Galvani il ricordato pontefice lo nominava il di 
20 Novembre del 1747 vescovo di Bertinoro ed assistente al soglio. Con quanto zelo 
ed assiduila disimpegnasse 1' affidatogli ministero, va ancora per le boccbe de' posteri. 
Visilo molte volte la diocesi, e cbianio uomini di molto sapere e virtu a bandire la 
sacra parola tanto la quaresima, quauto pei spirituuli esercizj. Raduno tre sinodi dio- 
cesaui, nei quali stabili leggi onde promuovere il divin cullo, correggere i rilassati 
costumi, e togliere non pocbi mal usi. Udiva in pubblico le confessioni*, amministra- 
va il Pane Eucaristico^ ammaestrava gl' ignoranti nei misteri di nostra fede. Ingeni- 
ta in lui la carita verso il prossimo, non fu molesto, ne di peso ad alcuno. Caritate- 
\ole coi miseri*, affabile con ogni ceto di persone, e senipre intenlo al bene e per- 
i'ezionamenlo nei costumi dell' amato suo gregge, fini di vivere del 1788 in eta di 
anni 71 con generate cordoglio, ed ebbe il suo corpo sepoltura nell' avello dei ve- 
scovi nella cattedrale di Bertinoro. 

cexxx. 

SVMMA LFVIENSIS POPVLI PIETATE etc. La storia della riedificazione 
della chiesa arcipretale di s. Maria del Voto fuori di Forli, 1' abbiamo nel seguente 
attestato, riferito dal p. Gio. Batlisla Sajanelll nella citata sua opera (5). 

(1) Pag. 625 c seg. (4) Anche a Forli a que' giorni vi avevano eccel- 

(2) Vedi il cit. Suppl. S(or. di Sigis. Marchesi a lenti fabbricbe di majolica, fra le quali e da an- 
pag. 741 e seg. noverarsi quella dei pp. Agostiniani. 

(3) Dai libri del Catasto veccbio. (5) Tom. 111. et postrem. pag. 265 et seq. 



15* 

Al nome di Dio. Amen. 

Io Lattanzio Biondini Notaro di Forli, et della Corte Episcopate di detta Cittdfo 
fede ampla et indubitata, che deW anno mille cinquecenlo setlanta, Indizione Terza- 
decima , il di Vndecimo del mese di Giugno si vidde un gran motivo et di denlro et 
di fuori di Forli faori della Porta di Schiavonia nel luogo dove gia era una Chie- 
sa con un hellissimo Conventino dei Padri Heremitani (1) col nome della Madonna 
degli heremiti, quale era stato distrutto al tempo di Papa Caraffa (1) per sospet- 
ti di guerre, et era nata voce che quivi era apparsa la Madonna miraculosamen- 
te con tanto concorso et devotione , che e indicibile: et si vidde una Madonna in 
carta, die era in una fenestrella , dove gia si tenevano le ampolle per la Messa, 
et quivi furono posli mold lumi. Del che assentendosi 3Ionsignor Reverendissimo, 
che fu il Signor Antonio Gianotti, volendo certificarsi della verita vi andb in per- 
sona accompagnato da molti Religiosi, et vidde il tutto — Dopoi sopra questo fece 
esatninare de i Padri heremitani, et alcuni testimonii, per li quali venne in cogni- 
tione . che un Vangelista di Girolamo alevo della Casa di Dio {detto Bastaidino) 
era venuto da Faenza, e gli haveva portato quella Imagine et posta nel detto 
fenestrello per voto che egli haveva fatto di quesla ailione , il quale Vangelista fu 
esaminato col suo giuramento, et affirmb essere la verita con altre circostantie. II 
che havuto, Sua Signoria Reverendissima mandb detto Vangelista con Don Lu- 
dovico Caronlii, detto Tinturino, a quel luogo a notificare il tutto accib non si 
stesse in quella opinione che fosse apparsa da se: i quali andorono a quel luogo 
e vi trovorono gran moltiludine di gente, et con alta voce pubhlicorono questo fat- 
to , et fecero sapere come gli era stata posta per voto del detto Vangelista, et ri- 
tnnwmo , et cost rifersero a Sua Signoria Reverendissima dicendo che per questo 
non cessava il concorso et la devotione, el che si vedea che cib era volonta di Dio 
et della gloriosa Madre sempre Vergine Maria , come appare negV Atti della Cor- 
te Episcopate sotlo il di Dodeci del sudetto Mese di Giugno sotto Rogito mio. 

Doppoi sotlo il Venticinque del detto Mese di Giugno comparse il R. P. Fr. 
Stefano Gattini da Forli dell' Online dei Predicatori Lettore inanzi a Sua S. Re- 
verendissima nel Vescovato , et riferse che in questa mattina e andato a celebrare 
la Messa a quella Madonna (3) per divotione et per voto, e nel celebrare la Messa 
scoverse un gran strepilo et rumore con gran concorso di gente , et mi fu detto 
che una figliuola nata zoppa per grazia et miraculo esser falta libera, et io vo- 
lendo chiarire questa verita dissi ad una donna che haveva detta putta in brazzo 
che si ritirasse in un capanno vicino , nel qual capanno lei non poleva entrare dal- 
la gran moltiludine della gente, a talche io me gl' intromessi, et la feci entrare. 
Poi la interrogai della figliuola et di quanto era occorso: et (A) che V havevano 
porlata su un carro et che havevano havuto la gratia. Et io la feci camminare otto 
o died pcusii per il che slando la verita che fosse zoppa, giudicai essere miracu- 
lotamenle Uberata.El ordinal che fosse condolta da V. S. Reverendissima dopo disna- 
re , accioche COmpiutamente si potesse chiarire di questo fatto . Et cosi dopo disnare 
venne un Salomone de Liacchi zio di delta pulta, che ha nome Juslina di eta di 
artni tre circa, la quale fecero camminare et recamminare , e fu vista essere libera. 



'\ Del b. Metro di risa. snrA stato In quel Iiioro cofltrulia una piccola cella, 

<'i Paolo IV. forsc di legno, con ollnrn portatllc. 

in tl6 §' iufcrlscc, che dopo pochl glornl (4) Pare che manchl dine, anchc ocllo ilampato. 



155 

Et cosi il detlo Salomone fu mediante il suo giuramento sopra di questo esamina- 
to , quale depose die questa sua Nipote era zoppa si dalla destra, come dalla si- 
nistra mano , ma piii dalla destra: et intendendo questa devotione io la vodai, et 
V ho portata sul Carro in compagnia di mia Madre, et di una mia Sorella, et 
giunti alia devotione tolseno giuso questa mia Nipote dal Carro et andava zoppa 
al solito: et dopo V esser stata a due Messe nel mezzo dell' ultima Messa fu vi- 
sta detta mia Nipote essere liberata, e si comincib a giidare, la putla e rissana- 
ta. Et si esaminarono le dette donne, et eerie altre persone: et Monsignor Reve- 
rendissimo havendo visto , commesse che questo miraculo si registiasse , come ap- 
pare in delli Atli di detta Corte Episcopate . — Di piii Sua Signoria Reverendissi- 
ma verified mold altri miraculi , quali perb non furono registrati. Et vedendo Sua 
Signoria Reverendissima il gran concorso et devotione si de terrieri, come fora- 
stieri, et le grand 1 elemosine comincib a reedificare quella Chiesa: et Sua Signoria 
Reverendissima pose Indulgentia a chi li portava materia: et cosi Sua Signoria Reve- 
rendissima col Clero comincib a portare colle proprie mani delle pietre (1), et tut to 
il popolo con gran fervore faceva il simile , a talche si e ridotla in piii bel ter- 
mine che prima non era, come ocularmenle si vede: nella quale molte volte Sua 
Signoria Reverendissima ha celebrato le Messe. Et tanlo fu et e la verita. In fe- 
de di che io Lattanzio Biondini Notaro di S. Signoria Reverendissima per la ve- 
rita et a perpetua memoria ho fatto la presente fede , et mi sono sotloscritto et 
posto il mio solito el consueto segno del mio Notariato. 

IVI 

ANTONIUS EPVS etc. Montagnana, piccolo paese del Padovano, fu patria a 
monsignor Antonio Gianotti:, il quale applicatosi ne' suoi verd' anni a piu scienze, 
s' accorse in appresso che lo studio delle leggi civili e canoniche conduceva (raassi- 
raaraente a que' giorni) piii sollecitaraente, e con maggior sicurezza agli onori e alle 
cariche, onde a questo lotalmente si dedico. Portatosi quindi a Roma, e fatla in que' 
tribunali una lunga pralica, si raise ad esercitare la professione di avvocato, nella 
quale tanto progredl, che ben presto venne annoverato fra i giuristi di prima classe. 
Le lodi che raeritamente gli si compartivano pervennero sino al pontefice Pio IV 
(Medichini)} e questi non ignaro delle altre doti che adornavano 1' animo di Anto- 
nio, lo promosse nel 1563 al governo della diocesi Forlivese, che resse con vigilan- 
za, con somma urbanila e degnazione sino al 1578; nel quale lasso di tempo, oltre 
1' edifizio di questa chiesa, di quella (ora abbolita) della Madonna del Ponte, e di aver 
consacrato in Duomo 1' altare dedicato alia Concezione di M. V., con raolta energia 
e lode s' impegno alia ripristinazione della vetusta accademia de' Filergiti, della qua- 
le per un triennio ne fu meritamente il principe. E piu certamente sarebbesi adope- 
rato in vantaggio di questa citta, se da Gregorio XIII (Buoncompagni)*, e non da 
Gregorio XV o XVI come altri -vogliono; non veniva trasferito alia metropolilana di 
Urbino: carica che accett6 per obbedire al rimuneratore, ma con molto suo rincresci- 
mento. Clemente VIII (Aldobrandini) che lo teneva in molto conto, lo toglieva da 
quell' arcivescovado e lo mandava \ice-legato ad Avignone, nel quale impiego ado- 



(I) Riedificata la chiesa , se ne rese padrone il Co- ria perpetua da reggersi da un prete secolare. La Cbie- 

mune, per cui sorsero molte contese fra i pp. Romi- sa poi fu consacrata dal sun-icordato mons. Gianotti 

ti, il Comune istesso ed il Vescovo, sino a che li 21 li 12 Marzo 1577, come si ha dalla Cronaca Anoni- 

Luglio 1654 mons. Claudio Ciccoliui la dichiard Vic-a- tna, e dal cit. Sigis. Marchcsi a pag. 710. 



156 

perossi caldamenfe affinche Enrico IV si rappacificasse con la S. Sede (1). Inviato 
poscia con la stessa carica a Bologna, ivi alii 9 Marzo del 1597 fini sua vita, e nella 
chiesa di s. Petronio con molla pompa ebbe sepoltura (2). 

CCXXIX. 

10. s FRAC. (sic.) CA.NOB. s etc. Monsignor Giovanni Francesco Mazza Ca- 

nobbi patrizio bolognese ebbe la noniina di vescovo di Forli dal ricordato papa Gre- 
gorio XIII dopo la morte di raons. Marco Antonio Dal Giglio, e li 12 Ottobre 1581 
fece il suo ingresso con tale solennila e sfarzo, che mai erasi veduto 1' eguale. L'an- 
no cbe segui intervenne al concilio provincial in Ravenna, celebrato ancbe quello con 
grande pompa dalF arcivescovo Cristoforo Boncompagni (3). Allero ed avido per na- 
tura, si rese ben presto odioso non solo al popolo, ma ai Magistrati , agli Ecclesia- 
stici, ed in particolare al Capilolo dei Canonici, per cui piii volte furono spedili 
ambasciatoii al Pontejice con querele poco confacevoli ad un pastore (4) . Durarono 
quelle amarezze fino che visse il ricordato papa} al quale essendo successo Sisto V 
(Peretti), questi con la sua prudenza, e con massimo soddisfacimento e giubbilo della 
cilta lo mando nnnzio al granduca di Toscana Francesco 1 5 ed a Firenze gli manco 
la vita nelT anno 15S9. 

CCXXXI. 

SI E ARRIVATO — AVER FRUTTO DA UN FIUME ABBANDONA- 

TO etc L' interramento di quel tratlo di fiume, che anche oggidi chiamasi flume 
motto , ebbe principio 1' anno 14G1:, ed al Reggiani devesi il pensiero di ridurlo a 
collivazione, che esegui poi mellendolo in piccola porzione ad orto e a terra arrati- 
va, e il residuo a pineta, la quale venne poi atlerrata nel 1S12 nell' occasione di 
costruire in linea retta la nuova strada postale, che partendosi dal ponte di Schiavonia, 
per circa mezzo miglio conduce verso Faenza. Nella Cronaca di Giovanni di m." Picri- 
im Dipinlori (5) trovai descrilto in qual modo si formasse questo relitlo di liumc; 
ne credo inopportuno di qui rapportarne le parole. 

Un diluvio grande J' acqua venne per lo terreno de Forli 
che fe danno assae 14G1 adi 13 d' ottouio 
JRecordo como adi del mecce d' otlouro di 13 venne per lo terreno de Forli uno 
tal diluvio che '/ Jiume de Sciavonia intrb dentro la cittade in piii luoghi e venne 
per lo horgo di Sciavonia andb funa ai frade de san Girolamo da san Biaxo e af- 
fondb molto terreno e piii ville ne roma-r-e como desfatte Jima appresso Ravenna 
c per la tmpa abondanca d' acqua la qual fe un altro corso novo Jima apresso Ra- 
venna e multi campi de grano romaxe perdude in tulto. 



'1 Su quelle vcrlenze puo vedersl flotta Carlo, 
storin ec. 1 ii. Mil. v pag. «o n ieg. 

Warchtti Giorg. Viv,, M&norlt dtf Filtrgt- 
U <~! Matini it. Antonio, Bolognaptr- 

luttrala part. Ml- pag. 230 — PorUnati Angelo, le- 

liritii rli PadOVO Clt. Illi. I\. <ap. 8. 

/ obM dir. S<i(jr. Mem. di Raven, cit. 
fi.irl. II. pag, I .". 

Parole 'li 8igl$, Marrheii nel Suppi. Slor. 
• it. i pag, -;i7. 

' L' aatografo <n qnetta eronaca apparteneva n 
moil i \ hrlano Harched) nt il H conic per- 

nio i in Roma, ore non ba guarl fu renduto per 

S<\ |0. Do varl loogbl delle due copic the abblamo 



nell.i blbUoteca comtinale, mancanti pcro, ho potuto 
accorgerml cssere sialo il Dipintori conslgTlere ed 

;ni/ 1. in-.. Si dilclld anclie di poesia, c cc lo addimo- 
stra un souelto da lui composto per la ranonizzazlo- 

nc del l). Bernardino da Sleua i accadula li 24 Maggio 

HBO, ed allre rime sparse in delta sua eronaea, chela 

Ineomlncld a tcrirere del t4iO f e termlnacol (484 In 

cui force CCUO di vivere. Mi presi I'arbilrio poi di 

Bgglungnere i» questo brano nil accent!, gli apoitrofl 
e camblere alcune volte la lettera « in i>, non aneo- 

ra DHtl in (|"el IBCOlo (come nolo il profess. Pielro 

Pfapoli SignorelU ne' Mtol Eltmenti di ('riiira Di- 
plomaltca impress! a Parma e a Milano nel 1805) ou- 
de rendere inrno oscuro II dettato al Icllorc. 



151 

Miss. Piero Baldracano ne fo ambassadore . El signore (1) 
con gli ciltadini lavorava al Jiume de loro wane. 

Convenne per la caxone del ditto deluvio die 'I Signore provedesse con gh 
ciltadini. E pertanto el gov." de Ravenna scrisse al nostro Signore che volesse fa- 
re tal provivione che el Jiume de Forli non gli noyasse el terreno de Ravenna e 
passb piii ambassade infra loro, e miss. Piero Baldracano in fo ambassadore e 
fo comencado per mano del nostro Signor con multe cittadini con lue lavorando 
manualmente circa 1 miore uno fosso novo comencado rimpetto la tone del Qua- 
die (2) e venendo verso el ponle de Sciavonia per modo che fo piii de 2000. oure 
e non gle posse mai intrare el jiume tanto avea el fume amonido e V engegniero 
era m.'° Iacomo Cardelino. 

Mencione de multe edi/izii trovade in quello cavamento 

Fra li allre novitade voglio memorare de le cose antighe che trovade cavand' 
el fosso sovraditto el quale cavamento era de mezza pertegha la sua covecca et 
era presso el fume a un butare de mano el era luogo sciutto. E qui fo trovade 
battude de gieoce lavorade con bel muccaico et era in piii luoghe e molle sepulture 
se trovava per tut to e la piii parte con de tolli grande e lunghe como pavixe in 
gle quali erano scorpide molte belle letlere a ognuno e trovosse medagle d arientu 
e d oro e de ramo e de ferro e quelle parea de mano de maistri vanlazadi e que- 
ste letlere de sotta sono la forma. Per molle persone antighe se crede fosse I an- 
iiga cittade de Livia che per san Mercurale se i-esse de qua dal fume cio e Forli 

T. ?KK T . SXHISTOR. 

Da queste lettere Paolo Bonoli (3) fu tralto a credere, die in un' urnelta rin- 
venula nella mentovnta escavazione sotto ad uno di que' matloni, posseduti in pro- 
cesso di tempo dalla famiglia Padovani, vi giacessero le ceneri di Tito Papirio (4) e 
di Sesto Rufo islorico (5); se non che nel rifarsi 1' anno 1843 !a strada che immet- 
te nello stato toscano, essendo slati dissotlerrati e spezzati dagli operai parecchi mat- 
toni di siroil fatta, de' vasi cenerari ecc, il gia ricordato sig. Luigi Beuedelti amatoie 
delle cose antiche, frugando fra que' rottnmi ebhe la sorte di rinvenirne un pezzo con 
sopravi il marchio del quale qui si da. il facsimile: 



IERMM1C»'€5 



cioe TITVS . PAPIRIVS . TITI . LIBERTYS . SYNHISTOR — GERMA3ICO 



(1) Cecco Ordelafli allora per eta era signore di 
Forli . 

(2) La cappella detta comunemente di m.° Gtiio 
rimpetto la via Battuti Verdi e posta sugli avanzi 
<li quella torre (o bastioiie), cosi forse ehiamata dai 
grandi quadri di marrao che la flancbeggiano nella 
searpa, come anche oggidi si vede. 

id 



(3) Storie di Forli pag. II. prima ed. 

(4) Ed ecco erroneamenle , a seconda di Sigi- 
smondo Marchesi Suppl. Stor. pag. 25, la notile 
famiglia romana Papiria stabilita in Forli. 

(5) Giovanni Fabricio nella sua Bibliotheca La- 
Una (Venet. 1728) lo chiama Festus Rufns. 



!58 
CONSVLE (1), altro non denotante, che il nome e il cognome del fabbricatore o 6gulo. 
siccome gia aveva opinato 1' illustre nostro Morgagni (2) . — Interpellato su tale pro- 
posito il chiarissimo signor cavaliere Bartolomeo Borghesi, mi fu gentile della seguen- 
te risposta — » Potremo ora tenere con sicurezza, che tulta la storiella Bonoliana 
?» sia unicamente fondata sul mattone di cui Ella ha trovato copia nella cronaca Di- 
ss pintori. Se questa e esatta, come pare, vi avremo una piccola diflerenza dai due 
55 analoghi posseduli dal sig. Benedetti (3). Sta nel nesso r f 1 Titi Jilius , mentre uno 
- di questi ci offre "J} Titi Libertus , il che importerebbe che non fossero la stessa 
» persona, ma che 1' uno fosse il figlio 1' altro il padre, benche il figlio secondo gli 
55 usi antichi come primogenito conservasse tutti i nomi paterni. Synhistor poi non 
» e il prenome, ma il cognome dei nostri due figuli, tratto come il piu di sovente 
■•■ nei ferri, e nei liberti dal Greco, essendo tolto di peso dal ovvlcTQp-, che signi- 
» fica conscio , consapevote ecc. — 

Le soprallegate autorila non lasciano piii in dubbio di dover togliere i nomi di 
Tito Papirio Istorico, e di Sesto Rufo dalla serie degli lUustri di Forli. (4) D'al- 
tronde la nostra patria non fu mai si povera d' uomini preclari d' avere necesila di 
accattarne da altri luoghi. Ma li Storici forlivesi furono a cio strascinati dal soperchio 
amore di patria onde primeggiare sulle citta vicine^ smania comune piu o meno an- 
che agli altri Storici municipali italiani, che scrissero in tempi in cui poco o nulla 
curavasi la critica, tanto necessaria in si fatto genere di sludj: 

»5 E questo fia suggel ch' ogni uomo sganni . 5» 



(1) Stando ai Fasti Consolari di Carlo Sigonio 
( opera omnia, vol. I. col. 595. ediz. di Milano 1732 ) 
il primo consolato di Germanico sarebbo accaduto 
nell'anno 12 dell' era nostra. 

(2) Epist. Aemil. XI. S- 8. 9. 

(3) L' altro pczzo ha il marchio di forma piii 



piccola, perchc facilmcnte dovea servire per maltoni 
di minor grandezza. Dice perd piu compendiosamen- 
te Io sicsso, cioc PAPIR SYNH. 

(4) Marchesi Georgii Viviani, Vitae Viror. II- 
lustr. forol. cit. pag. 215, c Marchesi cav. Giorgio. 
I Lustri Forlivesi cit. pag. 176. 




159 



N. B. II numero romano indica V Iscrizione: Varabo, la pagina ove 
e V lllustrazione: e il numero arabo fra parentesij la not a 
alY lllustrazione. 



Acarisj Ardizione ccxiv 
Aconzj Girolamo cxciv-119 
Agata (S.) xxi 
Agresti Livio ao-(8) 
Alberganti abbate Gervasio liv 
Albertini Nicola clxxviii 
Albicini Girolamo clxxviii 

n patrizio Giuseppe cv-67"-(5) 
Aleotti famiglia xlvi 

» Francesco clxxxix 

y> Polissena cxviii-cxix 
Alessandro YII papa cxxiv 

» vescovo xxvni 
Aliotto maestro iL-39 
Amadori d. Lorenzo 111 -(a) 
Araanni (B.) Marcolino xcm- 66 -(8) 
Ascensione (Dall') p. f. Giovanni cci 
Aspini arcidiacono Cristoforo cxxix-cxxx 

n Barbara ivi 

r> Paola ex 
Aste(Delle) monsig. Nicolo xcm-65-66-(7) 
Augustini card. Stefano xiv-i8-(4) 

IS 

Bagioni p. fr. Pier-Antonio ci-66 
Bartolelli monsig. Cesare lxii-49 
Bartolini abbate Nicolo liii-4o 

» cav. Ettore civ 
Battista (S. ) Giovanni cxcvm-iao-ccxv 
Battistero della chiesa di s. Mercuriale li-lh 
Baylon (S.) Pasquale lxiv 



Beata V. di Camaldolino ccxxvi 
» della Ferila xvm-ao 
55 del Fuoco x-xrx-xx-i6-20- 

CLxxxvi-117 
» della SS. Trinita xxx 

Bedolini famiglia lxvii - 49 
55 Stefano ccxxn 

Benedetti famiglia xlvii 

Benedetto XIII ic-cxxiv 

5> XIV XLIV-CXCV 

Bernardi Paolo ecu 
Bezzi nob. Antonio clxv 

n Francesco clxxii 
Bianco fra Piero ccx-i3a 
Bofondi Pier-Giovanni cxci-118 
Bondi Antonio lx 
Boni parroco Michele ccxix 
Borgia Cesare cxcvi-120 
Borromeo card. Vitaliano clxxxiv 
Boscbi mag. penit. Gio.-Carlo ccxxi 
Botarchi famiglia xlviii 
Brandolini (v. Dall' Aste) 
Brascbi donna Giulia clxii 

n card. Romualdo CLXxxv-117 
Brunacini nob. Giuseppe clxvi 
Brunelli scultore Francesco cv-67 

» don Wicolo ccxxvm 
Burlini abb. d. Ignazio liv 



C 



Canobbi - Mazza mons. Gio. Francesco ( v- 

Mazza-Canobbi) 
Canonici e Capitolo di Forli xiv 



140 

Carino (Servo di Dio) Caro evil 
Castelliui canonico Fabrizio Lxi~4a 

jj monsig. Francesco Lix-42 
Cattedrale di Forli xrv-iS-(5) 
Celletta di Giglio clxxii - 1 3 7 - (2) 
Cbiesa Primiceriale di s. Mercuriale 33 a 4a 
« Arcipretale di s. Maria in Lampio o 

Yillafranca ccxxxiv 
» y> di s. Maria dei Roniiti ccxxix- 

ccxxx-i33 
v n delb. SS. Trinita 22a32-xuv 
»» parrocchiale di s. Giacomo mag. 

apost. in s. Lucia 54 a 55 
» » di s. Girolamo 4<> a 5i 
» » di s. Gio. Battista in Ronco 

ccxv - ccxvi - CCXVH 
» » di Grisignano ccxxm 
m » dei Ss. Marco e Michele in 

Magliano ccxix-ccxx 
j> w di s. Maria in Laterano 52 a 53 
v> » di s. Maria in Pianla cciv 
» » di s. Maria Maddalena in Vil- 

lagrappa ccxxvm 
» » di s. Martino in Villafranca 

ccxxxm 
y> n di s. Tommaso apost. in Du- 

razzanino ccvi 
» di s. Caterina 87 a 89 
m di s. Chiara clix 
» del SS. Corpo di Cristo 83 a 80 
y> di s. Filippo ?3 a 80 
» dei Gerolimini, o Romiti clvh- 

CLViii- 107 
y> di s. Giacomo mag. apost. dei pp. 

Predicalori 5G a 67 
y> del Ginnasio clv 
■» della Madonna del Fuoco cxlvi 
j» di s. Maria di Fom6 ccx-ccxi- 

CCXII-CCXIII-l32 

m di s. Maria del Popolo dei pp. Cap- 

paccini cc-cci-cai-ccm 
v> di s. Maria do 1 Servi 08 a 72 
v> di s. Salvatore clx 
y> di s. Sebaatiano cxlvii-cxlviii 
•n di s. Stefano proton, xxvm 

« del SiifTr.-igio Si - 82 

' nug. Claadio \i-i4-cxxiv 



Cignani dott. Domenico cxxv 
Citrini Marino scultore xxii-20 
Clemente VIII ccxxiv-i33 

» XI CLXXVII 

95 XIII CLXX1V 

Coleti abbate Giandomenico 5o-(i) 
Collaterali del Campidoglio 18 -(2) 
Colombani conie Andrea ccxxv 

» » Francesco Maria ivi 

» » Giovanni ivi 

n n Giuseppe ivi 

»» n Luigi ivi 

Colombano (S.) ivi 

Coltrari Sebastiano txxvm-5o 
Compagnia del SS. Sacramento in s. Mer- 
curiale LX 
Confraternita di s. Marino lxxxi 

» del SS. Sacramento in Scbia- 

vonia ivi 
» del Suffragio cxxx 

Corbici Filippo clxv 
» Francesco cxix 
» Vincenzo cxvm-79 
Costanzo (S.) martire cxli 

D 

Daldi Francesco 39 -(3) 
Dall' Aste Barlolomeo c 

n Cosimo, e Fratelli ccxvni 

55 verier. Fabrizio cxxiv-cxxvm-80 

n canonico Geronimo c 

» Brandolini arcidiacono Livio vn- 
i5 
De' Nobili arcipr. Alberto lxih 
Dipintori Giovanni i36 
Dulcini p. lett. Antonio Maria cvi 

55 Veronica ivi 



F 



Faollas padre Giuseppe clvii 

Pederico Augusto II i6-(i) 

riurini conic Pelruccio xciv-xcv-xcvn-ci,xvi 

55 canonico Fabrizio dette 

5» Francesco deltc 

5» Francesco nipote dette 



141 



Fiorini Giulio Antonio dette 66 

y> cav. Giuseppe dette 

» Giulio Antonio Marcolino dette 
Forli (Da) r. p. Giambattista lxxx 

» CLXXXII 

Fortunata (S.) martire cxli 

Freddi Girolamo ccm 

Fuguano (Da)/?, f. Angelo lxix 

Gaddi dotlor Baldassare lxxvii 

y> conte Giambattista clxvi 

•>■> » Melchiorre clxxi 
Gberardo (B.) cxcvm-120 
Giacomo (S.) mag. apost. lxxxix 
Gianotti inonsig. Antonio ccxxx-i34-i35 
Giulio II papa ccxi-ccxii-ccxm-i33 
Giuseppe (S.) xxix 
Gnoccbi abb. d. Bruno L-39 

■» dott. Girolamo cxcvn-120 
Grato (S.) n -in- 1 3 
Graziani Lambertino ccxiv 
Gregorio XIII papa ic 
Grimaldi bah fra Girolamo ccxvi 

r> card. Nicola i33 
Guarini cav. Giovanni 17 -(3) 
Guastuzzi abb. d. Gabriele 22 

II 

Hercolani Cesare lxxii-49 
I 

Immagine di Gesu Crocifisso xxxvm 
Innocenzo (S.) martire cxlvih 

y> III papa clxxix-h3 

y> XII papa clxxvi 



Lardelli Giacomo xxm 

Lauro pretore Antonio clxxxvii -117 

L aziosi Jhmiglia xliii 

» (S.) Pellegrino xui-cxi-cxii-71 
Lojola (S.) Ignazio cxxxvi 
Lojoleo Theodolo cxxxv-86 



HI 



Majoli parroco Giovanni Antonio cciv 
Maldenti contessa Felicia xc-64-(a) 
Manfredi Barbara lxxvi-5o 
Marcello (S.) n-m-i3 
Marchesi nob. Alessandro clxvi 

y> monsig. Bernardino cxc-118 

« Eufemia clxviii-iio 

» Giulio Cesare cvm 

» cav. ball Giorgio Viviano i-i3- 
cxi-cxii- 7 1 - (6) - (7) - cxc 

» cav. fra Willelmo ccvn 
Maria V. Addolorata cxxxix-cxl 

» (S.) di Fornd ccx-i32 
Mattei Pompeo clxxxix-ii8 

» Stefuno clxxviii 
Mazza canonico Filippo ccxxxn 
Mazza - Canobbi monsig. Gio. Francesco 

ccxxix-i36 
Mazzoni Nicola clxii 
Medici (De) Lucia xcn 
Mercuriale (S.) vescovo xxvi-xxvm-xxxvi- 

xxxvii- 3 1 -L 
Mercuriali Francesca lvi 

» Gerolimo ivi-4o e seg. (4) e seg. 

w Giovanni ivi-4° 

Meuganti Jhmiglia xlvii 
Merenda Jhmiglia lvh 

55 contessa Francesca lxxxvii 

» conte Giuliano lviii 

» ■>•> cav. fra Giuseppe clxvi- 

cxcviu-109-ccvn 

» y> Lodovico lviii 

Merlini conte Camillo cxxu 

55 Cristoforo cxxvn 

» Filippo ivi 

» Francesco cxxvi-cxxvn 

» card. Lodovico cxni-cxiv-71- 
(io)-72-clxxiv 

» contessa Maria Lucrezia xcv 

» Mercuriale cxxvi 

y> Paolo cxxvn 

» Pietro- Martire cxxi-cxxii 
Michelini don Andrea 86 
Monache del SS. Corpo di G. C. lxyi 

» Domenicane xxxvi-cxLin-89 



142 

Monachi Camaldolesi ccxxvi 

r> Vallombrosani l-liv 

Monsiguani Alessandro cxcrx-ccrx 

y> Bartolomeo cxcix-ccvm-ccix 

» Fabrizio cxcix-ccix 

w Girolamo ccvm-ccix 

» Giuseppe cxcix-ccvm-ccix 

» Albicini Margarita lxx-cxcix 

w Marcolino cxcix-ccviii-ccix 

»' Paolo ivi 
Monte di Piela clxxi 
Moratini monsig. Bartolomeo xxxix-32 

>' cav. Valeriano ix 
Morcelli abb. Stefano 86-117 
Morgagni Agostino lxxv 

n Antonio ivi-5o 

« illustre Giambattista ivi-CLXxxu- 
n4 e seg. 

55 Giambattista lxxv 

w Valeriano ivi 

Numai Luffo cix-70-(i) 

o 

Oliva Fabio 108 -(1) 
Oratorio dci Celestini g5 

r> di s. Francesco Regis 92 

« di s. Giuseppe g3 

» delle Orfanelle veccbie 91 
Ordelaffi Antonio xvn-20 

» Pino III 21 -j.iii-lxxvi-lxxix- 
5o-clxxxix 
( >tm Hi Almerico xn 

n Ferante cmi-clui-io7-(i) 

n vena: Francesco cm 

» suor innucen/.a cxliv -CXLV-H9 

n Sebastiano ccxxn 
Orsi Ghecco lxxxmii 
Orto ( S.) martire cliv 
Ottone llll imperat. clxxix-ii3 



Palatini Giambattista clxxvih 
Palazzo Aconzj cxciv 

» Paulucci cxcm 
Paola (Da) s. Francesco lxxxvi-lxxxvii- 

lxxxviii 
Papirio Tito Liberto 187 
Pasquale (S.) Bay Ion lxv 
Paulucci card. Camillo cxxi-cxcv- 119 

>» rejerendario Carlo xcn 

n Caterina cix 

y> marchese Cosimo vm-cxxii- 

CXX1II-CLXXXI 

» card. Fabrizio Tin- i5 e seg. 

LXX1V - CLV - CLXXVI -111 

» carri. Francesco clxxx-clxxxi - 
1 6 - 1 1 4 

» Giovanni lxxiv-xci-65 

v> Giuseppe xcn 

» Luigi lxxiv 

n Yincenzo clxv 
Peppini, Peppi o Pepponi 39- (2) 
Pelrignani Livio clxvi 

w Pier-Paolo clxv 
Piacenlini arcipr. Pier-Francesco xxxi-3i 
Piazza monsig. Francesco Micolo cxm-89 

55 card. Giulio xav-CLXXVii-111 e 
seg.-(i) 

55 contessa Maria Rosa xciv-66 
Pietro abbate di s. Mercuriale il-39-(4) 
Pilla dell' acqua benedelta nell' arcipretale 

della SS. Trinita xxvu 
Pinelli Giambattista 64 -(2) 
Pinto cav. fra Emanuele cxcvni 
Pio (S.) martire cxli 

55 VI papa vii -xxiv -xxxvi -clxii 
Ponliroli Giuseppe cxxxi 
Popolo forlivcse iv-x-clxxxv-clxxxvi- 

ccxxx- 1 33 
Porta di Scbiavonia cxcv 
Portico di 8. Girolamo lxii-49 
Porzi Bartolomeo lxxiii 

55 Francesco i.xxiii-cxlvii 

>5 Giuseppe ivi 
Preli della CODgreg. della Missione clv 
Pungelli captiano Antonio cxx-79 



Padoa (Da) s. Antonio ix-cxxxi 







Quartaroli arcipr. Francesco xxiv-xxix- 

XXXIII - XXXVIII - XLII - XLV -32 

R 

Rasponi Francesco xi 

» monsig. Giovanni xi-I7-(4)-lxxxvi 

» Giambattisla xi 

j> Giuseppe ivi 

» Ipolito xi 
Reggiani Gh'olamo xxn-ccxxxi-i36 

Innocenzo xxxn 
Riceputi don Rartolomeo i8-(4) 
Richelmo vescovo ccxxvi 
Ridolfi parroco Giovancarlo lxxxiii 
Rizzoli Giovanni 20 -(8) 
Rosetti conte Francesco clxv 
Ruffini monsig. Mario cxcii-118 



s 



Salomoni (B. ) Giacomo en 

Salvolini parroco Giancarlo ccxix-ccxx 

Sandroni parroco Giacinto lxxxiv 

Sanvitali Guarino clxxix-ii3 

Sassi conte Antonio lxxxvii 

» Deddo cLxxvm 

» conte Francesco lxxxvii 
Savigliano (Da) fra Rodolfo lxviii-49 
Savorelli dottor Domenico 64-(3) 

•5 nobile Giovanni Antonio clxvi 
» padre Valeriano clviii-io? 
Scanelli Barbara xn 
Scrittori parroco Giovanni Maria ccvi 
Seminario clxiii-clxiv 
Senato e Popolo forlivese clxxiii-clxxiv- 

CLXXV-CLXXVI-CLXXVII-CLXXX- 
CLXXXVIII-CXCV 

Siboni parroco Andrea lxxxii-53 

» Giovanni cxv 
Societa della Misericordia 17 -(4) 
Solumbrini canonico Bartolomeo cxvi 



145 

Solumbrini nobile Livio cxvi-cxvii 
Spada card. Bernardino clxxv-iio 
Spedale civile clxv -clxvi- 107 a 109 

» dei Pellegrini clxvii 
Spezieria de' Poveri clxviii-clxix-clxx 



T 



Tartagni monsig. Lorenzo xl-xli-32 
Tasso Torquato 4° "(4) 
Teofili monsig. Fulvio xm-17 

« Sertorio ivi 
Theodoli monsig. Giacomo xv - 1 9-cxxiv- 
clix 

» card. Mario cLxxxm-117 
Torelli marchese Silvio xvi-xxxiv-xxxv 

55 monsig. Tommaso xvi-19-Liv- 

XCVIII - CLXIII - CLXVI - CCVI 

Torello (B.) xxxv-liv-lv 

Trombelli ablate d. Gio-Grisostomo 1 1 7- 

(*4) 

U 

Ubaldo (S.) vescovo xxxn 
Ungarelli (B.) Giacomo lxxi-49 
Urbano (S.) martire cxxxvm 

" "VI papa 79 -(4) 
Urceoli Giuseppe clvi-clxv 

V 

Valenti- Gonzaga card. Luigi cxxxv 
Valeriano (S.) e Compagni Mm. ii-m-iv- 

i4-ccxxvii 
Vallicelli parroco Francesco ccxxvm 
Vecchietti cav . fra Bernardo ccxvii 
Vignoli monsig. Giuseppe v-vn- i4~clxv 

z 

Zaffi Lorenzo clxxvhi 

Zampiga (P.) Gio. Pasquale lxvih 

Zanni abb. Pielro 38 




FORLl TIPOGRAFIA DI MATTEO CASALI 

ALL' INSEGNA DEL MARCOLINI 

VIA S. SALVATORE H. 1074. 

■™ i ~ ii 



Forolhni 6 Augusti 18/J9. 

IMPRIMATUR 

Fr. Aloys. Th. Ferrarini Ord. Praed. S. The]. 

Led. et Vicar. S. Officii. 



Forolivii 6. ejusdem. 
I3IPRIMATUR 

F. Canon. Matteucci Pro- Fie. Gene/- 



1KKOK1 E iOIIIUZIOVI 



Pag. 


14. 


Lin. 


33. 


1780 


1782 


n 


16. 


99 


IS. 


a Penitenziere 


e Penitenziere 


» 


n 


99 


38. 


Franceseo Piazza 


Francesco Piazza 


99 


17. 


n 


2. 


prosseguiti 


proseguiti 


* 


» 


n 


25. 


adolti 


addolti 


99 


20. 


Not. 


(9) 


Bibiiolea 


Biblioteca 


n 


31. 


» 


(4) 


Cobclli 


Cobelli 


» 


32. 


Lin. 


17. 


fe ampliare 


fece a m pi i a re 


99 


36. 


» 


29. 


SEPOLTVRAM . 


SEPVLTVRAM . 


99 


3S. 


» 


37. 


milesimo 


millesimo 


m 


40. 


?» 


2. 


Nicolo 


Niccolo 


n 


» 


35 


4. 


milanteria , 


niillanleria. 


99 


49. 


M 


22. 


Flamio 


Flaminio 


9» 


n 


Not. 


(8) 


pagini 


pagiue 


t> 


50. 


93 


(4) 


cbes Aug. 


cljez Aug. 


n 


57. 


Lin. 


34. 


CX1I. 


XC1I. 


>» 


59. 


» 


19. 


a dittta 


a dritta 


y> 


67. 


99 19 


-20. 


raguar-devoHssimi . 


ragguar-devolissimi. 


93 


74. 


99 


11. 


MO.EROR1S 


MOERORIS 


99 


78. 


59 


11. 


STEHANI FT 


STEPHANI ET 


99 


79. 


33 


20. 


avvaiuava 


avanzava 


H 


83. 


» 


32. 


POTIFICE . 


PONTIFICE . 


95 


86. 


n 


4. 


CXXXUI. 


CXXXIV. 


99 


99 


99 


11. 


CXXXIV. 


CXXXV. 


99 


88. 


5? 


19. 


jEPISCOPALI 


EPISCOPALI 


99 


89. 


55 


16. 


sunieulovato 


summentovato 


99 


94. 


95 


25. 


SINGOLARIS . 


SINGVLARIS . 


99 


103. 


55 


8. 


traslat^e 


TRANSLATE 


99 


104. 


55 


14. 


RALDUCCI 


BALDUCCI 


♦9 


» 


55 


19. 


MENDlCIS(Wc) 


MENDICIS 


99 


33 


53 


30. 


BOFONDH 


BOFOND1 


»» 


110. 


55 


5. 


galeria 


galleria 


»» 


111. 


53 


7. 


del presente 


della presente 


99 


99 


Not. 


w 


PATBOSIA FOROL1VIJ 


PATBONA CIV1TATIS FOROLIVll 


99 


112. 


95 


(I) 


scallone 


scalone 


99 


» 


99 


(4J 


adi 27 


addi 27 


W 


113. 


Lin. 


38. 


Caroccio, 


Cairoccio, 


99 


117. 


95 


23. 


honorarie. 


honorai iae . 


f> 


118. 


Not. 


(3) 


sopressa 


suppressa 


r> 


120. 


Lin. 


38. 


Giuseppe Merenda 


Angelo Maria Merenda 


y> 


123. 


5» 


8. 


ANlNO mdcclvi. 


ANNO MDCCXLVI. 


99 


w 


95 


22. 


UTILATEM . 


UTILITATEM . 


n 


126. 


99 


26. 


BAPTISAE 


BAPTISTAE 


99 


» 


95 


31. 


TVTTO 


TVTTO (sic) 


99 


131. 


59 


30. 


POROLIVII 


FOROLIVII 


» 


139. 


Colon. 


II. 


Brunelli don Nicnld 


Brunelli don Nicco!6 


99 


142. 


99 


I. 


Padoa (Va) 


Padova (Da) 



Edizione di soli 480. esemplari 



Prezzo imo Scmlo 



Trovasi vendibile in Forli , per conto delV Autore 
dal tipogrqfo Matteo Casali. 




_!■■_